• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > I CRAQUE DEL MOMENTO - Gervinho, la 'freccia nera' di Garcia

I CRAQUE DEL MOMENTO - Gervinho, la 'freccia nera' di Garcia

L'attaccante ivoriano, arrivato a Roma tra molte perplessità, ha conquistato tutti a suon di gol, assist e velocità


Gervinho (Getty Images)
Jonathan Terreni

18/09/2014 10:35

I CRAQUE DEL MOMENTO GERVINHO / ROMA - Quando Rudi Garcia arrivò a Roma nel giugno dello scorso anno fu subito chiaro: davanti compratemi Gervinho. Fino a quel momento l'attaccante allora dell'Arsenal sembrava un calciatore modesto, destinato a diventare l'ennesima meteora atterrata in Serie A. Il tecnico francese però lo conosceva dai tempi del Lille e già si leccava i baffi perchè sapeva già che avrebbe fatto ricredere tutti. E così di fatto è stato. Alla sua prima stagione in giallorosso uno score da paura: 9 reti, dieci assist e tanta tanta velocità, di quella che spezza in due le difese. Anche quest'anno la 'pantera' sembra essere partita alla grande. Dopo la rete nell'esordio in campionato che ha chiuso il match con la Fiorentina è arrivata la doppietta (con assist) alla prima di Champions League ieri sera contro il Cska Mosca

Gervais Lombe Yao Kouassi, meglio noto come Gervinho, è nato ad Anyama, Costa d'Avorio, il 27 maggio 1987. Cresciuto calcisticamente tra il suo paese di origine e il Belgio (Beveren, 61 presenze e 14 reti), approda in Francia nel 2007, al Le Mans, dove colleziona otto reti in poco meno di sessante presenze. Da lì il salto di categoria con l'arrivo al Lille dove trova Rudi Garcia e si fa conoscere al calcio che conta. 28 le reti in 67 partite ma quello che più colpisce di lui è la capacità di catapultarsi negli spazi a gran velocità, perfetto per le ripartenze. La grande occasione della carriera arriva con l'Arsenal che nel luglio 2011 lo acquista per circa 12 milioni. L'esperienza inglese però non è proprio indimenticabile (9 reti), fatta di alti e bassi. Un rapporto incrinato con Wenger e mai sbocciato con i tifosi  lo ha portato a lasciare Londra. Poi ecco la chiamata di Garcia: "Vieni con me a Roma, andiamo a vincere".




Commenta con Facebook