• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Fiorentina > Fiorentina, Rossi: "Juve, a noi i tre punti a te il Real. Balotelli? Stia piu' attento"

Fiorentina, Rossi: "Juve, a noi i tre punti a te il Real. Balotelli? Stia piu' attento"

Gli estratti dell'intervista rilasciata dal calciatore della Viola a 'La Gazzetta dello Sport'


Giuseppe Rossi (Getty Images)
Andrea Branco (twitter: @brancandre)

17/10/2013 07:19

FIORENTINA JUVENTUS INTERVISTA GIUSEPPE ROSSI / FIRENZE - A tre giorni dal big match domenicale tra Fiorentina e Juventus, 'La Gazzetta dello Sport' pubblica sulle proprie pagine una lunga intervista al rinato Giuseppe Rossi. Dai consigli a Balotelli alla corsa scudetto: Calciomercato.it vi riporta di seguito alcune delle sue confessioni più bollenti.


FIORENTINA-JUVENTUS - "Abbiamo bisogno di conquistare tre punti. Facciamo così: noi vinciamo in campionato e la Juve batte il Real al Bernabeu. E tutti, più o meno, hanno un motivo per sorridere. I giocatori più pericolosi? Tevez e Cuadrado possono inventare in un attimo il colpo del ko".

CORSA SCUDETTO - "La Juventus è in pole position ma le altre sono vicinissime. Attenti alla Roma di Totti. Non fare le coppe è un vantaggio clamoroso. Il Napoli? Benitez è un uomo vincente e il Napoli ha tutto per conquistare lo scudetto. Sarà un osso duro per tutti. Compreso per la Juve".

CONSIGLI A BALOTELLI - "Pensa bene prima di scrivere o di dire qualsiasi cosa. Ormai ogni tua parola è passata ai raggi X. Prandelli vuole abolire twitter ai mondiali? Vorrà dire che i miei tifosi mi seguiranno sulla mia pagina GR22".

I SEGRETI DI PEPITO - "Come mi rilasso prima di un match? Palleggiando nello spogliatoio mentre sento la musica. Il silenzio non mi piace. Ma capisco di essere diverso dai miei compagni. È l'insegnamento che mi arriva dalla mia anima americana. Ho due miti: Kobe Bryant e Federer, due campioni che hanno vinto tutto ma che non mollano mai. Una splendida lezione di vita che mi porto dentro".

 




Commenta con Facebook