• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, gioia social per l’esonero di Mazzarri: antipatico di (poco) successo

Inter, gioia social per l’esonero di Mazzarri: antipatico di (poco) successo

Per il tecnico toscano è il primo licenziamento in carriera: l'occasione per riflettere sui suoi errori?


Walter Mazzarri (Getty Images)
Antonio Papa (@antoniopapapapa)

14/11/2014 19:33

INTER THOHIR MAZZARRI MANCINI / ROMA - Evidentemente Thohir è uno a cui piacciono le sorprese. Così, come un fulmine a ciel sereno, dopo giorni e giorni in cui le acque sembravano essersi calmate, arriva l'esonero ormai inatteso di Walter Mazzarri. Squadra a Roberto Mancini e quel record (mai un esonero) che affonda con Mazzarri, capitano coraggioso ma in disgrazia, lui che a Schettino ci somiglia pure un po', non fosse altro che per la dimestichezza con l'acqua. Ogni riferimento a lacrime e piogge varie è puramente casuale. 

GIUBILO "SOCIAL" - Adesso sui social Napoli e Milano non sono mai state così unite nell'esultanza, neanche quando perde la Juve. Il motivo, ci sembra di capire, va ben oltre il mero risultato sportivo, che tutto sommato non è stato neanche così malvagio: nella storia dell'Inter e del calcio italiano si era visto ben di peggio. Eppure contro Mazzarri si era aperta una campagna dileggiatoria niente male, con hashtag eloquentissimi e tanti, troppi "nemici" disinteressati ma molto attenti a gufare bene. L'unico difensore del tecnico livornese sembra essere rimasto il suo ex pupillo Valon Behrami, che direttamente da Amburgo sbotta così: "Che ci trovate a godere delle disgrazie altrui?". Ecco, proviamo a farci un'idea. 

ANTIPATICO DI (POCO) SUCCESSO - In realtà non ci vuole un sondaggio dell'ISTAT per capire il motivo di tanta gioia. Mazzarri ai tifosi è antipatico, ad alcuni giornalisti anche di più. Nonostante i tanti successi ottenuti in carriera, ogni piazza che ha lasciato non lo ricorda con affetto, e chi lo aveva adesso in carica non si è mai strappato le vesti per lui. Walter paga il piglio burbero, le tante auto-celebrazioni spesso immotivate (un'auto-biografia con una sola Coppa Italia in bacheca... era proprio necessaria?), le scuse improbabili e un po' grottesche dopo ogni sconfitta. Caratteristiche che ne hanno fatto un autentico anti-eroe, che su Facebook ha ispirato tante pagine satiriche. 

IL TEMPO PER RIFLETTERE - E' andata così, c'è sempre una prima volta. Il fatto che a Mazzarri sia arrivata così tardi è sicuramente un riconoscimento ad una carriera fatta più di alti che di bassi. Ora però è arrivata, e con essa tanto tempo libero e la possibilità di pensarci su. Da "secchione" della panchina il signor Walter non ha mai badato molto alla sua immagine, senza afferrare che invece di questi tempi avere una buona stampa fa più di tante vittorie. Chissà se quando tornerà in sella lo troveremo cambiato, almeno un po', chissà se proverà anche solo a sforzarsi di essere simpatico. Diciamolo, se un'avventura finisce così male non può essere certo colpa solo della pioggia e dei calci d'angolo. Adesso forse potrà capirlo anche un testardo come lui. 




Commenta con Facebook