• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Marchetti > L'Editoriale di Marchetti - Week end di lavoro per il Milan: dopo le cessioni servono gli acquisti

L'Editoriale di Marchetti - Week end di lavoro per il Milan: dopo le cessioni servono gli acquisti

Consueto appuntamento con il nostro editorialista ed esperto di SkySport24


Luca Marchetti
Luca Marchetti (@LucaMarchetti)

08/08/2014 16:26

EDITORIALE MARCHETTI SKYSPORT24 / ROMA - Come spesso accade il weekend a Forte dei Marmi per il Milan è sinonimo di lavoro e calciomercato. È come se la sede rossonera si trasferisse sotto gli ombrelloni. Qualche ora di relax è garantita, ma allo stesso tempo lo switch on sulla modalità operativa è garantito. Anche perché tra poche ore sarà il compleanno di Inzaghi che sarà anche lui a Forte. Parlare direttamente con l'allenatore è importante: intanto ci si scambiano di persona le prime opinioni sul mercato Milan, si fanno le prime valutazioni al rientro dalla tournee americana (per fortuna finita in crescendo) e poi si comincia a lavorare in maniera concreta sul mercato. Tutte le volte che allenatore e amministratore delegato si sono visti è stato un momento di svolta nel mercato rossonero. Naturalmente Inzaghi spera sia cosi anche stavolta.
Gli incontri saranno molti. Definito in giornata l'accordo con l'agente di Pablo Armero (solo una formalità visto che Constant è partito e l'accordo con l'Udinese c'era già), sarà il turno di Diego Lopez, il portiere del Real Madrid. Con gli spagnoli nessun problema, il giocatore può liberarsi gratuitamente. Ma chiaramente c'è ancora da fare la trattativa con il suo agente Quillon. Per il momento il Milan offre poco più di due milioni e mezzo l'anno. Si sta trattando, si può chiudere. Evidentemente il portiere rimane il primo problema in questo momento per Inzaghi che ha già bocciato Agazzi e Abbiati nelle prime uscite stagionali. A proposito di portieri e di Agazzi a Forte ci sarà anche l'amministratore delegato del Sassuolo Carnevali: e si parlerà quindi con lui dell'opportunità, anche se gli emiliani sembrano più orientati verso Storari.

Poi sempre in Versilia c'è il Torino. Una stretta di mano fra Cairo e Galliani aveva sancito di fatto il primo vero approccio fra le due società per Cerci. Ora il tempo stringe, l'Atletico Madrid non molla. Rimane lui l'obiettivo numero uno per l'attacco. Ci sono sempre le alternative, ci mancherebbe. Da Ayew a Lestienne, da Afellay a Campbell che però Wenger vorrebbe tenersi come ha certificato la missione del direttore sportivo Maiorino.
In più c'è Taarabt. Il Milan ufficialmente non ha intenzione di riscattarlo, ma ha fatto sapere al ragazzo di tenersi sempre pronto. Il suo agente Kia Joorabchian anche lui sarà al mare in questo fine settimana, per parlare, anche lui, con Galliani. Magari per studiare una strategia in queste ultime 3 settimane di mercato.
Poi c'è la vicenda Dzemaili, di cui magari a Forte si parlerà soltanto senza poter entrare nello specifico. Il giocatore viene valutato dal Napoli 5 milioni di euro, il Milan per il momento non ha intenzione di andare oltre i 2,5/3 milioni. Sarà una trattativa che sarà aperta fino agli ultimi giorni. Con o senza ombrellone...

 




Commenta con Facebook