Incubo infortuni, autunno infernale per il Milan: da Ibra a Maignan, il punto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:07

Facciamo il punto sui calciatori infortunati del Milan. Ecco quando Stefano Pioli potrebbe riabbracciare Ibra, Maignan, Theo Hernandez e tutti gli altri

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

Infortuni Milan: da Maignan e Ibra
Theo Hernandez, Maignan e Ibra © Getty Images

Non esiste squadra che ha subito tanti infortuni come il Milan. I rossoneri di Stefano Pioli continuano ad essere tartassati, giornalmente, da problemi fisici. Al peggio non sembra davvero esserci mai fine. Ieri è stato certamente il giorno più difficile per il Milan e tutti i suoi sostenitori. La perdita di Mike Maignan per ben dieci settimane è una tegola pesantissima. Come se non bastasse il lunghissimo stop del portiere francese, è arrivata la notizia della positività di Theo Hernandez. Stop che si vanno ad aggiungere ai guai recenti di Junior Messias, Daniel Maldini e Davide Calabria.

Da sabato, il Milan, così come tutte le altre squadre impegnate in Europa, tornerà a giocare ogni tre giorni. Il calendario è fitto ed inevitabilmente le partite da saltare per i giocatori infortunati sono davvero tante.

Cerchiamo di fare il punto della situazione in casa Milan, per capire quando Stefano Pioli potrà riabbracciare i propri calciatori.

LEGGI ANCHE >>> Torna Icardi, assist a Juventus e Milan: “Ecco a chi chiedere”

Guai infiniti tra i pali, Mirante ancora di salvezza

Il grande ex esalta il colpo del Milan: "Non me l'aspettavo"
Maignan © Getty Images

E’ inevitabile partire da chi starà fuori per più tempo. Come detto, lo stop di Mike Maignan è più lungo di quanto si potesse pensare. Ieri “il francese si è sottoposto ad un esame artroscopico che ha evidenziato la lesione di un legamento del polso sinistro che è stata riparata. È stata inoltre posizionata una vite percutanea nello scafoide per una sofferenza vascolare“. Il rientro in campo è previsto fra dieci settimane. Il conto è così, presto fatto: Maignan si rivedrà dopo la sosta di Natale, saltando un’infinità di partite. In Serie A sarà out contro Verona, Bologna, Torino, Roma, Inter, Fiorentina, Sassuolo, Genoa, Salernitana, Udinese, Napoli ed Empoli. Se tutto andrà bene potrà tornare a disposizione il 6 gennaio contro i giallorossi. In Champions League, chiaramente, potrebbe rivedersi solamente dagli ottavi. Sarà dunque out per le prossime 4 partite.

LEGGI ANCHE >>> Colpo a zero e doppio scippo, Juventus e Milan ribaltate

Nel frattempo la porta sarà affidata ad Antonio Mirante, ufficializzato ieri, e Tatarusanu. Il rumeno ha la fiducia di Pioli ma dovrà dimostrare fin da subito di meritarsela. I guai tra i pali non sono finiti, perché lo scorso 22 settembre Plizzari si è operato per risolvere una tendinopatia rotulea bilaterale. Out per tre mesi e 2021 terminato anche per il giovane portiere italiano.

Pioli perde Theo ma riabbraccia Calabria

Davide Calabria voti Atalanta Milan
Davide Calabria © Getty Images

Risalendo la formazione, ci concentriamo adesso sulla difesa, dove i problemi, in questo caso, sono sugli esterni. Ieri, come un fulmine a ciel sereno, è arrivata la notizia della positività di Theo Hernandez. Il mancino francese, vaccinato in estate, sta bene ma dovrà star in isolamento almeno dieci giorni. Chiaramente servirà un tampone negativo per tornare ad allenarsi in gruppo ma come abbiamo visto con Giroud e Bennacer (i più recenti colpiti dal virus), il rientro in campo non è mai facile.

Il Milan spera che tutto fili liscio. Sarà assente contro Verona e Porto e quasi certamente con il Bologna. Se tutto dovesse andare per il verso giusto potrebbe rivedersi nel turno infrasettimanale contro il Torino fra 12 giorni.

LEGGI ANCHE >>> Interrotta la trattativa per il rinnovo: svolta per Milan e Juventus

Sempre sugli esterni va monitorata la situazione legata a Davide Calabria. Il terzino italiano ha saltato la sfida della Nazionale contro il Belgio per un affaticamento muscolare. Ieri si è allenato individualmente ma sul campo. Tutto lascia pensare che oggi pomeriggio rientrerà in gruppo per mettersi a disposizione già per il match contro il Verona. Senza l’assenza di Theo, molto probabilmente Calabria avrebbe riposato, ora non è da escludere che giochi sulla sinistra, visto che Ballo-Touré non sembra dare molte garanzie, con Kalulu sulla fascia opposta.

Non potrà giocare sulla destra nelle prossime partite Alessandro Florenzi. I tempi di recupero dell’esterno, operatosi al ginocchio lo scorso 1 ottobre, sono stimati in 30 giorni. Il 31 ottobre c’è la sfida alla ‘sua’ Roma e farà di tutto per esserci ma è più probabile un rientro la gara successiva contro il Porto.

LEGGI ANCHE >>> Milan, si scatena la guerra spagnola per Kessie: doppio colpo a zero

Torna il jolly di Pioli

Milan, buone notizie dall'infermeria | Pioli potrebbe recuperarne due
Stefano Pioli ©️Getty Images

Si sta svuotando l’infermeria, invece, a centrocampo. Rade Krunic è tornato finalmente in campo, anche lui, come Calabria, dovrebbe allenarsi con il gruppo a partire da oggi. Il bosniaco sarà una pedina fondamentale per Pioli, che potrà utilizzarlo anche da trequartista. Bisognerà aspettare qualche giorno in più per Bakayoko, che punta ad essere a disposizione contro il Bologna.

Sulla trequarti, il Milan, come raccontato nei giorni scorsi, ha perso nuovamente Junior Messias. Fra una settimana conosceremo i suoi reali tempi di recupero ma la lesione del muscolo retto femorale della coscia sinistra lo porterà a saltare, praticamente, tutte le partite di ottobre. La speranza è di rivederlo in campo contro la Roma il 31 o tre giorni dopo nel ritorno di Champions con il Porto. Nessun problema per Daniel Maldini, che dopo l’allarme dei giorni scorsi, è già tornato ad allenarsi sul campo.

Incognita Ibra, è Porto l’obiettivo

Milan, Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic ©Getty Images

LEGGI ANCHE >>> Il Milan sfida Inter e Juve per l’erede di Ibrahimovic, Maldini ha un piano

Il problema al tendine d’Achille gli aveva fatto saltare precauzionalmente il match di Champions contro il Liverpool, del 15 settembre. Da quel giorno è passato un mese ed Ibrahimovic non è ancora tornato in campo. Fare pronostici con lo svedese non appare, dunque, per nulla facile. Sarà lo stesso Ibra a dare il via libera. Via libera che molti si augurano arrivi oggi. Il centravanti – ci dicono da Milanello – sta molto meglio e il suo obiettivo è quello di dare una mano ai compagni per la partita più importante, quella contro il Porto. Se oggi dovesse davvero tornare ad allenarsi in gruppo, non è da escludere una convocazione per il Verona. Chi sarà convocato certamente è, invece, Olivier Giroud. Il francese si allena con costanza ormai da giorni e i problemi alla schiena sono alle spalle. Almeno una buona notizia per il Milan…