• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI CAGLIARI-LIVORNO

PAGELLE E TABELLINO DI CAGLIARI-LIVORNO

Colpo esterno degli amaranto grazie all'eurogol di Emerson e al rigore di Paulinho


L'esultanza di Emerson (Getty Images)
Massimo Balsamo

16/02/2014 18:59

PAGELLE E TABELLINO DI CAGLIARI-LIVORNO/ CAGLIARI – Buona prova del Livorno allenato da Domenico Di Carlo che riscatta la brutta sconfitta casalinga con il Genoa. Ottima prestazione di Emerson, autore di un gol da cineteca, e di Mbaye. Opaco Emeghara, ingenuo Ceccherini. Per il Cagliari seconda sconfitta di fila dopo il ko contro la Sampdoria. Cossu è uno dei pochi a salvarsi. Malissimo Avramov e il classe 1994 Murru.

 

CAGLIARI

Avramov 4 – Combina la frittata sul rigore dello 0-2 con un’uscita sbagliata nei tempi e nei modi. Resta immobile sullo 0-1 di Emerson con un tiro da 40 metri ed è molto insicuro sulle palle alte.

Perico 5,5 – Esce indenne dallo scontro con Mesbah ma non appoggia mai l’azione offensiva rossoblù.

Rossettini 6 – Ordinaria amministrazione, tiene a bada il pericolo Emeghara.

Del Fabro 5,5 – Si perde Paulinho nell’azione del rigore , ma lo annulla per i restanti 90’

Murru 4 – Disastroso. Mbaye fa quello che vuole dal suo lato, non si vede mai in fase offensiva e sbaglia tanti appoggi. Dall’ 85’ Pinilla 6 Nei pochi minuti concessi da Lopez lotta come un toro e si crea pericoloso allo scadere con un sinistro incrociato fuori di poco.

Dessena 5 – Ci mette tanto impegno ma è inconcludente. Soffre molto Duncan. Dal 56’ Ibarbo 5,5 – Prova a cambiare marcia posizionandosi sul lato di Mesbah, non riuscendoci.

Conti 5 –  Gioca una buona partita e detta i tempi della squadra ma eccede platealmente nella protesta che lo porta al cartellino rosso, lasciando in 10 la squadra nel forcing finale.

Ekdal 6 – Uno dei pochi a non sfigurare. E’ tatticamente perfetto, dovrebbe migliorare negli inserimenti senza palla.

Cossu 6,5 – Tanta corsa, ottimi ripiegamenti in difesa e fantasia a volontà nella trequarti offensiva. Insieme a Pinilla, è l’ultimo a credere nel pareggio.

Sau 5,5 – Prestazione opaca  per l’attaccante sardo che però merita mezzo voto in più per l’impegno profuso a tutto campo. Dal 63’ Adryan 5 – Non crea gli effetti sperati dal tecnico Lopez.

Nenè 5,5 – Il fantastico goal lo salva da un 4,5 assicurato. Al 64’ tira fuori dal cilindro un sinistro terrificante dai 25 metri che lascia di stucco Bardi. Per il resto è lento ed impiacciato con la palla fra i piedi.

All. Diego Luis Lopez 5 -  La sua squadra si affida al possesso palla ma non punge mai in attacco, se non con tiri dalla distanza. Tardiva l’entrata in campo di Pinilla, sbagliata la sostituzione Sau-Adryan. Non da frutti il passaggio dal 4-3-1-2 al 4-2-3-1.

 

LIVORNO

Bardi 6,5 – Incolpevole sul bel goal segnato da Nenè. Compie una bella parata al 25’ su Conti, da sicurezza al reparto arretrato durante l’assalto finale cagliaritano.

Ceccherini 5,5 – Gioca una buona partita ma è molto ingenuo sul secondo cartellino giallo che lascia il Livorno in dieci

Emerson 7,5 – Migliore in campo. Segna un goal che rimarrà negli annali del club amaranto con un mancino da 40 metri che lascia impietrito il portiere avversario Avramov. E’ perfetto in fase difensiva e parte sempre da lui l’azione offensiva.

Coda 6 – Ordinaria amministrazione per l’ex centrale dell’Udinese, tiene a bada Nenè.

Mbaye 7 – Stravince il duello con Murru. Perfetto in difesa, è una spina nel fianco della difesa sarda.

Benassi 5,5 – Prestazione tenace dopo la brutta gara con il Genoa rovinata dal rosso preso al 91’ dopo il brutto intervento su Adryan.

Luci 6 – Metronomo del centrocampo amaranto, è costretto ad uscire al 33’ per un brutto infortunio. Dal 33’ Biagianti 5,5 – Lascia troppo spazio a Nenè in occasione dell’ 1-2.

Duncan 6,5 – Ottima prova per il centrocampista di proprietà Inter. Quando ne ha l’occasione prova il tiro da fuori, mette tanta corsa a disposizione del centrocampo amaranto. Dal 76’ Greco  SV - .

Mesbah 5,5 – Un passo indietro rispetto al match con il Genoa.

Paulinho 6,5 – Gioca troppo lontano dalla porta ed offre una prestazione opaca fino al 52, dove conquista il calcio di rigore, che successivamente trasforma con sicurezza, con un movimento da attaccante vero che costringe Avramov al fallo. Da una mano in difesa nel finale.

Emeghara 5,5 – Sguizzante nel primo tempo ma mai decisivo. Dal 67’ Belfodil  SV -.

All. Domenico Di Carlo 7 – Dopo lee tante critiche per la sconfitta interna di domenica scorsa con il Genoa di Gasperini, il tecnico quarantanovenne lavora sul 3-5-2 per imbrigliare gli automatismi sardi, riuscendoci pienamente. L’ultimo passo è recuperare fisicamente e mentalmente Belfodil, che potrebbe dare una grossa mano per la salvezza.

 

Arbitro: Andrea De Marco di Chiavari 6,5 – Giusta l’interpretazione sul rigore concesso al Livorno per il fallo di Avramov su Paulinho. Mezzo voto in meno per l’eccessivo  rosso a Conti, vista la mancanza dello stesso direttore dig ara nel redarguire la barriera amaranto.

 

TABELLINO

CAGLIARI-LIVORNO 1-2

Cagliari (4-3-1-2): Avramov; Perico, Rossettini, Del Fabro, Murru (85’ Pinilla); Dessena (56’ Ibarbo), Conti, Ekdal, Cossu; Sau (63’ Adryan), Nenè.  All. Diego Luis Lopez.

Livorno (3-5-2): Bardi; Ceccherini, Emerson ,Coda; Mbaye, Benassi, Luci (dal 33’ Biagianti), Duncan (76’ Greco), Mesbah; Paulinho, Emeghara (67’ Belfodil).  All.: Domenico Di Carlo.

Arbitro: Andrea De Marco di Chiavari

Marcatori: 44’ Emerson (L), 53’ Paulinho (L), 64’ Nenè ( C)

Ammoniti: 28’ Ceccherini (L), 57’ Avramov ( C), 69’ Cossu ( C), 75’ Mbaye (L), 76’ Bardi (L), 78’ Biagianti (L), 85’ Ceccherini (S), 92’ Ekdal ( C)

Espulsi: 71’ Conti ( C) per proteste, 85’ Ceccherini (L) per doppia ammonizione, 91’ Benassi (L) per gioco pericoloso

 




Commenta con Facebook