• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Football Killed Tancredi > Atalanta-Juventus: i voti di Tancredi Palmeri

Atalanta-Juventus: i voti di Tancredi Palmeri

Il nostro inviato ha stilato promossi e bocciati della partita dell'Atleti Azzurri d'Italia


Juventus in festa (Getty Images)
dall'inviato Tancredi Palmeri

27/09/2014 22:40

ATALANTA JUVENTUS VOTI TANCREDI PALMERI / BERGAMO - Finisce 0 a 3 tra Atalanta e Juventus. Il nostro inviato e protagonista della rubrica 'Te Lo Do Io Il Campionato', Tancredi Palmeri, ha stilato voti e giudizi dei calciatori in campo, esprimendosi anche sugli allenatori e sull'arbitro Orsato.

ATALANTA
Sportiello 4.5: chiamato davvero in causa solo nei due gol, ed in entrambi è responsabile se non molto responsabile.
Zappacosta 6: coraggioso nelle discese, concede qualcosa in marcatura ma si perde Tevez sul gol.
Biava 6.5: gli tocca Tevez e praticamente lo lascia per raddoppiare solo nella confusione del gol, una mezza impresa visto l'immutato livello d'eccellenza dell'avversario.
Benaoulane 7: precisissimo in marcatura, l'unico metro che concede a Llorente è sul passaggio nell'azione del gol ma non si può pretendere troppo; un orologio negli anticipi fuori area.
Dramè 6.5: si sgancia e Ogbonna è sistematicamente in difficoltà, dietro però fatica sulle poche incursioni di Lichtsteiner.
Estigarribia 6: velocissimo nel ripartire e allargarsi, Evra impara a temerlo Dal 49' Molina 6.5: si procura il rigore, tiene bene la posizione, peccato per il gol che si mangia.
Baselli 5: sembra il più insicuro, ed è l'unico che perde il confronto diretto, ma provateci voi a giocare con Pogba alle spalle. E davanti. E a sinistra. E a destra. Dal 65' Cigarini 6: fa salire il baricentro e smista il pallone più velocemente.
Carmona 6.5: mette ordine a centrocampo, raddoppia in difesa, prova a far salire il baricentro, non perde mai la bussola.
Gomez 5: si muove molto ma potrebbe essere più reattivo; colpevole su Lichtsteiner sul gol, impreciso al passaggio. Dal 75' Bianchi 6: ci prova, e fa in modo di entrare in un paio di spunti interessanti.
Boakye 6.5: moto perpetuo, ottimo al disturbo nella prima fase di pressing, senza perdere la lucidità nelle poche sortite
Denis 5.5: forse un pelino prevedibile nel passaggio, però il suo è un compito improbo e lui comunque dà meno punti di riferimento possibili. Però quella mozzarella sul rigore...
Allenatore. Colantuono 7: una di quelle partite da appuntarsi sul cv. Il risultato è quello che è, ma gioca a calcio e gli va dato gran merito. Gioca alla pari, con tutto il viso aperto che il materiale a disposizione gli può consentire, e trasmettendo alla squadra fiducia nonostante il gol subìto. Finora non l'aveva fatto nessuno contro Juventus e Roma.

JUVENTUS
Buffon 7: una sola vera parata, ma siccome è ancora uno dei migliori al mondo, lui è prontissimo sul rigore a non far prendere alla partita una piega preoccupante.
Ogbonna 5.5: forse non si aspettava Dramè, fortuna che i compagni di reparto lo aiutano.
Bonucci 6.5: dirige da par suo, ha rilevato da Chiellini la leadership morale.
Chiellini 6: dal suo lato si presentano comunque in pochi.
Lichtsteiner 6.5: non lo cercano molto, ma sarà un caso che quando lo fanno arriva il gol…
Vidal 6: passo sicuro ma non travolgente, gli eventi non lo costringono ad accelerare. Dal 70' Roberto Pereyra 6.5: fa in tempo a mettere l'assist che ammazza la partita.
Marchisio 6: non ha molto tempo di ragionare con il pressing di Boakye, non si complica la vita.
Pogba 7: sarà anche banale chiamarlo polpo, ma quello è. Una calamita tentacolare del pallone e delle azioni, il vero differenziale di centrocampo.
Evra 6: quelle poche volte che scende lo fa bene, ma non si fida a lasciarsi spazi dietro.
Tevez 7.5: al momento uno dei giocatori più decisivi al mondo: sotto porta, in costruzione, al pressing. Il pallone lo vede e fa le fusa. Suda qualità. Dall'85' Coman nv.
Llorente 6: non esce mai dal gioco ma non è decisivo come vorrebbe e potrebbe. Dal 67' Morata 6.5: vivo e volenteroso da subito, mortifero nell'unica occasione.
Allenatore. Allegri 6.5: come sempre sotto la sua conduzione finora, la squadra sa interpretare i momenti delle partite senza necessariamente spingere a pieni giri costantemente.

Arbitro. Orsato 7: non sbaglia una chiamata e, anzi, tutti dovrebbero imparare dalla sua condotta di gara non pietista a ogni mezzo fallo. Sul rigore i vari replay non chiariscono fino in fondo se il fallo ci fosse davvero o no, quindi ha comunque ragione lui. Magari la cacciata di Colantuono poteva evitarsela.




Commenta con Facebook