• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Cuadrado torna a volare, Paloschi è inconcludente

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Cuadrado torna a volare, Paloschi è inconcludente

Top e Flop della 6a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Juan Cuadrado (Getty Images)
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

06/10/2014 08:00

PAGELLONE SERIE A CUADRADO PALOSCHI / FIRENZE – Nel weekend che ha visto, disputarsi la sfida scudetto tra Juventus e Roma, a prendersi, le copertine patinate c’ha pensato un redivivo Cuadrado. L’ala viola ha fortemente contribuito ad affossare l’Inter di un frastornato M’Vila. Ottima prestazione anche di Candreva che ha trascinato la sua Lazio contro un Sassuolo tenuto in piedi dal solo Berardi. Tra i neroverdi male soprattutto Cannavaro, incapace di arginare le sfuriate degli aquilotti. Continua inoltre il digiuno da gol di Llorente che ormai sembra un corpo estraneo nella formazione bianconera. Vittoria, infine per il Napoli trascinato da un grande ed inaspettato Insigne.

 

TOP

5. Insigne (Napoli) – Il piccolo scugnizzo napoletano s’impone finalmente tra i top di questa serie A. Non mancano le ombre in una partita illuminata dal gol scaccia crisi per lui e per il Napoli. Il frattese parte come sempre contratto e si divora due reti abbastanza semplici da realizzare. Al minuto 55 però, arriva la svolta, l’esterno partenopeo di testa regala al Napoli il gol del pareggio e festeggia con lacrime liberatorie. Dal 56° minuto in poi c’è un altro giocatore in campo. L’azzurro comincia a sciorinare gran calcio e alla fine corona la sua prestazione con l’assist per Callejon, per la rete del definitivo due a uno. È ufficiale, è un problema di testa, quando si sblocca, si rivede il giocatore di Pescara. VOTO 7

 

4.Maccarone (Empoli) – Torna a far parlare di sé, in Serie A, Big Mac con un gol d’autore, di tacco. L’attaccante empolese con la sua grande esperienza ha guidato i giovani calciatori azzurri nella loro prima vittoria stagionale.  VOTO 7

 

3.Berardi (Sassuolo) – Quanto è mancato al Sassuolo in queste ultime tre giornate il suo talento. Gioca praticamente da solo contro tutta la Lazio e riesce a trafiggere i biancocelesti per ben due volte. Sul primo gol taglia come un coltello la difesa dei capitolini e va a rete. Poi è bravo e freddo a realizzare il rigore concessogli da Tommasi. Peccato che ogni tanto spenga la testa, ha tutto per diventare un campione. VOTO 7

 

2. Candreva (Lazio) – L’Olimpico è pazzo di lui. Finte, serpentine e colpi di classe, lo chef biancoceleste serve ai suoi commensali solo piatti di prima qualità. L’Antonio Nazionale prima apparecchia per il gol di Djordjevic e poi serve il dessert con il tre a uno ammazza match. Quando è così in forma è irresistibile.  VOTO 7,5

 

1.Cuadrado (Fiorentina) – Torna il giocoliere preferito dalla Fiesole. Accorcia spesso a centrocampo e si guadagna numerosi calci di punizione facendo indispettire gli avversari. Realizza un gran gol dopo aver superato in dribbling Medel. Con un’ala così, la Fiorentina può ritornare a volare. VOTO 7,5

 

 

FLOP

5. Maksimovic (Torino) – Dopo i tanti complimenti ricevuti, il giovane e promettente difensore granata, si scioglie sotto i riflettori del San Paolo. Dalle sue parti opera uno straripante Insigne, che non gliela fa vedere mai. Per sua fortuna il folletto frattese, nella prima frazione di gioco, è poco preciso sotto porta. È burro in cui il Napoli affonda con ingordigia. VOTO 5

 

4.M’Vila (Inter) – Nel tracollo nerazzurro viene trascinato anche il centrocampista francese. Lento e impacciato, trotterella davanti alla propria area senza mai trovare un come e un perché. Si lascia infilare con troppa facilità dalle mezzali avversarie e non riesce a dare ritmo al gioco dell’Inter. Voce sgolata nella stonata orchestra nerazzurra. VOTO 5

 

3.Llorente (Juventus) – Proprio come l’anno passato, il suo inizio di stagione è da incubo. Ancora a secco di gol, viene praticamente narcotizzato dai difensori giallorossi che in quanto a fisico non hanno nulla da invidiargli. Lento e fuori forma, sembra attraversare una crisi profonda, dietro di lui intanto scalpita il giovane Morata. Controfigura. VOTO 5

 

2. Cannavaro (Sassuolo) – L’ex capitano del Napoli incappa in una giornata no, e trascina con sé, a fondo, tutto il Sassuolo. Soffre tantissimo la verve dello spauracchio Djordjevic e si fa anticipare da quest’ultimo nell’occasione del raddoppio biancoceleste. Sbaglia tutto quello che può sbagliare. Per lui solo ombre nel soleggiato pomeriggio capitolino. VOTO 4,5

 

1.Paloschi (Chievo) – Luci a San Siro per l’ex gioiello rossonero, luci forse troppo accecanti. La serata era di quelle perfette per fare un piccolo dispetto al club che proprio in estate l’aveva mollato in quel di Verona, ma ciò non è avvenuto. Paloschi è sembrato, per quasi tutto il match, avulso dal gioco clivense, denotando anche poca affinità con i compagni di reparto. Mai seriamente pericoloso, ha cestinato incredibilmente anche un’occasione a tu per tu con Abbiati. Spento. VOTO 4,5




Commenta con Facebook