• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Bologna-Napoli, Sarri: "Scarichi mentalmente. Gli arbitri italiani non sono i migliori"

Bologna-Napoli, Sarri: "Scarichi mentalmente. Gli arbitri italiani non sono i migliori"

Il tecnico az...zurro analizza gli errori commessi dai suoi calciatori


Maurizio Sarri ©Getty Images
Gennaro Arpaia

06/12/2015 15:32

BOLOGNA NAPOLI SARRI / BOLOGNA - Tutto come previsto: Maurizio Sarri aveva messo in guardia da un calo di rendimento della sua squadra e puntualmente il Napoli visto in campo a Bologna ha palesato le difficoltà preventivate dal tecnico. 

Intervenuto a 'Sky', l'allenatore degli azzurri ha spiegato: "Si è verificato quello che temevamo, eravamo scarichi mentalmente dopo una partita molto dispendiosa. C'è stato anche un po' di appagamento e abbiamo avuto un impatto molle". 

Sarri non se la prende con l'arbitro: "Sul primo gol c'è stato un piccolo errore dell'arbitro, ma soprattutto tanti errori nostri. A noi bastano 10 minuti di buon livello per rimediare a certe situazione e nel finale lo abbiamo dimostrato: abbiamo sbagliato a non crederci sul 3-0". 

Ora questo ko non cambia il campionato del Napoli: "Questa partita 20 giorni fa non l'avremmo persa. Non importa la posizione in classifica, il calo di concentrazione era prevedibile. Dobbiamo pensare che l'aspetto principale è quello difensiva, serve la maturità per capirlo. Questa sconfitta non cambia le cose, anzi potrebbe anche farci bene".

Successivamente in conferenza stampa, Sarri parla di Mazzoleni: "La squadra deve restare serena, dobbiamo fare un'analisi seria per porci alcune domande e i rispettivi rimedi. Nulla da dire a Mazzoleni, però consiglio a Nicchi di smetterla di dire che gli arbitri italiani sono i più forti al mondo".

Il tecnico ha analizzato il match: "Il Bologna ha giocato con fisico, organizzazione e soprattutto entusiasmo visto anche dove erano quaranta giorni fa. Avevano più benzina di noi oggi. Non siamo stati neanche fortunati, è vero, e questo la dice lunga. Ma il Bologna meritava di vincere. Non è stato tanto l'atteggiamento rossoblu a frenarci, piuttosto siamo stati noi molto rinunciatari. C'erano spazi e non ne abbiamo approfittato, questo è stato il nostro errore. Ci sono giocatori stanchi e sono quelli che giocano anche in nazionale; è ovvio che dopo tre mesi di campionato qualche testa può deconcentrarsi un attimo, è naturale. Se oggi è successo ci sono dei motivi, ma se eravamo così stanchi perché alla fine abbiamo cercato così fortemente il pari?"

Infine, sugli obiettivi: "Ho vissuto questa settimana come quando ero terzo. Non riesco a cambiare modo di essere. Sono vecchio ed esperto, non mi lascio prendere da queste cose. Siamo a tanti mesi dalla fine del campionato, manca ancora troppo. Gli obiettivi dobbiamo stabilirli noi, non la stampa."

B.D.S.




Commenta con Facebook