• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI FIORENTINA-ATALANTA

PAGELLE E TABELLINO DI FIORENTINA-ATALANTA

Resuscita Ilicic, male Migliaccio e Matri


Migliaccio e Cuadrado (Getty Images)
Antonio Russo

08/02/2014 21:18

PAGELLE E TABELLINO FIORENTINA-ATALANTA / FIRENZE – In attesa di Napoli-Milan, la Fiorentina si siede di fianco ai partenopei nel salotto Champions. Buona la prova per i ragazzi di Montella che con Ilicic e Wolski hanno battuto una discreta Atalanta. Continua a non convincere invece Matri. Per gli orobici positiva la prestazione di Maxi Moralez, male invece Migliaccio, incapace di contenere il centrocampo gigliato.

 

FIORENTINA

 

Neto 6,5 – Ad inizio stagione era una delle maggiori incognite in casa gigliata. Il portiere brasiliano però ha saputo reagire alle tante critiche con i fatti. Anche quest’oggi si distingue per i tanti interventi fondamentali. Sbavature invece nelle uscite.

 

Diakité 5,5 – Complice le recenti prestazioni di Roncaglia non certo esaltanti. L’ex Lazio trova posto nella difesa viola per la seconda gara consecutiva. Come sempre mostra limiti in fase d’impostazione e in marcatura soffre la velocità di Moralez.

 

Compper 6 – Tiene abbastanza bene lo spauracchio Denis limitandolo nelle giocate. Unico neo della sua serata, va poco in appoggio a Vargas in fase offensiva.

 

Savic 6,5 – Coadiuvato da Compper narcotizza Denis e di testa si conferma implacabile. Orchestra ottimamente la manovra dalle retrovie.

 

Cuadrado 6 – Nelle ultime gare era sembrato abbastanza “incellofanato”. Torna finalmente ai suoi livelli, per la gioia della curva Fiesole. Non è ancora il miglior Cuadrado, ma si sta sicuramente ritrovando.

 

Anderson 6 – L’infortunio di Aquilani costringe il tecnico napoletano a schierare nuovamente l’ex Manchester. Il centrocampista brasiliano sembra ancora lontano dalla condizione migliore ma sembra comunque migliorare giocata dopo giocata. Non fa nulla di trascendentale e si limita a svolgere il compitino. Dal 55’ Fernandez M. 6 – Prova qualche inserimento senza palla ma non sempre i compagni lo assecondano.

 

Pizarro 6 – Si scambia spesso di posizione con Borja Valero per dividere con lui la cabina di regia viola. Non brilla come al solito in intraprendenza ma è fondamentale nel verticalizzare l’azione.

 

Borja Valero 6,5 – Geometra del centrocampo gigliato. Col compasso tratteggia la manovra della Fiorentina. Come sempre è pericolosissimo dalla distanza con i suoi tiri velenosi.

 

Vargas 6 – L’ex Catania si fa vedere poco in fase offensiva. Rimedia però a tale mancanza con un’ottima fase difensiva.

 

Ilicic 6,5 – Nonostante le ultime prestazioni opache Montella si affida nuovamente allo Sloveno. L’ex Palermo da sempre ha abituato a luci e ombre. In questo pomeriggio decide di accecare Consigli con uno splendido calcio di punizione che regala il vantaggio ai viola. Purtroppo a volte eccede nel dribbling, ma sicuramente dimostra di essere in grande crescita. Dal 59’ Wolski 6,5 – Entra con il piglio giusto, tante le giocate di qualità, con i suoi movimenti mette in crisi la retroguardia orobica. Con una giocata meravigliosa trova la rete della sicurezza per la Fiorentina.

 

Matri 5 – Dopo la bella doppietta all’esordio, su l’ex Milan sembrano addensarsi nuove nuvole.  L’attaccante viola, infatti, per la seconda partita consecutiva è tra i peggiori in campo. Sembra un corpo estraneo alla squadra e tocca pochissimi palloni. Dal 78’ Matos s.v. -

 

All. Montella 6,5 – L’ingranaggio viola dopo la brutta parentesi di Cagliari torna a girare. Nonostante i tanti infortuni Montella continua a restare agganciato al treno Champions. Ottimo lo schema della doppia barriera che ha disorientato Consigli in occasione della rete di Ilicic. La viola ha gestito per tutto il match l’Atalanta dimostrando grande maturità e solidità difensiva. 

 

ATALANTA

 

Consigli 6 – Non può molto sulla punizione calciata da Ilicic. Non commette sbavature e tiene i suoi in partita finché può.

 

Benalouane 6 – A differenza di Del Grosso ha maggiori possibilità di spingersi in avanti. In fase d’interdizione tiene bene Vargas.

 

Stendardo 6,5 – Tiene bene Matri non facendogli toccare palla. Implacabile di testa, restituisce al mittente tutti i cross messi al centro.

 

Yepes 5,5 – Si sgancia dai centrali per dare una mano sull’esterno a Del Grosso per limitare Cuadrado. Viene saltato puntualmente dal colombiano e non ci fa certo una bella figura.  

 

Del Grosso 6 Cuadrado gli fa girare la testa. Il colombiano lo costringe a restare molto basso e non riesce a dare quasi mai il raddoppio a Bonaventura.

 

Raimondi 6 – Nel primo tempo resta abbastanza bloccato nelle retrovie. Nella ripresa però, complice la maggiore intraprendenza della sua squadra si spinge in avanti.  Buona la sua prova. Dal 57’ Estigarribia 5,5 – Entra con la voglia di spaccare il mondo. I suoi sogni di gloria si infrangono però sulla realtà. Eccede nel dribbling e sembra troppo fumoso.

 

Migliaccio 5,5 – Non riesce a fare filtro a centrocampo e nonostante i continui inserimenti in avanti non riesce ad essere particolarmente incisivo. Dal 73’ Carmona 6 – Entra quando ormai la frittata è fatta. Probabilmente sarebbe stato preferibile il suo impiego dal primo minuto.

 

Cigarini 6 – In fase di non possesso si abbassa per dare man forte alla difesa. Viceversa quando è l’Atalanta a gestire palla si sgancia dalla linea mediana per appoggiare l’azione d’attacco. Conclude in malo modo il match facendosi espellere da Guida per doppia ammonizione.

 

Bonaventura 6,5 – Soffre tanto sulla sua fascia la grande rapidità di Cuadrado e Diakité che lo limitano molto. Quando si libera dalla morsa viola che lo attanaglia regala però buone giocate.

 

Moralez 6,5 – Gli orobici sono costretti dalla Fiorentina a giocare molto bassi. Lui cerca con la sua qualità di portare su i nerazzurri ed è sicuramente tra i più pimpanti dei suoi. Cresce col passare dei minuti e mette in difficoltà i viola ma è poco assistito dal compagno di reparto. Dal 84’ Cazzola s.v. -

 

Denis 5,5 – Stritolato dall’attenta marcatura dei difensori viola tenta di trovare spazi allontanandosi dall’area di rigore. Impreciso negli scambi non riesce mai a portare pericoli verso la porta difesa da Neto.

 

All. Colantuono 6 – La sua Atalanta comincia il match in maniera timorosa. Gli orobici crescono dopo aver subito lo schiaffo di Ilicic ma non riescono comunque a creare granché. I nerazzurri continuano a soffrire il mal di trasferta. 

 

Arbitro Guida 5,5 – Appena promosso internazionale, il giovane fischietto partenopeo commette alcune sbavature. Nel primo tempo l’Atalanta protesta, chiedendo un calcio di rigore per fallo di Neto su Moralez. In realtà il penalty non c’è, ma è gioco pericoloso, quindi punizione a due in area. Guida non interviene e sbaglia. Giusta invece l’espulsione nel finale di Cigarini.

 

TABELLINO

 

FIORENTINA-ATALANTA 2-0

 

FIORENTINA (3-5-1-1): Neto; Diakité, Compper, Savic; Cuadrado, Anderson(55’ Fernandez M.), Pizarro, Borja Valero, Vargas; Ilicic(59’ Wolski); Matri(78’ Matos). All. Montella.

 

ATALANTA (4-4-1-1): Consigli; Benalouane, Stendardo, Yepes, Del Grosso; Raimondi(57’ Estigarribia), Migliaccio(73’ Carmona), Cigarini, Bonaventura; Maxi Moralez(84’ Cazzola); Denis. All. Colantuono.

 

Arbitro: Marco Guida

 

Marcatori: 16’ Ilicic (F), 86’ Wolski (F)

 

Ammoniti: Migliaccio (A), Borja Valero (F), Stendardo (A)  

 

Espulsi: Cigarini (A)




Commenta con Facebook