• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > VIDEO CM.IT - Italia, Gattuso: "Balotelli? Lasciatelo tranquillo, puo' fare la differenza a

VIDEO CM.IT - Italia, Gattuso: "Balotelli? Lasciatelo tranquillo, puo' fare la differenza al Mondiale"

L'allenatore, campione del mondo da giocatore a Germania 2006, parla della Nazionale


Dall'inviata Eleonora Trotta

19/02/2014 13:43

ITALIA GATTUSO MONDIALI PRANDELLI BALOTELLI / ROMA - Gennaro Gattuso, presente all'arrivo della Coppa del Mondo a Roma per il FIFA World Cup Trophy Tour (clicca qui per i video e le foto scattate dal nostro inviato all'evento), ha rilasciato alcune dicharazioni ai cronisti presenti:

BALOTELLI - "Bisogna farlo stare tranquillo perché ai Mondiali uno come lui può fare la differenza. Mario ha una mina al posto dei piedi e se sta bene con la testa è un giocatore importantissimo. Meno si parla di lui e meglio è, deve essere bravo l'ambiente e l'allenatore a non pomparlo troppo e farlo rimanere tranquillo fino al Mondiale".

PRANDELLI - "Ha il merito enorme di aver cambiato la mentalità e il tipo di gioco. Oggi abbiamo un centrocampo molto tecnico e uno come me farebbe fatica a giocare".

MONDIALE 2006 - "Ho fatto 3 mondiali e anche quando giocavo da bambino con il muro ho sempre pensato di partecipare a un mondiale. Vincerlo è stato un sogno più grande di me. Quelli sono stati 40 giorni indimenticabili, merito del gruppo e del nosto 'condottiero' Lippi". Poi ai cronisti presenti, tra cui i nostri inviati, ha spiegato: "La Nazionale di oggi è più votata all'attacco rispetto alla nostra. L'importante sarà arrivarci bene, soprattutto dal punto di vista fisico, perché c'è il fuso orario differente oltre alle condizioni climatiche".

CALCIOSCOMMESSE - "L'inchiesta Calcioscommesse? Mi sono svegliato una mattina e mi sono trovato in un polverone. Ora è passato anche questo". Ai microfoni dei cronisti presenti a margine della conferenza stampa, tra cui gli inviati di Calciomercato.it, ha ampliato il discorso: "Non ho chiuso nulla: un giorno mi sono svegliato e trovato buttato in prima pagina, come un mostro. Io non ho mai provato ad aggiustare un risultato, e chi ha avuto la fortuna e sfortuna di lavorare con me sa che mi ha dato molto fastidio questa situazione. A questo punto una persona dovrebbe chiedere la carta d'identità per frequentare gli altri... io vengo da un piccolo paese, non mi va di chiedere la carta d'identità alla gente che frequento".


S.D.





Commenta con Facebook