• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Accuse De Sanctis, Monti spiega: "Opinioni rilevanti e da pubblicare"

Accuse De Sanctis, Monti spiega: "Opinioni rilevanti e da pubblicare"

Il direttore della Gazzetta dello Sport racconta il perché dell'intervista al portiere della Roma


Morgan de Sanctis (Getty Images)

16/10/2014 18:13

ACCUSE DE SANCTIS MONTI GAZZETTA DELLO SPORT / MILANO - Le polemiche suscitate dall'intervista di Morgan De Sanctis su Juventus-Roma, ha costretto il direttore della 'Gazzetta dello Sport' Andrea Monti a scrivere una lettera per spiegare cosa ha spinto la rosea a pubblicare le dure parole del portiere giallorosso: "La Gazzetta dello Sport tradizionalmente non tifa, né tantomeno fomenta tensioni tra le vari fedi calcistiche - si legge su 'gazzetta.it' - . Semplicemente fa il lavoro che il lettore si attende da un grande quotidiano: cerca e pubblica interviste, possibilmente esclusive, con i protagonisti dello sport. Il giornale ha le sue opinioni, e ne risponde, ma non può essere ritenuto responsabile di quelle legittimamente espresse dai suoi intervistati".

Il direttore del quotidiano sportivo milanese continua: "Ciò non toglie che le tesi di De Sanctis - pur discordi dalle nostre - siano espresse da un giocatore di rilievo (...) il portiere della Roma siede in rappresentanza degli atleti nel consiglio direttivo della Federazione Italiana Giuoco Calcio. Le sue opinioni posso non essere condivise e certamente criticate, ma sono rilevanti e vanno pubblicate. Se ciò non avvenisse il giornalismo perderebbe ogni funzione. E la Gazzetta potrebbe chiudere i battenti ammainando la sua bandiera di autorevolezza (attenzione, non di infallibilità) di fronte al torrente in piena dei social media e al potere sfuggente di mille voci contrastanti gettate in rete. Con tutto il rispetto per il grande agorà digitale, dopo oltre un secolo di onorato servizio e indipendenza nel giudizio, non è quello che intendiamo fare".

B.D.S.

 




Commenta con Facebook