• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Mercato Serie A, Raiola: "Nessuno mi ha chiesto Ibra. Cavani? E' abbordabile per..."

Mercato Serie A, Raiola: "Nessuno mi ha chiesto Ibra. Cavani? E' abbordabile per..."

L'agente FIFA ha parlato della situazione dello svedese e del futuro dell'uruguaiano


Edinson Cavani (Getty Images)
Matteo Torre (Twitter: @torrelocchetta)

21/03/2013 21:13

MERCATO RAIOLA IBRAHIMOVIC CAVANI FUTURO / ROMA - Mino Raiola fa le carte a due dei più grandi attaccanti al mondo: Zlatan Ibrahimovic, suo assistito, ed Edinson Cavani. Intervistato telefonicamente da 'Sky Sport24', l'agente FIFA ha dichiarato: "Ibra alla Juventus? In Italia in una stagione è cambiato molto: si vedevano già i segni della crisi, ma ora è entrata a piedi uniti sul calcio italiano. Niente è impossibile e ogni situazione va gestita, ma ad oggi nessuno mi ha chiesto Zlatan né lui mi ha chiesto di lasciare il PSG. Se qualcuno lo vuole e ha un progetto interessante chissà: ad oggi non esiste, e credo che in Italia non esisterà neanche in futuro. Non credo che in Italia nessuno possa permetterselo. Se però continuiamo tutti insieme questo nuovo corso del calcio italiano porterà grandi soddisfazioni: i giovani hanno più spazio, è la strada su cui proseguire secondo me. Ibra è stato molto diretto sul Paris Saint-Germain, aveva delle idee e le ha dette, ma finisce là".

CAVANI - "Può lasciare la Serie A e ci sono società capaci di pagarlo. Il suo trasferimento dal Palermo al Napoli fu già importante, ma oggi è considerato un grandissimo affare. Quando le grandi d'Europa hanno bisogno di una punta e si trovano di fronte due giocatori, di cui solo uno si può prendere, 70 milioni di euro diventano abbordabili. Ma il cartellino non è garanzia di risultato: tanti calciatori di grande valore non hanno reso come le aspettative avrebbero imposto".




Commenta con Facebook