• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Fondazione AKTIV e Adidas insieme contro il cancro

Fondazione AKTIV e Adidas insieme contro il cancro

La casa di abbigliamento sportivo, insieme alla fondazione nata nel 2007 dall'idea di Grete Waitz, supportano la battaglia contro il cancro


Insieme contro il cancro

30/05/2013 16:15

ADIDAS FONDAZIONE AKTIV CANCRO / MILANO - L'atleta adidas Grete Waitz ha fondato in Norvegia nel 2007 la fondazione AKTIV con lo scopo di promuovere l'attività fisica e supportare la battaglia contro il cancro.

Specialista nella maratona, Grete Waitz ha conquistato l'argento olimpico a Los Angeles 1984 e l'oro ai campionati mondiali del 1983. Ha, inoltre, vinto nove volte la maratona di New York e ha migliorato più volte il record mondiale nella specialità. Ha perso la sua personale battaglia contro il cancro nell'aprile 2011.

Adidas ha voluto stipulare con Grete Waitz una partnership a lungo termine per raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro tramite l'associazione AKTIV realizzando anche la collezione Modern Classic Marathon '10. Abbigliamento e scarpe che mantengono le forme classiche dal 1983 (anno in cui Grete è diventata la prima donna IAAF campionessa mondiale di maratona a Helsinki), arricchite dalle nuove tecnologie adidas.

Per supportare AKTIV, adidas dona il 2% delle vendite generate dall'abbigliamento e dalle scarpe AKTIV all'associazione. Tutti i pezzi della collezione hanno il logo AKTIV e colori ed elementi di design.

Nel 2013, la fondazione AKTIV ha ampliato il suo sostegno includendo nel progetto il maratoneta più forte di tutti i tempi: Haile Gebrselassie, ambasciatore adidas. Il 2% delle vendite generate dalla collezione uomo sosterranno un programma di scambio per educare nuovi oncologi in Etiopia.




Commenta con Facebook