• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Napoli-Juventus, Conte: "Ostracismo per Rizzoli? Arbitri vanno rispettati"

Napoli-Juventus, Conte: "Ostracismo per Rizzoli? Arbitri vanno rispettati"

L'allenatore bianconero in conferenza stampa alla vigilia della grande sfida contro gli azzurri


Antonio Conte (Getty Images)
Matteo Torre (Twitter: @torrelocchetta)

28/02/2013 15:00

NAPOLI JUVENTUS CONTE CONFERENZA STAMPA / TORINO - Antonio Conte prepara la trasferta delicatissima della sua Juventus in casa del Napoli. Il tecnico bianconero, in conferenza stampa, ha dichiarato: "Non è bello parlare ora di designazioni. Siamo molto sereni, ma si trovano tutte le occasioni per fare polemiche. Ci deve essere comunque un clima di fiducia nel confronti di Braschi. Dispiace che anche gli ex addetti ai lavori trovino modo per fare polemica: dispiace leggere che sembra esserci stato ostracismo nei confronti di Rizzoli. Abbiamo la massima fiducia negli arbitri e ci possiamo arrabbiare, ma ciò non significa che non rispettiamo il loro operato. Dispiace che a volte aleggi un clima misterioso, losco. Siamo tranquilli, alla fine deve vincere il più forte. I protagonisti sono i calciatori, gli arbitri devono essere sereni e imparziali".

SU TRE FRONTI - "Abbiamo una partita molto importante contro il Celtic dopo quella col Napoli. L'anno scorso non giocavamo ogni tre giorni, ma preferiamo preparare in questa situazione le partite: essere presenti su tre fronti è importante, visto che abbiamo giocato praticamente tutta la Coppa Italia".

NON DECISIVA - "I tre punti col Siena valevano come quelli col Napoli: abbiamo vinto contro una squadra in ottima forma, ora ci prepariamo ad una bella partita, come saranno più avanti partite forti e toste quelle contro Milan, Inter, Lazio. Questa è una delle tante gare che dovremo affrontare per il traguardo finale. Il campionato non finirà domani, a prescindere dal risultato".

CHIELLINI - "L'importante è che sia uscito da questo incubo. A proposito di infortuni, auguri a Simone Pepe: ieri gli sono state asportate le calcificazioni, lo aspettiamo quanto prima".

NAPOLI - "L'anno scorso venivamo da due settimi posti, loro si sono attrezzati per fare la Champions League. Noi abbiamo fatto meglio, vincendo lo Scudetto: quest'anno col Tricolore sulla maglia eravamo favoriti ai nastri di partenza. Gli azzurri possono ambire allo Scudetto: sono usciti prematuramente dalle Coppe, ora puntano solo al campionato. L'unico giudice sarà il campo, perché, com'è giusto che sia, vincerà il migliore. Questa partita è al pari di quelle contro le altre squadre che lottano per lo Scudetto: Inter, Milan, Roma, Lazio. Ci sarà lo stesso accentramento di interesse mediatico".

ROMA - "Eravamo molto dispiaciuti dopo la sconfitta con la Roma, e così doveva essere: chi accoglie la sconfitta col sorriso sulle labbra si prepara a prenderne un'altra. Io cerco di inculcare ai miei calciatori questa mentalità, non abbiamo pensato a chi ci avrebbe potuto raggiungere o avvicinare. Guardiamo in casa nostra".

GIOVINCO E QUAGLIARELLA - "Sebastian ha avuto una settimana di gloria: oltre a PD, PDL e Monti, c'era anche la Lista Giovinco, e io l'ho votata. Riesce a gestire bene le pressioni, e non è facile, essendo lui al primo anno in una situazione del genere. Quagliarella si sta allenando, quando lo vedrò in forma giocherà".

RAZZISMO - "Sentire certi cori è brutto, in tutti gli stadi: non deve accadere, nel 2013 non possiamo permetterci ancora di insultare per il colore della pelle o altri motivi. Lo trovo demenziale".

ATTEGGIAMENTO TATTICO - "In passato, specialmente in Italia, puntavamo all'arroganza in casa e al contropiede in trasferta: noi cerchiamo di essere sempre propositivi, anche se a volte gli avversari non ce lo permettono. Domani porteremo le nostre idee e la nostra organizzazione, sapendo di affrontare un avversario forte, e dico sempre: che vinca il migliore".




Commenta con Facebook