• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, Prandelli: "A Salerno abbiamo perso tutti. Balotelli, ti serve fiducia. Ho 35 nomi per

Italia, Prandelli: "A Salerno abbiamo perso tutti. Balotelli, ti serve fiducia. Ho 35 nomi per il Mondiale"

Il Commissario tecnico e' intervenuto in conferenza stampa al Centro Tecnico di Coverciano


Cesare Prandelli (Getty Images)
Matteo Torre (twitter: @torrelocchetta)

12/11/2013 15:29

ITALIA PRANDELLI CONFERENZA STAMPA / COVERCIANO - Consueto appuntamento con i giornalisti per Cesare Prandelli. Il C.t. dell'Italia si è espresso doverosamente sui fatti di Salernitana-Nocerina: "Abbiamo perso tutti. Dovremo fare delle riflessioni, ma posso dire che si tratta di delinquenti, non di ultras, e dobbiamo distinguerli bene: il problema è sociale. I giocatori non avevano i presupposti per fare bene il proprio lavoro. Questo non è un mondo civile, serviva più prevenzione per una partita del genere. La realtà per gli allenatori è diversa: possono essere minacciati quando non c'è sufficiente tutela nei loro confronti. Se oltreché un tecnico sono un padre e mi minacciano i figli che vanno a scuola forse non faccio l'allenatore in quel paese".

CURVE CHIUSE - "Non sono meravigliato. Non è una provocazione, a mio dire, ma qualcosa di più".

JUVENTUS - "Ci ha abituati a simili prestazioni negli ultimi anni, perciò non sono sorpreso. E' ancora la squadra da battere".

GERMANIA E NIGERIA - "Dovremo essere pronti, dato che ho in testa una precisa idea di gioco. Dato che non ho molte occasioni per lavorare col gruppo, ho dovuto capire nelle gare ufficiali. Possiamo interpretare le partite in vari modi, anche se di base partiamo col centrocampo a quattro".

ROSSI E BALOTELLI - "Non so se schiererò subito 'Pepito', dato che è arrivato in ritiro con la febbre, anche se con la Germania vorrei far giocare lui e Balotelli. Mario deve far vincere la squadra insieme al gruppo: è la caratteristica dei grandi campioni, che devono essere sempre all'interno del progetto. Serve la giusta preparazione mentale. Per lui è un periodo strano, ma quando si ha carattere certe cose possono fortificare ancor di più. Gli manca un po' di fiducia. Penso proprio a Rossi, che ha grandi qualità come uomo e come calciatore, e forse è stato fortificato dagli infortuni. L'impiego di Balotelli nel Milan? Quel che dice Allegri è un vangelo per me. Io lo considero punta centrale però, non mi piace vederlo vagare per il campo".

FUTURO - "Io all'estero? Ne parleremo al momento giusto. In Italia non c'è pressione, bensì ossessione. Per il futuro non sono fiducioso, dobbiamo migliorare".

MONDIALE - "Ci sono ancora posti liberi tra i convocati per il Brasile. Vedo calciatori stimolati, pronti a dimostrare il proprio valore. Ne ho in testa trentacinque, ma nulla è definitivo".

ARBITRI - "Quest'anno fischiano meno, adeguando il calcio italiano a quello internazionale. Da questo dipende il gran numero di gol segnati".

PAROLO - "E' giusto che sia qui perché è il centrocampista dal rendimento più alto di tutti".

CRISCITO - "Mai avuto problemi con lui. Forse il suo agente ha rilasciato dichiarazioni un po' avventate".

CALCIO ITALIANO - "Torneranno i top player solo quando miglioreremo noi. Dobbiamo capire che non siamo più al vertice, e per riprenderci servirà tanto lavoro".




Commenta con Facebook