• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > FIGC, Ulivieri: "Tavecchio inadeguato. Per il calcio femminile ideò 'Spogliati e gioca'..."

FIGC, Ulivieri: "Tavecchio inadeguato. Per il calcio femminile ideò 'Spogliati e gioca'..."

Il Presidente degli allenatori italiani ha criticato il candidato Presidente federale


Renzo Ulivieri (Getty Images)
Matteo Torre (Twitter: @torrelocchetta)

30/07/2014 12:08

FIGC ULIVIERI TAVECCHIO ALBERTINI INADEGUATO / COVERCIANO - Renzo Ulivieri, Presidente dell'Assoallenatori, ha parlato in conferenza stampa a Coverciano: "La frase sulle banane di Tavecchio è un linguaggio che rientra nella sua normalità. Quando ha parlato delle donne ha detto che non sono handicappate... quando ci ha portato un progetto per lanciare il calcio femminile il titolo era 'Spogliati e gioca'".

"TAVECCHIO INADEGUATO" - "Da quel giorno la Commissione Calcio Femminile non è più venuta, avevamo un progetto fatto con Montella, più carino. Le frasi peggiori sono quelle però dei suoi soccorritori: 'Sciocchezza sesquispedale', 'Una scivolata inopportuna'... sono stati di gran lunga peggiori. Il problema qual è? Parlare così in un'assemblea, al di là dei contenuti che sono gravi, che cosa dimostra? Inadeguatezza".

IL CALCIO FEMMINILE... - "Tavecchio secondo noi è inadeguato a ricoprire quel ruolo, anche perché ha un occhio solo ed è quello imprenditoriale. Anch'io mi ritengo inadeguato e ritengo di avere solo un occhio, quello sportivo, quindi non potrei fare il Presidente federale. Poi ci sono i metodi: in passato ci hanno creato problemi. Avevamo preso una posizione sugli arbitri, a tutela della loro autonomia. Ci siamo spesi per gli arbitri e speso che adoperino questa autonomia. Non dico che la adoperino bene, ma spero che lo facciano perché noi ci siamo battuti per questo. Avevamo preso una posizione anche sul calcio femminile, che non era una posizione sindacale: scattò la ritorsione totale. Via l'obbligo dell'allenatore in diverse categorie dilettanti... Io passai l'estate a parlare con tutti i Presidenti delle Leghe, da Abodi a Beretta, passando per Macalli, e tutti mi assicurarono: 'Non penserai mica che passi una cosa del genere?'. Poi ci fu il momento in cui si compattarono e mi dovetti incatenare. La scelta era, illuminata, di togliere l'obbligo degli allenatori. Sono passati tre anni e ancora non c'è quest'obbligo. La cosa è passata sotto silenzio. Tavecchio era Vice-presidente federale e Responsabile UEFA per il calcio dilettantistico e giovanile. Ecco perché ieri le parole di Lotito mi hanno evocato certe cose..."

"...STA MORENDO" - "I fatti: il Settore giovanile scolastico è stato depotenziato. Non riesce più a operare. Il calcio femminile nelle sue mani sta morendo, quando in tutte le nazioni è in sviluppo, anche in Palestina. Non c'è animosità da parte mia: ho avuto rapporti e scontri con Tavecchio, poi in questo momento di difficoltà famigliare a lui va il mio sostegno morale, ma questi sono i fatti".

ALBERTINI - "Lui viene dal calcio giocato e ha due occhi, avendo fatto anche il dirigente federale. Parla piano, è educato, non dice parolacce. Ha proposto di avere al suo fianco Tavecchio e Macalli in questo percorso e a me queste sembrano colpe. Noi Assoallenatori veniamo indicati come sindacato, parola che a me non dà fastidio, ma abbiamo lavorato male in questa veste, perché ci siamo fatti carico dei problemi del Paese, diminuendo tutti i massimali nel mondo dilettantistico. Ossia: se uno prendeva 3000 euro non poteva prendere più di questa cifra. E non dico al mese, ma all'anno".




Commenta con Facebook