• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI LIVORNO-LAZIO

PAGELLE E TABELLINO DI LIVORNO-LAZIO

Incubo Ciani per il Livorno. Siligardi ci prova, ma non basta


Candreva a segno (Getty Images)
Antonio Russo

27/04/2014 17:36

PAGELLE E TABELLINO LIVORNO-LAZIO / LIVORNO – La Lazio coglie il successo in trasferta contro uno sterile Livorno. Tra i biancocelesti da segnalare l’ottima prestazione di Ciani. Male invece tra le fila amaranto Paulinho, sugli scudi invece Siligardi. Infine, pessima prestazione per l’arbitro De Marco e i suoi assistenti.  

 

LIVORNO

Bardi 5,5 – Nei primissimi minuti è subito impegnato da Mauri, che lo costringe alla respinta. Gravissime colpe sulla rete del capitano biancoceleste. La conclusione non è irresistibile, ma lui si fa trovare impreparato. Nella ripresa intuisce ma non riesce a respingere il penalty calciato da Candreva. Nonostante tutto, riscatta il suo errore con diversi interventi importanti.

Valentini 5,5 – Il terzino italo-argentino soffre la velocità di Keita, che viene spesso supportato dai raddoppi di Lulic. In fase offensiva è poco presente. Da quel lato, il Livorno spinge raramente. Dal 79’ Bruzzi s.v.

Emerson 5,5 – Anche lui da quel lato deve fare i conti con l’ispirato Keita di quest’oggi. Inizia abbastanza bene, ma con il passare dei minuti cala tanto e soffre la velocità dello spagnolo.

Rinaudo 5,5 – Fa buona guardia di testa, ma è lento e macchinoso, in marcatura, sui veloci attaccanti biancocelesti. Nella ripresa commette il presunto fallo da rigore, che taglia le gambe al Livorno.

Castellini 5 – Grandi colpe sulla rete laziale le ha sicuramente Bardi. Anche il terzino bresciano però non è esente da responsabilità. Grave, infatti, il liscio che spiana la strada a Mauri per il tiro. Dal 63’ Piccini 6 – Molto più intraprendente. Prova a creare problemi a Lulic su quell’out, ma non ci riesce.

Duncan 5 – Soffre il dinamismo della mediana biancoceleste. Poco preciso negli appoggi. Si addormenta frequentemente con la palla tra i piedi.

Biagianti 5,5 – Non riesce a dare gioco al suo Livorno e non riesce a fare filtro a centrocampo. Prova raramente l’inserimento offensivo e gioca una partita abbastanza anonima.

Greco 6 – Prova ad inventare calcio, ma non sempre ci riesce. È pericolosissimo con i suoi tiri dalla lunga distanza, ma non riesce a sorprendere l’attento Berisha di quest’oggi.  Dal 53’ Belfodil 5,5 – Entra per dare una scossa al match e a sé stesso. Sembra caduto in un buco nero e non riesce a ritrovarsi. Non vi è gloria per lui oggi.

Siligardi 6,5 – A tratti si accende e crea il panico nella difesa laziale. È tra i pochi dei suoi che riesce a saltare l’uomo e a portare pericoli dalle parti di Berisha.

Paulinho 5 È poco servito dai compagni che lo abbandonano un po’ a se stesso. Certo, quelle poche volte che ha la palla tra i piedi non offre nessuno spunto interessante. Nella ripresa si eclissa definitivamente e scompare dal match. Prestazione opaca.

Mesbah 6 – Su quella fascia offre buoni spunti, ma si perde, quasi sempre, nell’ultimo passaggio. In fase difensiva tiene abbastanza bene Candreva. Cala comprensibilmente nel finale.

All. Nicola 5 – I labronici cominciano il match abbastanza bene. Si smontano, però al primo goal preso e mostrano davvero poca voglia di vincere. Davvero disarmante il secondo tempo delle triglie che non hanno mai portato pericoli dalle parti di Berisha. Questa è la strada per retrocedere, così non va.

 

LAZIO

Berisha 6,5 – Nella prima frazione di gioco compie un grande intervento su una conclusione di Biagianti. Non è molto impegnato dagli attaccanti amaranto, ma si fa trovare sempre pronto. Buona prestazione.

Pereirinha 6 – Soffre Mesbah, che su quel versante, trova ampi spazi per scorrazzare. Cresce col passare dei minuti e conclude positivamente la gara.  

Ciani 7 – Incubo principale degli attaccanti livornesi. Uomo ombra di Paulinho. Implacabile di testa, lascia solo le briciole agli avversari. Sul crepuscolo del primo tempo salva la sua Lazio dal pareggio, con un intervento fondamentale su Siligardi. Per i labronici è un brutto sogno, è Boogeyman.

Cana 6,5 – Buona prestazione. Soffre un po’ la velocità e l’estro di Siligardi, soprattutto nel primo tempo. Col passare dei minuti però, riesce a prendere le contromisure adatte per contenere l’attaccante italiano.

Lulic 6,5 Si ritrova d’improvviso, per necessità, nel suo vecchio ruolo. Si disimpegna abbastanza bene, non disdegnando, ogni tanto, qualche sortita offensiva. È lui ad invitare Mauri alla conclusione per il vantaggio capitolino.

Onazi 6 – Poco preciso in fase di appoggio. Comincia la sua partita un po’ maluccio, sbagliando diversi passaggi. Rimette in sesto la sua prestazione con un buon secondo tempo.  Dal 71’ Gonzalez Alv. 6,5 – Inserito per rimpinguare il centrocampo biancoceleste, dà come sempre il suo contributo. Jolly imprescindibile per Reja.

Ledesma 6,5 – Sceglie le inquadrature adatte per il film biancoceleste. È lui, infatti, a disegnare la manovra capitolina con le sue verticalizzazioni. Punto di riferimento per i compagni.   

Biglia 6 – Cane da pallone. Strappa a morsi la sfera dalle gambe avversarie. Quando può si sgancia dalla linea di centrocampo per calciare verso la porta di Bardi. Se non fosse per l’estremo difensore italiano, troverebbe anche l’euro-goal. Macchia la sua bella prestazione con un errore, per sua fortuna indolore, in fase di disimpegno nel primo tempo.

Candreva 6 – Non è brillante come al solito. Il Livorno fa grande densità negli ultimi venticinque metri e lui ne soffre. Non trova spazi e si ritrova spesso a duettare con Keita. Trova la rete sicurezza dagli undici metri, nella ripresa. La sua prestazione è sufficiente, ma non esaltante. Dall’81’ Felipe Anderson s.v.

Mauri 6,5 – Gioca in una posizione abbastanza atipica per lui. Regala il primo squillo alle aquile. Ed è sempre lui a portare la Lazio in vantaggio, con la complicità di Bardi, non certo irreprensibile. Gioca bene in un ruolo non suo, encomiabile.

Keita 6,5 – Dialoga spesso con Candreva e salta l’uomo con una certa facilità. Mette interessanti cross al centro e nella ripresa cresce molto, creando diversi grattacapi agli amaranto. Viene, purtroppo, fermato lanciato a rete per un fuorigioco inesistente. Prestazione molto positiva per il giovane attaccante spagnolo. Dall’88’ Perea s.v.

All. Reja 6,5 – La sua Lazio non gioca una gran calcio, ma riesce a portare a casa per l’ennesima volta i tre punti.  Buona prestazione di praticamente tutti i ragazzi biancocelesti, con una nota di merito per l’ottimo Ciani di quest’oggi. Nonostante i tanti infortuni e l’attacco “leggero”, le sue aquile continuano a volare. 

 

Arbitro De Marco 5 – Nel primo tempo vi sono le proteste degli amaranto per un presunto rigore su Mesbah da parte di Ciani. Il fallo sembra non esserci e l’arbitro fa bene a far proseguire. Nella ripresa, nei primi minuti viene subito concesso il penalty alla Lazio per fallo di mano di Rinaudo. I numerosi replay però continuano a lasciare dubbi se ci fosse o no il tocco con l’arto superiore. Infine, sul tramonto del match, disastroso l’assistente del direttore di gara che ferma Keita lanciato a rete per un presunto offside, che non c’è assolutamente. Arbitraggio non esente da errori, fortunatamente non ha inciso sul risultato finale.

 

TABELLINO

LIVORNO-LAZIO 0-2

LIVORNO (4-3-3): Bardi; Valentini(dal 79’ Bruzzi), Emerson, Rinaudo, Castellini (dal 63’ Piccini); Duncan, Biagianti, Greco(dal 53’ Belfodil); Siligardi, Paulinho, Mesbah. Anania, Aldegani, Gemiti, Belfodil, Coda, Piccini, Mosquera, Benassi, Borja, Tirtiello. All. Nicola.

LAZIO (4-3-3): Berisha; Pereirinha, Ciani, Cana, Lulic; Onazi(dal 71’ Gonzalez Alv.), Ledesma, Biglia; Candreva(dall’81’ Felipe Anderson), Mauri, Keita(dall’88’ Perea). Strakosha, Cavanda, Biava, Crecco, Minala, Gonzalez Alv., Felipe Anderson, Kakuta, Perea. All. Reja.

Arbitro: Andrea De Marco di Chiavari

Marcatori: 15’ Mauri (L), 51’ rig. Candreva (L)  

Ammoniti: 50’ Rinaudo (L), 65’ Bardi (L), 86’ Mesbah (L), 90’ Pereirinha (L)

Espulsi:




Commenta con Facebook