• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > L'Editoriale di Sugoni - Allegri, Nicola e gli altri: il momento difficile degli allenatori

L'Editoriale di Sugoni - Allegri, Nicola e gli altri: il momento difficile degli allenatori

Ritorna l'appuntamento con il nostro editorialista ed esperto di mercato di 'SkySport24


Davide Nicola (Getty Images)
Alessandro Sugoni

13/01/2014 13:47

EDITORIALE SUGONI MILAN ALLEGRI LIVORNO NICOLA ESONERI / MILANO - Ci sono allenatori che hanno mangiato il panettone ma che non arriveranno - non tanto alla colomba - ma nemmeno alla fine di gennaio. Il primo a non esserci arrivato, e questa è un po' una sorpresa, è stato Allegri. Alla fine di una partita pazza, anche bella per tutti meno che per lui, si è fermato proprio lì da dove era partito: Sassuolo. Via lui, con sei mesi di anticipo sui tempi previsti, dentro da subito Clarence Seedorf. Altra sorpresa. Dopo un testa a testa con Inzaghi, che ha visto l'ex centravanti partire in vantaggio. Netto. Ma lui (allenatore della primavera) sarebbe stata una soluzione per sei mesi, e Seedorf sarebbe rimasto comunque l'ombra per l'anno prossimo. Così (quasi certamente) via subito al nuovo progetto. L'olandese potrebbe portare nello staff un altro olandese. Un altro ex Milan. Patrick Kluivert. Ma qui siamo ancora ai si dice.

Evidentemente per Livorno non è un momento facile. Perché oltre ad Allegri, è saltato anche Davide Nicola, che non è di Livorno, ma che il Livorno lo ha allenato. Al suo posto, andrà in panchina Attilio Perotti. Una grande esperienza alle spalle ed un presente come responsabile dell'area tecnica. Spinelli spera nella sua saggezza per essere ancora in A nella prossima stagione, quella del centenario. In A vuole restarci anche il Catania, che per ora va avanti con De Canio, sperando che non ci siano altri rovesci. Mentre la partita dell'esonero di Allegri è stata anche quella che ha reso più salda la posizione di Di Francesco. Lui ora può respirare e aggrapparsi ancora ai gol di Berardi.




Commenta con Facebook