• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > SAMPDORIA-ROMA: LE PAGELLE DI TANCREDI PALMERI

SAMPDORIA-ROMA: LE PAGELLE DI TANCREDI PALMERI

ll nostro inviato ha stilato promossi e bocciati dell'anticipo del 'Ferraris'


Florenzi e Obiang (Getty Images)
Tancredi Palmeri (@tancredipalmeri)

26/10/2014 12:00

SAMPDORIA ROMA VOTI TANCREDI PALMERI - La Roma frena nella trasferta del 'Ferraris' contro la Sampdoria. Il nostro inviato e protagonista della rubrica 'Te Lo Do Io Il Campionato', Tancredi Palmeri, ha stilato voti e giudizi dei calciatori in campo, esprimendosi anche sugli allenatori e sull'arbitro Rizzoli.

 

SAMPDORIA

Romero 7: fa sentire la sua presenza, e in fondo anche il tempo scelto per l'uscita inutile sul palo di Gervinho rende l'uscita non propriamente inutile. Ma il capolavoro è la parata sul colpo di testa di Florenzi che fa sbrilluccicare la medaglia da vicecampione del mondo.

De Silvestri 6: non scende mai e si vede che la presenza di Gervinho sulla nuca lo innervosisce, però non fa errori.

Gastaldello 5: le incertezze della difesa sono le sue incertezze, il che è strano perché di solito è lui a tenere le fila.

Romagnoli 6.5: ottimo nel tempo d'uscita e composto nel tenere la marcatura, a pensarci bene non è mica facile contro la Roma.

Regini 7: spettacolare recupero su Gervinho, e in generale sempre pronto nell'intervento o nel raddoppio. (dal 67') Mesbah 6: bravo a non sentire il trauma nell'entrare nel momento di maggior pressione della Roma.

Soriano 6: quando si sgancia fa male, ma accade solo nella prima metà del Primo Tempo, poi non se la sente più di rischiare.

Palombo 6: calmo e imperturbabile, detta i tempi e non si fa preoccupare dal doppio pressing di chi gli sta di fronte.

Obiang 6: non perde i confronti e contribuisce a ostacolare la manovra della Roma, forse un pelo impreciso al passaggio.

Eder 6: esce alla distanza, quando la Sampdoria retrocede e lui fa valere il differenziale delle ripartenze o dell'apertura veloce. (dall'82) Rizzo sv

Gabbiadini 5.5: molto meno mobile del solito, aspetta troppo il pallone e diventa prevedibile allargandosi poco. (dall'86') Bergessio sv

Okaka Chuka 6.5: mezzo voto in meno per il gol clamoroso sbagliato sotto porta, ma per il resto è un toro con le ali e senza bollicine: stringe al pressing, detta il fraseggio e con sterzate improvvise, apre spazi con la sola imposizione delle spalle, fa crescere il nervosismo della difesa romanista.

Allenatore - Mihajlovic 6.5: la prepara al meglio possibile, l'unico ad aver ostacolato la Roma in questo campionato oltre la Juve e dunque meritandosi il punto. Il 4-3-3 in verità è un 4-4-2, lui rende la squadra mobile e non passiva, e resiste al fisiologico calo nel finale.

 

ROMA

De Sanctis 6: praticamente mai chiamato in causa direttamente ma solo su alcune uscite alte.

Torosidis 6.5: non lo vanno a stuzzicare troppo, e allora lui verso l'imbrunire della partita trova la birra per piazzare pure un cross per il colpo di testa di Florenzi che poteva mandare tutti a casa.

Yanga Mbiwa 6.5: il più in palla della linea, prezioso anche in un paio di sgroppate che sembrano sorprendere anche i compagni.

Astori 6: leggermente più incerto ma sa come recuperare con mestiere e comunque non corre pericoli.

Cholevas 6: anche lui non è troppo stimolato, magari potrebbe farsi vedere un poco di più in avanti.

Florenzi 6: sublima la prestazione discreta con il colpo di testa che poteva valere 3 punti, Romero permettendo. (dall'82) Iturbe sv

De Rossi 6: il suo aiuto non lo fa mai mancare, forse ci sarebbe giusto da velocizzare la costruzione.

Nainggolan 6.5: passaggio a livello che non si alza mai, ma anche il miglior apporto in profondità, però ha troppi metri da percorrere per avvicinarsi alla porta, e respinte su cui scaricare il tiro non ce ne sono.

Ljajic 4: dicono ci fosse. Non confermo né smentisco. (dal 71') Pjanic sv

Totti 6: dopo un quarto d'ora della ripresa scompare, ma fino ad allora è il grammofono che fa suonare il pallone a ogni tocco, solo che stavolta i dischi che gli sottopongono non sono di grande qualità. (dal 77') Destro sv

Gervinho 6: il palo è la cosa migliore, però nelle discese si capisce praticamente sempre cosa farà. 

Allenatore - Garcia 5.5: la sua partita la fa, ma mezzo voto in meno per dei cambi che dovrebbero arrivare decisamente prima, visto che da molto tempo già si vedeva come la manovra dopo la tre quarti arranchi

 

Arbitro - Rizzoli 6.5: non gli danno grandi problemi, e lui è bravo a scompigliare il pagliaio alle prime scintille




Commenta con Facebook