• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > CALCIO INDOSSATO: Bayern Monaco 2013-2014

CALCIO INDOSSATO: Bayern Monaco 2013-2014

Rubrica sulle magliette che caratterizzano il gioco piu' bello del mondo


Schweinsteiger con la nuova maglia (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

21/05/2013 15:13

CALCIO INDOSSATO BAYERN MONACO 2013 2014 GUARDIOLA HEYNCKES / ROMA- La stagione in corso sta cambiando le gerarchie del calcio europeo. Il grande Barcellona che fu di Pep Guardiola sembra aver abdicato sotto la gestione Vilanova in favore del Bayern Monaco di Jupp Heynckes, che rappresenta un modello a livello tattico e di gioco, ma anche fuori dal campo per quanto riguarda gli aspetti economici e di mercato. Il club bavarese sta diventando dunque il nuovo esempio anche per i risultati sportivi che sta raggiungendo. In questa stagione infatti la Bundesliga è già in bacheca e potrebbero finirci presto anche la Coppa di Germania (finale contro lo Stoccarda) e la Champions League (partita conclusiva con il Borussia Dortmund). Guardiola - per un curioso 'scherzo' del destino - sarà chiamato dal 2013/2014 a migliorare una macchina quasi perfetta, che avrà a disposizione una nuova divisa disegnata da Adidas.

STORIA DELLA DIVISA- Il Bayern Monaco è stato fondato nel 1900 e da allora, salvo qualche eccezione, i colori dominanti delle divise sono stati il rosso ed il bianco. Nei primi anni di vita del club le magliette erano bianco-azzurre in omaggio alla bandiera della Baviera. Dal 1905 però il rosso ed il bianco sono diventati dominanti e vincenti (la 'classica' tenuta ha accompagnato i periodi migliori della storia del club) con qualche variazione sul tema, richiamando nuovamente il colore azzurro (celebre la tenuta palata rosso-azzurra di metà anni novanta) oppure, più recentemente, utilizzando l'oro.

DIVISA 2013/2014 - Da sempre Adidas è uno dei partner più fedeli del Bayern Monaco, creando un binomio che ha sempre prodotto divise d'eccellenza. La casa sportiva tedesca ha proposto nel 2011 la maglietta rossa ed oro che è stata utilizzata per due stagioni. E' il momento di cambiare ed Adidas lo ha fatto in grande, presentando la nuova maglia da casa per il 2013/2014 che ha fatto il suo esordio nella gara di campionato contro l'Augsburg. La divisa è totalmente rossa (ricalcando dunque la maglia iconica del Bayern), ma al posto delle finiture oro di quella utilizzata in questi due anni torna a predominare il colore bianco che caratterizza tutti i dettagli. Il colletto a V infatti è bianco con un doppio bordo rosso. Abbinamento presente anche sui bordi delle maniche. Le celebri 'Stripes' della casa tedesca sono in bianco. Ovviamente lo stemma societario è all'altezza del cuore con il logo Adidas dalla parte opposta con lo sponsor (Deutsche Telekom) al centro, anch'esso in bianco. Sul retro della maglia poco sotto il colletto è ricamato il motto 'Mia san Mia', slang bavarese che significa 'Noi siamo noi'. La divisa presenta una trama lucida a rombi tono su tono che va ad omaggiare la bandiera della Baviera e lo stemma societario. Pantaloncini e calzettoni sono rossi con le 'stripes' bianche ed il doppio bordo bianco-rosso.

COMMENTO- Adidas è sempre stata molto attenta nel lavorare con il Bayern Monaco, ma a mio avviso per questa divisa si è superata. La maglia dell'anno in corso infatti, era troppo 'spagnoleggiante' con la presenza ingombrante dell'oro. Questa divisa proposta invece rispecchia perfettamente la storia del Bayern Monaco nella combinazione dei colori, nella semplicità ma anche nel proporre una trama a rombi tono su tono che, oltre ad essere molto gradevole come effetto visivo, dà un effetto vintage e personalizza la maglia con il riferimento allo stemma societario ed alla bandiera bavarese.

 




Commenta con Facebook