• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-VERONA

PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-VERONA

I bianconeri, trascinati da un eccellente Tevez, vincono a fatica contro l'ordinata e pericolosa squadra di Mandorlini


Super Tevez guida la Juve (Getty Images)
Stefano Carnevali (Twitter: @stefano_kaiser)

22/09/2013 16:51

PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-VERONA

PAGELLE TABELLINO JUVENTUS-VERONA / TORINO - La Juventus teme una replica dell'incubo di Copenaghen, con una gara dominata e troppa difficoltà nel concretizzare. Il gol di Cacciatore gela lo 'Juventus Stadium', ma uno straordinario Tevez guida e ispira la rimonta. E' una Juve meno 'armoniosa' rispetto agli ultimi anni, ma comunque efficace grazie ai propri campioni. Bene Llorente. Si confermano decisivi Vidal e Barzagli. Partita difficile per Pirlo, negativa per Isla. Il Verona disputa una gara precisa e ordinata. Bene Rafael e Cacciatore. Importante Halfredsson. Jorginho si sacrifica troppo per limitare Pirlo. Gli innesti in corsa non incidono. Confuso Bianchetti.

 

JUVENTUS 

Storari SV - Quasi totalmente disoccupato, viene battuto da Cacciatore senza colpe.

Barzagli 6,5  - Fondamentale nelle chiusure sulle fastidiose ripartenze del Verona, 'buca' solo su Moras (torre per Cacciatore) in occasione del vantaggio Veronese. Resta comunque decisivo.

Bonucci 6,5 - Non disdegna i continui inserimenti, visto che il Verona se ne stà sulle sue, bassissimo. Non impeccabile in occasione del gol di Cacciatore, si riscatta con il grande passaggio per il pareggio di Tevez. Miracoloso intervento su Jorginho in avvio di ripresa.

Ogbonna 5,5 - Ha tanto spazio, ma non lo sfrutta sempre a dovere. Partecipa alla dormita sul gol di Cacciatore.

Isla 5 - Titolare per far rifiatare Lichtsteiner, sembra ancora lontano parente del fluidificante ammirato a Udine. Non azzecca un cross, non riesce a mettere sotto Agostini.

Vidal 6,5 - Uomo ovunque della Juve: con il proprio dinamismo si fa vedere in ogni zona del campo. E' il primo a recuperare il pallone e non è secondo a nessuno quanto a inserimenti. Assist pregevole per Llorente.

Pirlo 5,5 - Facendosi marcare stretto, annulla di fatto Jorginho. Però non si vede quasi mai in fase di impostazione. Dal 66' Marchisio 6 - Rientra dopo il lungo stop e gioca uno spezzone di partita generoso. 

Pogba 6 - Parte con un po' troppa sufficienza, sbagliando molto. Vicinissimo al gol di testa, ma Cacia gli smorza l'urlo in gola. Nel secondo tempo è un po' più concreto e tira tantissimo verso Rafael. Scheggia anche la traversa.

Asamoah 6 - E' in ottime condizioni fisiche, ma Cacciatore è un cliente scorbutico. Il suo apporto, nonostante fatichi ad arrivare sul fondo, è comunque costante e prezioso

Tevez 8 - E' un po' meno voglioso di cooperare coi compagni rispetto al solito. Ma in avvio risulta comunque il più pericoloso dei suoi. Encomiabile per il numero di palloni che recupera. Il suo gol - pareggio immediato - è tanto importante quanto spettacolare. Incredibilmente sfortunato il suo doppio palo nel finale di tempo. Imprendibile. Dal 79' Giovinco SV -. 

Llorente 6,5 - Finalmente titolare, Conte lo vorrebbe punto di riferimento vivace, in grado di dialogare con la squadra. In realtà, in avvio, preferisce stazionare nel cuore dell'area. Importante per le sponde: cerca sempre - e spesso bene - Tevez. Perentorio il colpo di testa con cui porta in vantaggio la Juve nel recupero del primo tempo. Dal 69' Vucinic 5,5 - Contribuisce a portare a casa la vittoria, tenendo palla e squadra alta. E' però nervoso e pasticcione.

All: Conte 6,5 - Ampio turnover, soprattutto nel pacchetto arretrato. La Juve domina per larghi tratti, complice un Verona schiacciato nei propri 25 metri. I bianconeri faticano però a sfondare e vengono spesso risucchiati in avanti anche coi difensori. In questo modo gli uomini di Conte prestano il fianco a qualche ripartenza di troppo. Troppi tentativi di sfondamento centrale. Il gol del Verona è una 'frustata' che scuote i campioni dalla Juve e la partita cambia. Bianconeri meno compatti ma più talentuosi rispetto al recente passato.

 

VERONA 

Rafael 6,5 - Sempre attento e preciso, non può davvero nulla sui gol bianconeri.

Gonzalez  6 - Pogba, Asamoah, Llorente, Vidal: sono numerosi i bainconeri che gravitano dalle sue parti a fasi alterne. Fatica anche se non affonda.

Moras 6,5 - Si incolla a Llorente e riesce a limitarlo nelle conclusioni. Non può però evitare che il basco effettui una lunga serie di sponde preziose. Ottima la sua torre per Cacciatore, in occasione del vantaggio del Verona. Sovrastato da Llorente sul 2-1 per la Juve.

Bianchetti 5 - Spesso incrocia con Tevez. E sono dolori: l'argentino gli sfugge quasi sempre.

Cacciatore 6,5 -  Pomeriggio durissimo, contro di Asamoah. Non si fa mai saltare e firma anche il gol del clamoroso vantaggio gialloblu.

Romulo 6,5 - Fa densità in mezzo al campo, vero e proprio scermo aggiuntivo per la difesa a tre di Mandorlini.

Donati 5 - Cerca di dare ordine alla squadra ma non è facile: il Verona aspetta e copre e far ripartire la manovra è sempre problematico. Impatto limitato sulla gara. Dal 58' Gomez 5 - Inserito per dare maggior peso offensivo alla squadra, raccoglie molto poco.

Halfredsson 6,5 - Utilissimo. Il Verona è spesso schiacciato, per cui gli inserimenti juventini si ripetono con facilità: lui li tampona quasi tutti. Dal 77' Donadel SV -. 

Agostini 6 - Buon lavoro su Isla, spinge poco. Dal 67' Iturbe 5,5 - Non incide sulla gara, nonostante il grande movimento.

Jorginho 5,5 - Segue Pirlo ovunque e lo mette in notevole difficoltà. In avanti, però, non si vede mai. Chiude la gara in mediana, cercando di migliorare il gioco dei suoi.

Cacia 6 - Partita di grande sofferenza. Ha una sola palla, nel primo tempo e per poco non concretizza. Tanta combattività.

All: Mandorlini 6,5 - Imposta la propria squadra a 'specchio' della Juve, cercando di fare densità in mezzo al campo. L'avvio è fin troppo prudente, quasi timoroso: il Verona è bassissimo e troppo schiacciato. Per lunghi tratti impressiona l'ordine degli uomini di Mandorlini, che non a caso, passano in vantaggio. Poi, però, si svegliano i campioni della Juve. Difficile, poi, cambiare l'inerzia della gara. Il Verona, però, non si disunisce e riesce comunque a creare dei grattacapi ai campioni d'Italia anche nella ripresa.

 

Arbitro: Bergonzi 7 - Corretto non concedere il gol sul colpo di testa di Pogba: Cacia compie un miracoloso salvataggio sulla linea. Convince meno la tolleranza per gli interventi duri dei veronesi. Decide bene in tutte le circostanze della ripresa.

 

JUVENTUS-VERONA 2-1

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Pirlo (66' Marchisio), Pogba, Asamoah; Tevez (79' Giovinco), Llorente (69' Vucinic). All: Conte

VERONA (3-5-1-1): Rafael; Gonzalez, Moras, Bianchetti; Cacciatore, Romulo, Donati (58' Gomez), Halfredsson (77' Donadel), Agostini (67' Iturbe); Jorginho; Cacia. All: Mandorlini

Arbitro: Bergonzi

Marcatori: 36' Cacciatore (V); 40' Tevez, 45' + 3' Llorente (J)

Ammoniti: 41' Asamoah, 49' Ogbonna, 85' Vucinic (J); 87' Donadel (V); 88' Marchisio (J)

Espulsi

Note: 




Commenta con Facebook