• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Giovanni Bia su Macheda, Cigarini e Guarente

Giovanni Bia su Macheda, Cigarini e Guarente

Calciomercato.it ha intervistato il procuratore dei tre giocatori


Luca Cigarini (Getty Images)
Federico Scarponi

26/04/2013 11:08

MERCATO ESCLUSIVO BIA SU MACHEDA CIGARINI GUARENTE / ROMA - Attualmente in prestito, Macheda, Cigarini e Guarente, sembrano destinati ad 'abbandonare' definitivamente i rispettivi club di appartenenza per restare dove sono. Oltre ad un destino 'comune', i tre calciatori condividono anche lo stesso procuratore, Giovanni BiaCalciomercato.it lo ha intervistato in esclusiva per mettere a fuoco la situazione di ciascuno dei suoi assistiti. 

MACHEDA - "Come ha già detto il ragazzo ai vostri microfoni, si trova benissimo in Germania e vuole restarci. Un accordo già ce l'abbiamo e ovviamente si parla di trasferimento a titolo definitivo. C'era stato qualche problema di cifre tra Manchester United e Stoccarda ma ora abbiamo sistemato tutto. I 'Red Devils' sanno benissimo che al ragazzo resta soltanto un anno di contratto (scadenza giugno 2014, ndr) ed avendo soltanto 22 anni la fila per prenderlo a parametro zero sarebbe lunghissima. Per questo sono convinto che sicuramente Macheda il prossimo anno giocherà con la maglia degli 'Svevi'". 

CIGARINI E GUARENTE - "Luca e Tiberio si trovano in situazioni simili: entrambi sono in prestito (fino a giugno, ndr) da Napoli e Siviglia rispettivamente ad Atalanta e Bologna. Penso che entrambi resteranno dove sono. Ho sentito la scorsa settimana Marino (dg degli orobici, ndr) e abbiamo stabilito che ci vedremo a salvezza ottenuta. Puntano molto su di lui, per questo penso che resterà in nerazzurro. Per Guarente più o meno è la stessa cosa: credo che i felsinei abbiamo tutta l'intenzione di confermarlo ma ci sarà bisogno di tenere conto delle esigenze economiche del Siviglia. Anche in questo caso, ne riparleremo più avanti".    

 




Commenta con Facebook