• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Stefano Castagna su Felipe Anderson

Stefano Castagna su Felipe Anderson

Stefano Castagna, procuratore del 20enne trequartista brasiliano, in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it


Felipe Anderson (Getty Images)
Federico Scarponi

02/04/2014 13:24

CALCIOMERCATO LAZIO ESCLUSIVO AGENTE FELIPE ANDERSON / ROMA - Nelle ultime settimane si parla con insistenza di una possibile separazione a fine stagione tra la Lazio e Felipe Anderson. Il 20enne trequartista brasiliano - arrivato in estate nella Capitale dal Santos - si aspettava di essere maggiormente utilizzato: 14, finora, le sue apparizioni in biancoceleste tra Campionato, Coppa Italia ed Europa League. Se si considera soprattutto lo scarso 'feeling' che sembra esserci con Edy Reja, qualche dubbio ha ragion d'essere.

Per far chiarezza su questa situazione, Calciomercato.it ha intervistato in esclusiva l'agente del giocatore, Stefano Castagna.

"A fine campionato ci incontreremo con la dirigenza biancoceleste per fare il punto della situazione - ha esordito Castagna in esclusiva a Calciomercato.it - E' chiaro che il ragazzo si aspettava di giocare qualche minuto in più, come chiunque altro del resto. Ci sono tanti aspetti da valutare: è stato il suo primo anno in Europa ed è soltanto un '93. Non è facile arrivare in un campionato come quello italiano, c'è bisogno di un fisiologico periodo di adattamento. La Lazio ha investito molto su di lui, decideremo con loro nella massima serenità che cosa fare. E' chiaro che se dovesse cambiare maglia, avverrebbe nell'ambito di una cessione in prestito. Preferenze sul dove proseguire la carriera non ce ne sono (la pista attualmente più concreta, sembra tuttavia essere quella che porta in Spagna, ndr). L'importante è che trovi una squadra che gli consenta di giocare con una certa continuità".




Commenta con Facebook