• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, Galliani: "Cristante voleva andare via, Bonaventura ha pianto per la firma"

Calciomercato Milan, Galliani: "Cristante voleva andare via, Bonaventura ha pianto per la firma"

Il dirigente rossonero ha fatto il punto della situazione


Galliani e Preziosi (Getty Images)
Mattia Boscaro

01/09/2014 22:46

MERCATO MILAN GALLIANI / MILANO - Adriano Galliani ha commentato le ultime operazioni di mercato del Milan, tra cui l'arrivo di Giacomo Bonaventura dall'Atalanta: "Nel mercato bisogna avere la forza di aspettare e beffare gli avversari sul finale - ha detto a 'Milan Channel' - come accade nelle corse in bici. L’operazione era avviata, c’era l’accordo con il Parma e Biabiany, ma Zaccardo ha rifiutato anche questa destinazione. Abbiamo pensato allora che avevamo bisgono di un altro giocatore e abbiamo pensato a Bonaventura. Oggi al momento della firma si è messo a piangere. Quando ho capito che a Madrid c’era qualche problema tra i portieri mi sono subito fiondato su Diego Lopez. Cristante? Il ragazzo ha chiesto di lasciarlo andare perché ci sono troppi giocatori. Io ho provato a convincerlo, ma lui ha voluto andare via. Gli avevo proposto un prestito in una squadra italiana, ma lui ha detto di non voler giocare contro il Milan e così è andato all’estero. Biabiany? Mi spiace molto, ha sempre dimostrato affetto per i nostri colori. Purtroppo sono cose che capitano nel calcio, non è andata bene, mi spiace davvero tanto. Parametri zero? Non voglio fare altre polemiche, non capisco perché se Diego Lopez arrivava a 10 milioni di euro andava bene e invece se arriva a zero non va bene. Torres? Ieri Tognaccini mi ha chiamato per dirmi che i test erano andati benissimo. Alla fine comunque quello che conta sono i risulti in campo. Io ho sempre lavorato con grande passione per il Milan, ora pensiamo a mantenere questa posizione in classifica visto che siamo i primi”.




Commenta con Facebook