• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio, Lotito: "Al servizio del calcio". E sulla Roma e Agnelli...

Lazio, Lotito: "Al servizio del calcio". E sulla Roma e Agnelli...

Il patron biancoceleste ha parlato a tutto campo in un'intervista al 'Corriere della Sera'


Claudio Lotito (Getty Images)
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

19/10/2014 10:37

LAZIO LOTITO FIGC INTERVISTA / ROMA - "Io sono al servizio delle istituzioni": così Claudio Lotito, presidente della Lazio e primo sostenitore di Carlo Tavecchio alla presidenza della Figc, durante un'intervista al 'Corriere della Sera'. Più presente a livello federale che tra le news Lazio, il patron biancoceleste parla a 360 gradi: "Non sono l'uomo più potente del calcio italiano, sono al servizio a disposizione". 

Lotito non esclude un impegno in politica: "Sono pronto a mettere a disposizione la mia esperienza. Ho dimostrato di saper fare e l'Italia ha bisogno di buoni amministratori. Poi sono libero, non devo niente a nessuno, non ho interesse personali e non compro arbitro. La Lazio la presi dieci anni fa con 550 milioni di debiti e ora ho un utile di 7 milioni".

Il presidente della Lazio è un fiume in piena: "Ho mantenuto le promesse, parlavo di un calcio moralizzatore e tutti a ridermi dietro. Poi sogno andato da Agnelli e gli ho detto che era il momento di condividere e che il voto della Juventus doveva valere quanto quello della Sampdoria". 

Inevitabile parlare di Tavecchio e della ormai nota frase su Opti Pogba: "Tavecchio ha detto cose giuste nella forma sbagliata. È un ragioniere, ha senso pratico e una certa età: quindi magari è rimasto un po’ indietro. Non è vero che lo comando io. Io al seguito della Nazionale? Come consigliere federale sono autorizzato. Punto. Mi invidiano, vengo dal nulla, sono di successo, sono colto. Agnelli viene in Lega con portavoci, dirigenti, avvocati: io vado da solo, com'è?. Io non ho mai vissuto di rendita come qualcuno". 

La chiusura è per il nuovo stadio della Roma: "Sarà fatto a Tor di Valle, dove pascolavano i cavalli. Della Roma non parlo, altrimenti dovrei parlare pure dei conti della Roma".




Commenta con Facebook