• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, bivio Mancini: insistere con Icardi o puntare sull'attacco 'leggero'?

Inter, bivio Mancini: insistere con Icardi o puntare sull'attacco 'leggero'?

L'argentino non riesce ancora ad esplodere in questa stagione


Mauro Icardi ©Getty Images
Marco Di Federico

02/12/2015 10:05

INTER ICARDI MANCINI / MILANO - Un'altra prova opaca, questa volta nel big-match che poteva valere l'allungo in classifica. Mauro Icardi ha fatto poco o nulla nel primo tempo contro il Napoli: pochi palloni giocabili, è vero, ma è un dato di fatto che nella ripresa, senza di lui, l'Inter abbia giocato meglio. Anche se era in 10.

Addirittura, i dati Opta dicono che Icardi ha toccato meno palloni (13) di ciascuno dei due portieri. Numeri eloquenti, che devono fare riflettere sull'involuzione del bomber argentino, capocannoniere della scorsa Serie A. Con l'attacco 'leggero', composto dai vari Jovetic, Ljajic, Perisic o Biabiany, l'Inter gioca meglio. Che fare, allora? Mancini ha trovato la quadratura del cerchio con il 4-2-3-1, ma lì davanti Icardi è troppo isolato: è un attaccante da area di rigore, se non arrivano i rifornimenti va in crisi. E allora sta al capitano nerazzurro cambiare passo e diventare uomo squadra, in tutti i sensi. Ha solo 22 anni e tutto il tempo per migliorare e diventare un attaccante completo. Ma, nel frattempo, il rischio è quello di perderlo.




Commenta con Facebook