• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Fiorentina > Fiorentina-Juventus, Ambrosini: "Per me e' un derby. Ecco chi toglierei ai bianconeri"

Fiorentina-Juventus, Ambrosini: "Per me e' un derby. Ecco chi toglierei ai bianconeri"

Il centrocampista viola, arrivato in estate dopo essersi svincolato dal Milan, sfida i Campioni d'Italia



18/10/2013 09:33

FIORENTINA JUVENTUS AMBROSINI MILAN MONTELLA / FIRENZE - Massimo Ambrosini, centrocampista della Fiorentina, ha rilasciato un'intervista al 'Corriere della Sera' in vista della sfida di domenica contro la Juventus:

FIORENTINA-JUVENTUS - "È come un derby. Noi ci siamo e vorremmo regalare alla città una vittoria che in casa manca da tanto tempo. Alla Juve toglierei Tevez. In pochi mesi è diventato uno dei leader. Pirlo è un mio caro amico, un giocatore clamoroso. Uno tra i più grandi con cui abbia giocato".

CALENDARIO -
"Con le prossime partite capiremo qualcosa in più. Purtroppo ci arriviamo con qualche infortunio. Però abbiamo già dimostrato di essere più forti della sfortuna. Abbiamo sprecato almeno 4 punti fin qui. Il Cagliari ci ha raggiunto alla fine, il Parma proprio all’ultimo secondo. Ma sullo stomaco mi è rimasta la sconfitta con l’Inter. Avevamo la partita in mano, potevamo al massimo pareggiarla e invece l’abbiamo persa".

PARAGONE TRA FIORENTINA E MILAN
- "La storia è diversa, anche le caratteristiche e le ambizioni lo sono. Casomai qui è più intrigante perché il gruppo ha margini di miglioramento importanti. Dobbiamo solo trovare una nostra dimensione".

LA SCELTA DI FIRENZE -
"Mi ha convinto il progetto. Nel calcio questa parola si usa spesso a vanvera. Qui, il progetto, c’è per davvero. Qualità di gioco, giovani ambizioni, un’identità di squadra. Però non si può volere tutto subito. Serve pazienza e lo sviluppo può costarci qualcosa. Come è successo a Milano".

MONTELLA - "E' all’avanguardia. Serio, preparato, con un grande staff. Il calcio va in quella direzione: la differenza la fanno i dettagli".

S.D.




Commenta con Facebook