• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Benessere > Salute, dagli spinaci ai pop corn ai lamponi: i dieci cibi "ammazzafame"

Salute, dagli spinaci ai pop corn ai lamponi: i dieci cibi "ammazzafame"

Sono capaci di placare l'appetito nell'attesa dei pasti principali


Pop corn (Getty Images)

25/05/2016 20:02

SALUTE I DIECI CIBI AMMAZZAFAME / ROMA - Si sa, quando la fame arriva e lo stomaco brontola è difficile resistere. Se questo succede quando ancora mancano diverse ore al pranzo o alla cena bisogna stare attenti a non mangiare cibi poco salutari trovati in fretta in frigo o in dispensa. Una soluzione però c'è. Il sito Women's Health ha stilato una lista di dieci alimenti "ammazzafame" capaci di placare l'appetito nell'attesa dei pasti principali. Possono essere consumati come spuntini, come contorni e anche come portata principale del pasto.

Ecco i 10 alimenti "ammazzafame" suggeriti da Women’s Health:

1. Fiocchi di latte – La caseina (circa 28 grammi a cucchiaio) è una proteina che richiede molto tempo per essere digerita, per questo tiene a bada la fame più a lungo.

2. Spinaci - Le verdure a foglia verde, in particolare gli spinaci, contengono composti chiamati tilacoidi, ovvero delle sacche membranose presenti nella foglia. Queste stimolano la produzione degli ormoni della sazietà, la grelina e la leptina.

3. Mele - Contiengono una fibra chiamata pectina, che secondo uno studio dell’Università della Pennsylvania, può placare la sensazione di fame. Chi mangia una mela 15 minuti prima di pranzo riesce a evitare circa 200 calorie rispetto a coloro che non la mangiano.

4. Noci - Le pareti cellulari del frutto sono dure e resistenti e durante la digestione viene assorbito solo un quinto, circa, del grasso presente. Inoltre, masticare e sgranocchiarne può aiutare a sentirsi più sazi poiché si innesca nel cervello una sensazione di pienezza.

5. Uova – Si tratta della miglior fonte di proteine. Uno studio americano ha analizzato i consumi di due gruppi di persone. Entrambi hanno ingurgitato la stessa quantità di calorie; il primo gruppo ha mangiato per colazione due uova con pane tostato spalmato di confettura di frutta, il secondo ha consumato yogurt e un bagel con formaggio. Il primo gruppo per pranzo ha consumato 164 calorie in meno rispetto al secondo.

6. Fiocchi d'avena - Una fibra solubile contenuta in questo cereale quando entra in contatto con i liquidi dell’apparato digerente rallenta la digestione e ritarda l'insorgenza della fame. L’avena non lavorata crea un senso di sazietà maggiore rispetto alla varietà istantanea.

7. Lamponi - I lamponi contengono più fibre rispetto a qualsiasi altro frutto, inoltre, mangiare una tazza di frutti di bosco un'ora prima di cena porta a consumare di meno durante il pasto principale. Una tazza di questi frutti contiene circa 65 calorie.

8. Fagioli – Cento grammi di fagioli contengono tante proteine quasi quante un etto di carne, in più questi legumi contengono fibre. Durante una ricerca, alcuni studiosi hanno scoperto che il 31% delle persone testate era più soddisfatto dopo un pasto che includeva anche i fagioli.

9. Segale – Secondo uno studio la farina di segale può avere un effetto più stabilizzante sul metabolismo rispetto a quella di grano intero. A supporto di questa teoria una ricerca ha scoperto che le persone che mangiano pane di segale per la prima colazione sentono meno fame rispetto a quelle che mangiano ben otto altri tipi di pane, tra cui il grano duro.

10. Popcorn - Sono ricchi di fibre e contengono poche calorie, circa 100 a tazza. Secondo una ricerca condotta dall’Università della Pennsylvania possano mitigare la fame più a lungo per la loro consistenza voluminosa e leggera. È preferibile mangiarli al naturale, oppure ricoperti con formaggio spalmabile, ma mai col burro.


S.C.




Commenta con Facebook