Breaking News
© Getty Images

Milan, Cerci adesso diventa un caso

L'esterno offensivo arrivato dall'Atletico Madrid ha giocato solo 22' nelle ultime due gare

MILAN CASO CERCI / MILANO - Corteggiato a lungo, conquistato e, alla fine, 'tradito'. Alessio Cerci fatica ad imporsi nel Milan di Pippo Inzaghi. Dopo cinque mesi in naftalina all'Atletico Madrid, l'esterno offensivo ex Torino, trattato dai rossoneri anche in estate, era tornato in Italia per riconquistare i riflettori. Il ritardo nella condizione atletica, però, hanno frenato il suo impatto e dopo le due gare intere disputate contro Juventus e Parma è finito fuori, collezionando soltanto 22' nelle ultime due sfide. Troppo poco. Cerci, riporta 'La Gazzetta dello Sport', si sente sedotto e abbandonato. Era arrivato immaginando un altro scenario e dopo la sfida con il Cesena ha chiesto all'allenatore il perché della seconda panchina consecutiva. Inzaghi gli ha risposto che le sue scelte sono fatte per il bene della squadra. 

L'ex granata, che alla vigilia dell'ultima sfida di campionato era stato provato tra i possibili titolari salvo poi vedersi preferire Menez, è preoccupato anche per il cambio modulo: con il nuovo 4-3-1-2, Cerci potrebbe comunque adattarsi a fare la seconda punta, ma avrebbe come concorrente diretto proprio il francese. Inutile dire che, al momento, sarebbe l'ex Psg il titolare tra i due.

In evidenza   Lazio   Milan
Lazio-Milan, le ultime sulle formazioni: Inzaghi sorprende
I biancocelesti lanciano Keita dal primo minuto, fuori Lulic
In evidenza   Milan   Napoli
Milan-Napoli, Montella: "Hanno budget superiore, da Champions. Reina furbo"
Ecco le parole del tecnico rossonero alla vigilia del grande match
In evidenza   Fiorentina   Milan
Milan-Fiorentina, Mihajlovic: "Ennesima ultima spiaggia? Andrò in montagna! El Shaarawy..."
Ecco le dichiarazioni del tecnico, in vista della sfida contro i 'viola'