• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > SOCCER FEVER - Top, Flop e uomini mercato della Week 27 della MLS

SOCCER FEVER - Top, Flop e uomini mercato della Week 27 della MLS

Calciomercato.it vi propone un focus sul calcio a stelle e strisce


Didier Drogba (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

08/09/2015 16:25

SOCCER FEVER MLS WEEK 27 / ROMA - Appuntamento settimanale di Calciomercato.it con Soccer Fever, la rubrica che vi offre un approfondimento sulla week 27 della Mls, il massimo campionato statunitense con i top, i flop e gli uomini mercato.


Solo cinque partite nella Week 27 della Mls 2015, con i play-off che si avvicinano sempre di più. In cima alla classifica generale per il Supporters' Shield ci sono i Los Angeles Galaxy, seguiti dai Vancouver Whitecaps. Terzo posto (anche ad ovest) per Dallas. La franchigia allenata dal colombiano Oscar Pareja spazza via i Columbus Crew con un netto 3-0. La squadra dell'Ohio viene raggiunta in graduatoria proprio dai texani. Salto in avanti ulteriore per i Seattle Sounders che sembrano essersi ripresi dopo un periodo negativo. I 'Rave Green' di Sigi Schmid superano di misura Toronto (privo di Giovinco) grazie a Martins e Dempsey. I canadesi guidati da Greg Vanney vengono superati ad est dai New England Revolution, vittoriosi su Orlando City. Philadelphia sbanca San José e sogna i play-off ma dovrà vedersela anche con i Montreal Impact di Didier Drogba: tripletta e 4-3 ai Chicago Fire.


TOP - Cinque partite intense e ricche di contenuti, ma a spiccare è sicuramente Didier Drogba. Il centravanti ivoriano viene lanciato dal primo minuto da Mauro Biello e ripaga alla grande la fiducia realizzando una tripletta straordinaria. Nelle 3 reti segnate contro Chicago c'è tutto il repertorio ammirato per anni in Europa dai tifosi di Olympique Marsiglia, Chelsea e Galatasaray. Sorridono i New England Revolution e lo fanno grazie ad un super Lee Nguyen. Il trequartista di origine vietnamita gioca una partita tecnicamente sontuosa sfornando due assist al bacio (sono 8 complessivi in stagione) e tenendo continuamente sotto scacco la difesa di Orlando. La stessa sorte è capitata alla retroguardia di Toronto, letteralmente fatta a pezzi dal duo Dempsey-Obafemi Martins, entrambi a segno ed entrambi autori di un passaggio vincente per il compagno. Philadelphia si gode la vittoria grazie all'esperienza di Conor Casey. L'attaccante classe '81 parte dalla panchina e risolve il match con due gol da bomber di razza. Brilla anche l'FC Dallas e lo deve soprattutto al colombiano Michael Barrios, autore della rete del 2-0 e propiziatore in occasione del terzo gol.


FLOP - Orlando City non riesce a trovare la giusta continuità, anche se può recriminare per le tante assenze (Kakà e Larin in primis). Discorso molto simile per Toronto, che cade a Seattle senza Giovinco ed Altidore, solo per citarne due. Da solo, Bradley non riesce a reggere l'urto anche perché la linea offensiva formata da Findley, Moore e Gomez mostra tutti i propri limiti in entrambe le fasi. Nella partita più divertente, quella tra Montreal e Chicago, le due formazioni mostrano tante crepe. I canadesi soffrono terribilmente sul centro-destra dove Tissot e Toia non riescono ad arginare Igboananike. Per loro fortuna è in grande giornata Drogba, mentre non lo è il portiere di Chicago Sean Johnson autore di due errori da matita rossa su altrettanti gol. Philadelphia vince nonostante lo sciagurato fallo di mano di Fabinho che costa il momentaneo svantaggio. Columbus può recriminare: prima di prendere 3 gol da Dallas, Federico Higuain ha fallito un penaltuy mentre McInerney si è divorato un gol clamoroso a porta spalancata. Polveri bagnate che hanno deciso la gara.


CONSIGLI DI MERCATO - I New England Revolution di Jay Heaps sono una delle migliori realtà della Mls e lo devono anche a Lee Nguyen, leader tecnico e carismatico. Classe '86, nato a Richardson, in Texas, ma di chiare origini vietnamite. Viene notato dagli osservatori dell'Ajax ma in Olanda viene tesserato dal Psv Eindhoven che lo fa esordire in Eredivisie nel 2006. Vince (solo come membro della rosa) due campionati e la supercoppa d'Olanda. Si trasferisce poi al Randers, in Danimarca, e successivamente in Vietnam. Nel 2012 torna negli Usa e da allora è il faro dei Chicago Fire. Trequartista puro, può giocare anche come mezzala sia di destra che di sinistra in una mediana a tre. Fisico compatto e atletico, destro naturale. Sa giostrare dietro le punte con una naturalezza unica. Bravo a servire l'ultimo passaggio oppure nell'inserimento, è un giocatore completo nei fondamentali e che ha raggiunto la giusta maturità, tanto che il ct Usa Klinsmann lo ha richiamato in Nazionale. Dovesse tornare in Europa non fallirebbe come accaduto in gioventù.

 

TOP 11 (3-4-3): Gonzalez (Fc Dallas); Vitoria (Philadelphia Union), Hedges (Fc Dallas), Tierney (New England Revolution); Nguyen (New England Revolution), Ulloa (Fc Dallas), Caldwell (New England Revolution), Fagundez (New England Revolution); Dempsey (Seattle Sounders), Drogba (Montreal Impact), Casey (Philadelphia Union). All. Heaps (New England Revolution)




Commenta con Facebook