• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Calcioscommesse, l'orgoglio di Farina per il 'Cartellino Viola'

Calcioscommesse, l'orgoglio di Farina per il 'Cartellino Viola'

All'ex giocatore del Gubbio e' stato assegnato il premio dedicato al fair play



05/02/2013 00:45

CALCIOSCOMMESSE FARINA CARTELLINO VIOLA / ROMA - In occasione della consegna del 'Cartellino Viola', premio assegnato dalla Fiorentina a personaggi distintisi per fair play, l'ex giocatore del Gubbio Simone Farina, noto per la sua denuncia di una tentata combine, ha parlato del suo gesto. Ecco il discorso di Farina, riportato dal media ufficiale della società toscana: "Ringrazio la Fiorentina e la Mazda e tutti i componenti della giuria per aver scelto il mio gesto di Fair Play come il più rappresentativo. Ricevere questo premio, mi inorgoglisce molto perchè credo che ci debba essere la giusta attenzione a questa tematica. Tra l'altro so che il Cartellino Viola ha avuto grande successo e questo può fare solo che bene al mondo del calcio".

FAIR PLAY - "Ora vivo in Inghilterra e il Fair Play è la normalità. La mia società mi permette di lavorare ogni giorno con i bambini e quest'esperienza mi sta arricchendo molto e sto ricevendo tanto. Nel mio piccolo ho fatto solo quello che il calcio mi ha insegnato: Coraggio, Educazione e Rispetto delle regole. Io amavo infinitamente giocare, non lo nascondo, ma questo nuovo ruolo, mi fa stare bene perchè continuo ogni giorno a vivere il calcio non più da giocatore ma da coach".

VITA NUOVA - "Diciamo che da quando ho fatto la denuncia ho vissuto momenti molto difficili della mia vita, perchè vedevo intorno a me tanti comportamenti ambigui. Io non ho mai voluto sfruttare la mia apparente notorietà anche se lo avrei potuto fare. Ma la cosa fondamentale per me è stata fermarmi ad osservare tutto ciò che mi circondava e con calma capire quale fosse il mondo migliore per prendere il meglio da tutta questa situazione e difendere gelosamente con il silenzio quello che avevo fatto. Non nascondo un sogno: che è quello di rappresentare anche il mio paese in giro per il mondo perchè amo l'Italia e sono fiero di essere ITALIANO".


A.C.




Commenta con Facebook