• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI UDINESE-CHIEVO

PAGELLE E TABELLINO DI UDINESE-CHIEVO

Di Natale spiana la strada al successo friulano ed il Chievo crolla sotto i colpi di Fernandes e Badu


Di Natale a segno (Getty Images)
Valerio Pantone

08/02/2014 21:34

PAGELLE E TABELLINO UDINESE-CHIEVO VERONA/ UDINE – L’Udinese centra il secondo successo consecutivo in campionato, superando con un netto 3-0 il Chievo. Decisiva la rete ad inizio ripresa di un sontuoso Di Natale, al suo terzo gol di fila in una settimana, che facilita il compito agli uomini di Guidolin, a segno poi con Fernandes e Badu. In casa friulana da sottolineare le prestazioni di Basta, Danilo e Pereyra, male Maicosuel. Bocciata, invece, quasi tutta la squadra di Corini, sfortunata nel primo tempo in occasione del palo di Thereau. Raggiungono la sufficienza soltanto Bentivoglio e Sardo.

 

UDINESE

 

Scuffet 6,5 – Confermato titolare dopo l’ottima prestazione di Coppa Italia con la Fiorentina, infonde sicurezza a tutto il reparto nonostante la giovanissima età. Si fa sorprendere soltanto dal tacco alla mezz’ora di Thereau che per sua fortuna coglie il palo. Conferma.

Heurtaux 6 – Meno propositivo rispetto ad altre circostanze, resta bloccato sulla linea dei difensori seguendo probabilmente i dettami tattici di Guidolin.

Danilo 6,5 – Nettamente in ripresa rispetto a quello di qualche mese fa, sembra tornato il difensore sicuro che lo scorso anno blindava insieme a Benatia e Domizzi la porta bianconera. Bentornato. 

Domizzi 6,5 – Decisivo in una chiusura su Thereau quando il risultato è ancora in bilico, si conferma un perno essenziale nello scacchiere tattico friulano.

Basta 7 – Molto generoso nel proporsi in fase offensiva, vince spesso il duello ravvicinato con l’esterno sinistro del Chievo Dramè, impreziosendo poi la sua performance con l’assist vincente per Di Natale.

Yebda 5,5 – Timido ed impacciato nel ruolo di regista di centrocampo, caratterizza la sua prima presenza in bianconero limitandosi alla fase di interdizione davanti alla difesa. Più intraprendente nel secondo tempo.

Badu 6,5 – Precipitoso e spesso inefficace nel palleggio, si fa apprezzare nei primi quarantacinque minuti soltanto per un inserimento in area di rigore che però non produce gli effetti sperati. Nel finale riscatta la sua prestazione realizzando la rete del definitivo 3-0.

Lazzari 6,5 – Pericoloso ad inizio gara con una conclusione dalla distanza, costruisce la palla gol più nitida nel primo tempo dell’Udinese deliziando il pubblico con un meraviglioso tacco che però Di Natale spreca malamente. Dal 46’ Pereyra 7 – Imprime subito un altro ritmo alla manovra dei padroni di casa. Suo, inoltre, il passaggio al bacio per Fernandes che vale il 2-0.

Gabriel Silva 6 – La presenza di Sardo gli impedisce di scendere con continuità sulla corsia sinistra. Quando ne ha la possibilità, però, non riesce ad incidere come dovrebbe. Cresce alla distanza quando il risultato è ormai in ghiaccio.

Maicosuel 5 – Troppo lontano dal partner d’attacco Di Natale, viene a lungo bacchettato nel primo tempo da Guidolin per il suo scarso movimento senza palla. Nella ripresa prova a darsi fare ma dopo il gol del vantaggio, il tecnico bianconero preferisce richiamarlo in panchina. Dal 67’ Fernandes 7 – In pochi minuti si rende subito protagonista. Prima firma da pochi passi il gol del raddoppio, poi favorisce con uno splendido assist il 3-0 di Badu. Più di così Guidolin non poteva aspettarsi.

Di Natale 7,5 – Nonostante non sia il miglior Di Natale di sempre, le sue giocate di alta scuola illuminano come sempre il palcoscenico del Friuli. Dopo essersi divorato un gol nel primo tempo, si riscatta nella ripresa con un destro ad incrociare che sblocca l’equilibrio. Terzo centro in appena una settimana per Totò. Ora la crisi può dirsi ormai alle spalle. Dal 80’ Muriel s.v.

All. Guidolin 7 – Terza vittoria consecutiva in una settimana per l’Udinese che si allontana così dalla zona calda della classifica e si avvicina nel migliore dei modi al ritorno della semifinale di Coppa Italia. Discutibile la scelta di togliere Lazzari ad inizio ripresa per Pereyra. Scelta che alla fine viene premiata dal risultato finale e da una prestazione degna della sua migliore Udinese.

 

CHIEVO VERONA

Puggioni 6 – Reattivo e sicuro sulle uscite alte, non può nulla sul gol di Di Natale nonostante riesca a sfiorare il pallone con una mano. Incolpevole anche sul secondo e terzo gol friulano.

Bernardini 5 – Non sempre elegante nei disimpegni, si distrae anche lui come tutto il reparto difensivo nelle azioni che consentono all’Udinese di vincere la partita.

Canini 5,5 – Sostituire l’infortunato Dainelli non è semplice, specie per un giocatore sbarcato al Bentegodi appena dieci giorni fa. Cerca di infondere sicurezza a tutto il pacchetto arretrato, ma macchia la sua prestazione in occasione del gol di Di Natale, chiamando in ritardo la linea del fuorigioco. Da quel momento in poi per lui ed il Chievo è notte fonda.  

Cesar 5 – Attento e concentrato nella prima frazione, si innervosisce nel secondo tempo rimediando ingenuamente un’ammonizione che lo costringerà a saltare la trasferta con la Juventus.

Sardo 6 – Uno dei pochi del Chievo a strappare la sufficienza. Ha il merito di limitare le folate di Gabriel Silva e non è poco.

Bentivoglio 6 – Da una sua ripartenza nasce l’azione dalla quale scaturisce il tacco di Thereau. Ordinato sul piano tattico, si ripropone spesso in contropiede supportando a dovere la coppia d’attacco. Dal 62’ Obinna 5,5 – Sognava un altro esordio per il suo ritorno al Chievo. Il suo contributo però non incide sull’incontro, non solo per colpa sua.  

Rigoni 5,5 – Punto di riferimento della mediana gialloblu nel primo tempo, nella ripresa partecipa alla debaclè  clivense non riuscendo a coprire le tante falle della difesa.    

Guarente 5 – Per la prima volta titolare nell’undici di Corini, risulta troppo lento e macchinoso per le ripartenze rapide che vorrebbe Corini. Anche lui come Obinna, sperava in un esordio diverso.

Dramè 5 – Incerto e poco reattivo in fase difensiva, prova a dare il suo contributo nella metà campo avversaria ma con scarsi risultati. Colpevole nell’azione del raddoppio friulano, ritarda la diagonale difensiva su Fernandes.

Stoian 5,5 – Inizia bene creando un po’ di apprensione alla difesa di casa. Con il passare dei minuti, tuttavia, perde brillantezza e così i suoi tentativi vengono facilmente neutralizzati dagli avversari. Dal 67’ Paloschi 6 – Entra nel momento più complicato della gara. Nonostante la buona volontà, non ha la forza per impensierire da solo la retroguardia friulana.

Thereau 5,5 – Sornione per buona parte del primo tempo, alla mezz’ora si inventa una splendida giocata con il tacco che si stampa sul palo. Quello, però, resterà l’unico assolo di una partita anonima. Dal 77’ Lazarevic s.v.

All. Corini 5 – Dopo il ko interno con la Lazio, aveva chiesto una reazione d’orgoglio alla sua squadra. Una reazione che c’è stata soltanto per un tempo. Dopo il gol di Di Natale, infatti, il Chievo si è sciolto come neve al sole. E la classifica ora si fa sempre più dura.  

Arbitro Luca Banti 7 – Ottima la direzione arbitrale del fischietto di Livorno che controlla senza problemi una partita sostanzialmente corretta nonostante la posta in palio. L’unico dubbio degno di nota, la posizione di Di Natale al momento dell’assist di Basta in occasione del gol: il replay conferma la decisione della terna arbitrale. L’attaccante friulano è in posizione regolare.

 

TABELLINO

UDINESE-CHIEVO VERONA 3-0

UDINESE (3-5-1-1): Scuffet; Heurtaux, Danilo, Domizzi; Basta, Yebda, Badu, Lazzari (dal 46’ Pereyra), Gabriel Silva; Maicosuel (dal 67’ Fernandes); Di Natale (dal 80’ Muriel). A disposizione: Kelava, Bubnjic, Naldo, Widmer, Douglas, Mlinar, Jadson, Zielinski, Nico Lopez. Allenatore: Francesco Guidolin

CHIEVO VERONA (3-5-2): Puggioni; Bernardini, Canini, Cesar; Sardo, Bentivoglio (dal 62’ Obinna), Rigoni, Guarente, Dramè; Thereau (dal 77’ Lazarevic), Stoian (dal 67’ Paloschi). A disposizione: Agazzi, Squizzi, Claiton, Rubin, Mbaye, Hetemaj, Kupisz, Pellissier. Allenatore: Eugenio Corini.

Arbitro: Luca Banti di Livorno

Marcatori: 56’ Di Natale (U), 74’ Fernandes (U), 86’ Badu (U)

Ammoniti: 34’ Stoian (C), 71’ Cesar (C)

 




Commenta con Facebook