• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI FIORENTINA-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI FIORENTINA-NAPOLI

Gli azzurri dominano con gli ispanici sugli scudi, suicidio di Montella a centrocampo: fra i viola si salva Cuadrado


Gonzalo Higuain (Getty Images)
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

09/11/2014 20:10

Ecco le pagelle della partita fra Fiorentina e Napoli.


FIORENTINA

Neto 6 - Una paratissima su Hamsik al quarto d'ora della ripresa salva letteralmente il risultato. Nulla può sulla conclusione di Higuaìn che vale lo 0-1. 

Tomovic 4,5 - Contro Insigne e Mertens è sofferenza costante, la più grave però la combina al centro dell'area, quando svirgola direttamente sui piedi di Higuaìn. Come mettere una pistola carica in mano a Billy The Kid. 

Rodriguez 5 - In confusione totale, e non è la prima volta negli ultimi tempi. Higuaìn e compagni gli sfuggono ovunque, perde la bussola appena il Napoli affonda il colpo. Alla fine regala a Mertens un pallone che avrebbe chiuso il match con dieci minuti d'anticipo. Va recuperato assolutamente, anche lui per questa squadra è fondamentale. 

Savic 5,5 - Anche lui vive una gara tutt'altro che semplice. spesso si aiuta con il fallo, a volte passa minuti interi letteralmente in apnea. Però dalla sua parte c'è uno spauracchio come Callejòn, e lui spesso scala a dare una mano ad un Alonso in difficoltà. 

Alonso 5,5 - Con Cuadrado dalla sua parte costringe il colombiano agli straordinari anche in difesa, poi perde il riferimento lì davanti e sembra andare molto nel pallone. A sua parziale discolpa c'è una discreta guardia fatta su Callejòn, pur con qualche "aiutino" dai compagni. Sostituzione quando ormai non ne aveva davvero più. (Dal 38' st Pasqual sv)

Fernandez 5 - Il centrocampo troppo light della viola non gli giova per nulla. Non trova mai la giocata giusta e finisce a rincorrere gli avversari, spesso in maniera sterile. Naturale, visto che non dovrebbe essere questo il suo compito. Cresce lievemente alla distanza, ma poca roba. 

Aquilani 4,5 - Piazzato davanti alla difesa al posto di Pizarro, la scelta si rivela quantomai infelice. Sbaglia appoggi anche a pochi metri, regala diverse ripartenze al Napoli. Un disastro. (Dal 19' st Pizarro 6 - Il suo ingresso in campo contribuisce a dare più logica al centrocampo dei padroni di casa, e i risultati si vedono: nel finale la Fiorentina costruisce meglio e va anche vicina al gol).

Borja Valero 5 - Da capitano e leader di una squadra che ha bisogno di ritrovare una certa identità risente parecchio dei continui esperimenti tattici di Montella, che sembra voler togliere sempre più sostanza alla mediana. La conseguenza è che quel lavoro poi deve farlo lui, con ovvie ripercussioni su ciò che sa fare meglio. 

Ilicic 5 - Il suo inizio sembra promettere bene, poi cala progressivamente alla distanza, finendo per innervosirsi e per sbagliare anche i passaggi più semplici. Nella ripresa qualche colpo lo batte, ma mai abbastanza. Uscita - con fischi annessi - meritatissima. (Dal 27' st Gomez 6  - Il centravantone tedesco ci mette una decina di minuti per prendere le misure a Koulibaly. Gli salta alle spalle, incoccia un cross di Cuadrado ma prende in pieno la traversa. Col tempo a disposizione è già molto. Coraggio ragazzi, il Torero sta per tornare).

Cuadrado 6,5 - Gran partita di sacrificio nel primo tempo sulla sinistra, a dare una mano ad un Marcos Alonso non troppo a suo agio. Nella ripresa passa a destra nella mediana a cinque e passa a fare ciò che sa fare meglio, ovvero creare gioco per i compagni. La Vespa sgomma, conclude (miracolo di Rafael) e crossa (traversa di Gomez). Fra i pochi a dire la sua anche in una partita un po' così. 

Babacar 6 - Il ragazzo ha stoffa e personalità, lo dimostrano il missile da 35 metri che scheggia la traversa e uno splendido dribbling a seguire su Albiol, che lo rimonta. Gli manca il gol, ma non ha molti palloni giocabili. Molto più nascosto nella seconda frazione di gioco, dove obiettivamente poteva fare qualcosa di più. 

All. Montella 4,5 - E' davvero un peccato vedere questa Fiorentina, una delle squadre sulla carta più belle del campionato, vittima non solo della sfortuna ma anche di una crisi di identità frutto anche della continua sperimentazione del suo allenatore. Un modulo incomprensibile in partenza, con tre trequartisti in mezzo al campo e due ibridi ad appoggiare Babacar. Il Napoli domina per tutto il primo tempo, nella ripresa alla Fiorentina va un po' meglio ma di certo non tiene il passo, tant'è vero che alla fine arriva la mazzata. Tutto ciò che di bene si dice su questa squadra è merito suo, ora però è il momento di ritrovare la strada maestra. In bocca al lupo. 

 

NAPOLI 

Rafael 6,5 - Un miracolone su Cuadrado al 58': il colombiano conclude forte ma angolato, lui si tuffa e devia con la punta dei guanti. Una bella pacca sulla spalla in un momento complicato. 

Maggio 6 - Tiene a bada Cuadrado poi Ilicic, prova ad appoggiare Callejòn per quanto gli è possibile. Un po' impreciso negli appoggi, prestazione comunque nettamente sufficiente. 

Albiol 7 - In nettissima ripresa rispetto alle ultime uscite, un paio di chiusure notevolissime su Babacar e una leadership ritrovata che lo fa spiccare anche sui compagni di reparto, come accadeva all'inizio della scorsa stagione. Segno che ha solo bisogno di tirare un po' il fiato. Rigenerato. 

Koulibaly 6,5 - In questa settimana se n'è - giustamente - parlato un gran bene, oggi qualche piccolo passo indietro per via di qualche sbavatura, ma comunque una prestazione di buon livello, compreso il salvataggio sulla linea al 92'. Del resto non si può chiedere sempre la luna. 

Ghoulam 6,5 - Ilicic non è proprio il cobra pronto a castigarti, lui comunque lo tiene a bada finché c'è lo sloveno, proponendosi anche in avanti. Molto più sacrificato quando lì scala Cuadrado, ma era inevitabile. 

David Lopez 7 - Fino a ieri con lui in campo il Napoli aveva una media di 2,11 punti a partita, ora lasciamo agli statistici l'aggiornamento dei dati. Noi non possiamo far altro che certificare il suo lavoro sempre preziosissimo in mezzo al campo, con piedi non sopraffini ma comunque "spagnoli" e tantissima sostanza "italiana". 

Jorginho 6,5 - Il brasiliano con le spalle coperte è tutt'altro giocatore. Recupera e imposta, corre per due e ragiona per tre. La presunta superiorità numerica degli avversari a centrocampo non si sente per nulla. 

Callejòn 6 - Si muove come un'anguilla, prova a trovare l'attimo giusto ma stavolta è marcato a vista. Lui è uno che sbuca dal nulla e ti castiga quando meno te l'aspetti, oggi non accade. Però c'è un gran pallone per Hamsik a metà ripresa, con lo slovacco che spreca in malo modo. 

Hamsik 5 - Le ultime gare erano state incoraggianti, oggi fa non uno ma due passi indietro. Sempre lontano dal gioco, male quando ha la possibilità di assistere i compagni, peggio ancora quando invece può concludere, a due passi da Neto. Quella conclusione a porta spalancata grida ancora vendetta. (Dal 30' st De Guzman sv)

Insigne 6,5 - Lorenzo più Magnifico che mai a Firenze, e non potrebbe essere altrimenti. Un paio di conclusioni a fil di palo dopo serie di dribbling ubriacanti, una splendida scucchiaiata per Higuaìn. Un ciclone che dura 20 minuti. Poi quel ginocchio ancorato male, l'urlo di dolore, l'uscita a braccia. E l'inevitabile ansia per le condizioni di un patrimonio del calcio italiano. Forza ragazzo! (Dal 24' Mertens 6,5 - Il suo ingresso come al solito porta verve alla manovra offensiva. Quando ha più tempo a disposizione va più a sprazzi, ma riesce comunque a far sentire la sua presenza).

Higuaìn 7 - A lezioni di calcio dal Pipita. Da applausi il gioco di prestigio che gli fa saltare tre uomini con un colpo solo e lo mette davanti al portiere; da delirio la sforbiciata, in lieve fuorigioco, che nel primo tempo gli soffoca l'urlo in gola. Semplicemente da centravanti il piazzato dai 10 metri che vale il vantaggio azzurro: lì il portiere può solo dire "cheese". Servizio completo. (Dal 39' st Henrique sv)

All. Benìtez 7 - Ormai il Napoli non si ferma più. Il ritrovato assetto tattico, il recupero fisico e soprattutto psicologico di alcuni uomini-chiave reduci dal Mondiale, l'aver riconquistato una parte della piazza che iniziava a mugugnare. Qui c'è la rinascita del Napoli in salsa spagnola, che gioca il calcio migliore del campionato e ora non subisce neanche più gol. Di questo passo anche la Roma dovrà guardarsi le spalle. La Juve? Chissà...


Arbitro Valeri 6,5 - Il gol annullato ad Higuaìn era effettivamente in fuorigioco. Tiene il polso della gara anche quando rischia di incattivirsi, distribuendo bene i cartellini. Mai protagonista ma tutte decisioni giuste, ottima direzione. 
 

 

TABELLINO

FIORENTINA-NAPOLI 0-1


FIORENTINA (4-3-1-2): Neto, Tomovic, Gonzalo, Savic, Alonso (dall’83’ Pasqual); Aquilani (dal 65’ Pizarro), Fernandez, Borja Valero; Ilicic (dal 73 Gomez); Cuadrado, Babacar.
A disp.: Tatarusanu, Richards, Badelj, Vargas, Marin, Kurtic, Joaquin, Basanta, Lazzari.

NAPOLI (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Jorginho, David Lopez; Insigne (dal 25’ Mertens), Hamsik (dal 75’ De Guzman), Callejon; Higuain (dall’85’ Henrique).
A disp.: Colombo, Andujar, Britos, De Guzman, Mesto, Gargano, Inler, Zapata.

Arbitro: Doveri

Marcatori: 61’ Higuain

Ammoniti: Koulibaly, Ilicic, Savic, Jorginho, Henrique, Cuadrado

 



Commenta con Facebook