• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Torino > Bologna-Torino, Ventura: "La sconfitta sarebbe stata ingiusta"

Bologna-Torino, Ventura: "La sconfitta sarebbe stata ingiusta"

L'allenatore dei granata elogia la coppia di attaccante Barreto-Bianchi e si gode la prestazione dei suoi


Ventura (Getty Images)

06/04/2013 23:22

BOLOGNA TORINO VENTURA / BOLOGNA - Contento per il punto conquistato nel finale e per il carattere mostrato per tutti i novanta minuti. Giampiero Ventura si gode il suo Torino e dopo il 2-2 contro il Bologna parla così ai microfono di 'Sky': "Era una partita delicata, con in palio punti importanti perché era uno scontro diretto. Siamo venuti con lo spirito giusto, abbiamo avuto anche la possibilità di vincerla. Sono contento per il punto, soprattutto per come è venuto. Oggi fino al 94' abbiamo lottato e credo che abbiamo meritato, sarebbe stata un'ingiustizia perdere questa partita. La cosa bella è lo spirito propositivo che mettiamo in campo in casa e fuori".

BIANCHI - "Sono contento per Bianchi. È un professionista assoluto, non c'è un giorno che non si allena al meglio come fanno gli altri. La risposta migliore non sono le parole, è lo spirito con cui è entrato in campo. Gli faccio i complimenti".

IL SISTEMA DI GIOCO - "Abbiamo fatto 37 punti, non sono pochi e tanti ne abbiamo lasciati per strada in maniera rocambolesca. Qualche sacrificio lo fanno i centrocampisti. Però hanno fatto gol le punte: Barreto, Bianchi. Basha, esordiente in serie A, lo scorso anno è stato importantissimo e ora sta crescendo ulteriormente. È un piacere andare al campo con questi giocatori.

BARRETO - "È stato fermo tantissimo, sta lavorando per tornare. Domenica scorsa ha fatto gol e si è stupito perché non si ricordava come si segnava e l'ho invitato a ripetersi. Ora auguriamoci che sia valido il detto non c'è due senza tre..."




Commenta con Facebook