• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italians & Passengers > ITALIANS - Grifo 'chiama' la Serie A. Vieira-Pirlo: è scontro

ITALIANS - Grifo 'chiama' la Serie A. Vieira-Pirlo: è scontro

Le pagelle e i top/flop del fine settimana dei giocatori italiani all'estero


Andrea Pirlo ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

26/04/2016 18:37

ITALIANS PAGELLE GIOCATORI ITALIANI ESTERO EX STRANIERI SERIE A / ROMA - Torna su Calciomercato.it l'appuntamento settimanale con Italians: ecco le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top ed i flop dell'ultimo turno di campionato. Questa settimana al top Mannone, Giovinco, Grifo, Giuseppe Rossi e Napoleoni. Flop Biraghi, Barba, Okaka. Vieira non convoca Pirlo.


ITALIANS - LE PAGELLE DEI GIOCATORI ITALIANI ALL'ESTERO

 

FABIO BORINI (Sunderland): 6 - Il Sunderland gioca una buona gara contro l'Arsenal. Borini non riesce ad incidere nello 0-0 finale, ma mostra di essere in forma. Corre tanto anche se non riesce a far male a Cech come avrebbe voluto. 

MATTEO DARMIAN (Manchester United): in panchina nella semifinale di Fa Cup contro l'Everton.

ANGELO OGBONNA (West Ham): il West Ham giocherà il 30 aprile contro il Wba. 

VITO MANNONE (Sunderland): 7,5 - A piccoli passi verso la salvezza, il Sunderland deve tanto a Vito Mannone. Il portierone italiano si produce in una prova da urlo, fermando qualsiasi attacco dell'Arsenal con grande reattività. Bravo e fortunato in occasione dell'uscita di testa coi tempi sbagliati. 

GRAZIANO PELLE' (Southampton): in panchina nella partita contro l'Aston Villa. 

ALBERTO PALOSCHI (Swansea): 5 - Entra nella ripresa e può fare davvero poco. Lo Swansea attacca per recuperare lo svantaggio sul Leicester ma lo fa in maniera sterile e Paloschi non riesce ad incidere in zona gol, come nessuno dei proprio compagni di squadra. 

FEDERICO MACHEDA (Nottingham Forest): in panchina nella partita contro il Fulham. 

GABRIELE ANGELLA (Qpr): non convocato.

MARCO SILVESTRI (Leeds United): 5,5 - Non il solito Silvestri. Luci e ombre nel 2-2 esterno con l'Hull City. Qualche buon intervento dei suoi ma sui due gol risulta essere troppo lento nello scendere a terra. Poteva e doveva fare meglio. 

MIRCO ANTENUCCI (Leeds United): in panchina nella partita contro l'Hull City. 

GIUSEPPE BELLUSCI (Leeds United): non convocato.

FERNANDO FORESTIERI (Sheffield Wednesday): 6 - Non segna come suo solito ma regala comunque una prestazione di livello contro il Derby County. Sfiora più volte il bersaglio grosso e quando cala si eclissa la manovra offensiva del suo Sheffield.

MICHAEL AGAZZI (Middlesbrough): in panchina nella partita contro l'Ipswich Town. 

DIEGO FABBRINI (Birmingham): 5 - Seconda punta titolare del Birmingham, gioca una partita anonima contro l'Huddersfield (1-1 il risultato). Apatico e senza i colpi del repertorio, finisce per essere sostituito dopo l'ora di gioco. 

MARCO VERRATTI (Psg): s.v.

THIAGO MOTTA (Psg): infortunato. 

SALVATORE SIRIGU (Psg): 6 - Difende con autorevolezza la porta nella finale della Coupe de la Ligue vinta contro il Lille. Non irreprensibile in occasione del gol avversario, ma gran parte della colpa è della barriera che si apre in maniera scriteriata. 

ANDREA RAGGI (Monaco): 6 - Schierato terzino sinistro, offre una prestazione difensiva solida. Dal suo lato il Rennes non passa ma le sortite offensive sono stranamente limitate rispetto al solito apporto. 

PAOLO DE CEGLIE (Marsiglia): non convocato.

CHRISTIAN BATTOCCHIO (Brest): 5,5 - Partita sottotono per lui e per tutto il Brest, che pareggia in casa con il Laval. Zero a zero il risultato. 

LUCA MIRACOLI (Tours): in panchina nella partita contro il Clermont. 

GIULIO DONATI (Mainz): 5,5 - Il Donati versione Bayer Leverkusen non si è mai visto a Mainz. Nella sconfitta con l'Eintracht il terzino scuola Inter mostra poca intraprendenza in attacco e insicurezza in difesa, senza però compiere gravi errori. 

LUCA CALDIROLA (Darmstadt): 4,5 - Il Colonia 'passeggia' sul Darmstadt. Nel 4-1 finale il bilancio di Caldirola è decisamente negativo. Sbaglia troppo in marcatura, nell'uno contro uno e nel tenere il fuorigioco. Mezzo voto in più per un salvataggio sulla linea. 

GIANLUCA CURCI (Mainz): in panchina nella partita contro l'Eintracht Francoforte. 

DANIEL CALIGIURI (Wolfsburg): 5 - Il Wolfsburg non è in giornata e perde 2-0 contro l'Augsburg in casa. L'italo-tedesco prova ad accendere i suoi ma ha le polveri bagnate e non è assolutamente decisivo. Esce dal campo nella ripresa. 

FEDERICO BARBA (Stoccarda): 4 - Esordio da incubo per il difensore ex Empoli. La prima con la maglia dello Stoccarda coincide con un pesante 0-3 col Borussia Dortmund. Barba ha responsabilità evidenti in ognuna delle tre segnature avversaria. Gara da dimenticare. 

VINCENZO GRIFO (Friburgo): 7,5 - Ennesimo partitone di questo ragazzo dal destro radiocomandato. Il Friburgo vola e stende il Duisburg. Grifo segna la punizione dell'1-0 con una parabola di rara bellezza e propizia il 2-0 con un altro piazzato dei suoi. Solita prestazione di classe e qualità. Sottovalutato. 

MARCO ANDREOLLI (Siviglia): infortunato.

DANIELE BONERA (Villarreal): in panchina nella partita contro la Real Sociedad. 

CRISTIANO BIRAGHI (Granada): 4 - Disastrosa la sua partita contro il Celta Vigo. La sconfitta per 2-1 condanna gli andalusi a dover soffrire ancora per salvarsi. Biraghi causa un rigore sciocco ed è costantemente in difficoltà quando attaccato sulla propria fascia. 

CRISTIANO PICCINI (Betis Siviglia): infortunato. 

GIUSEPPE ROSSI (Levante): 7 - Non segna e il suo Levante non riesce a vincere pur portandosi sul momentaneo 2-0 contro l'Athletic Bilbao. 'Pepito', però, gioca una partita di altissimo livello. Regista offensivo, mette il piede in tutte le azioni pericolose dei suoi e segna anche un gol che viene annullato per un fuorigioco inesistente. 

VINCENZO RENNELLA (Valladolid): 5,5 - Entra a poco più di 20' dalla fine ma non riesce a ribaltare le sorti del Valladolid che perde contro l'Osasuna. 

ALBERTO AQUILANI (Sporting Lisbona): in panchina nella partita contro il Madeira. 

EZEQUIEL SCHELOTTO (Sporting Lisbona): 6 - Partita positiva senza però rubare l'occhio. Qualche discesa delle sue sulla fascia e concentrazione in fase difensiva. Attento e pulito negli interventi, sta rinascendo in Portogallo. 

SALVATORE BOCCHETTI (Spartak Mosca): 6,5 - 2-2 tra Spartak Mosca e Mordovia Saransk. Bocchetti è uno dei migliori del pacchetto arretrato moscovita, che però in certe occasioni fa acqua. L'ex Milan offre una bella prestazione riuscendo anche a segnare il momentaneo 2-1, poi vanificato dalla rete di Lutsenko. 

DOMENICO CRISCITO (Zenit): s.v.

STEFANO OKAKA (Anderlecht): 4,5 - Non pervenuto nella disfatta dell'Anderlecht contro l'Oostende (4-2 il risultato). Il centravanti ex Sampdoria si muove invano, male assistito e leggermente svogliato. Non riesce ad incidere e non entra nemmeno nelle azioni che portano alle due reti dei bianco-malva. 

DAVIDE PETRUCCI (CFR Cluj): 5,5 - Poche idee, qualche spunto isolato e poco altro. Se non gira lui fatica a girare tutto il Cluj che sbatte (0-0) contro il Csms Iasi. I granata mantengono però un buon margine sulla zona retrocessione. 

ALEX VALENTINI (Lugano): in panchina nella partita contro il Sion. 

ORLANDO URBANO (Lugano): 5,5 - Piuttosto sfortunato. Il Lugano perde 3-1 contro il Sion e l'ex Juventus per una volta non è tra i peggiori del pacchetto arretrato, anzi. Si prodiga e riesce anche in un salvataggio sulla linea miracoloso. E' sfortunato in alcune situazioni, tra cui quella che porta al 3-1 che chiude la gara. 

MARIO PICCINOCCHI (Lugano): 5,5 - Inizia con coraggio ma poi si perde tra le maglie del centrocampo avversario. In difficoltà, esce alla fine del primo tempo senza lasciare rimpianti. 

STEFANO NAPOLEONI (Basaksehir): 7 - Entra al minuto 77 con il suo Basaksehir sotto di un gol nella sfida al Sivasspor. Dopo soli 5 minuti segna la pesantissima rete che fissa il risultato sul 2-2, permettendo alla squadra di Avci di mantenere il piazzamento Europa League. 

RAFFAELE DE VITA (Ross County): s.v.

SEBASTIAN GIOVINCO (Toronto FC): 8 - La 'Formica Atomica' è senz'altro uno dei giocatori più dominanti della Mls. Mvp del 2015, in questo 2016 si sta ripetendo alla grande. Nel derby con il Montreal Impact è sua la doppietta (rigore e splendido diagonale) che stende la squadra di Drogba. Valore aggiunto. 

ANDREA PIRLO (New York City): non convocato da Patrick Vieira. 

MARCO DONADEL (Montreal Impact): 6 - Nonostante lo 0-2 regge benino l'impatto con il centrocampo del Toronto. Torna da un infortunio e non è al 100% ma fa intravedere il solito sacrificio e anche qualche bel piazzato. 

ANTONIO NOCERINO (Orlando city): non convocato. 

PAOLO TORNAGHI (Vancouver Whitecaps): in panchina nella partita contro l'Fc Dallas. 

FEDERICO PIOVACCARI (Western Sydney Wandererers): non convocato.

IACOPO LA ROCCA (Adelaide United): 6,5 - Leggermente falloso ma comunque più che sufficiente. Guida la difesa dell'Adelaide United alla conquista della finale dell'A-League australiana. Il 4-1 sul Melbourne City è il risultato di una partita condotta senza troppe sbavature e con autorità. 

PABLO DANIEL OSVALDO (Boca Juniors): non convocato. 


ITALIANS - TOP E FLOP ITALIANI ALL'ESTERO

 

I TOP 3 DEL WEEKEND

SEBASTIAN GIOVINCO (Toronto Fc): 8 - A Toronto probabilmente gli dedicheranno una statua molto in fretta. L'ex fantasista della Juventus è il valore aggiunto della formazione canadese. Numero 10, regista offensivo e bomber implacabile. Nel derby contro il Montreal Impact, molto sentito a quelle latitudini, apre e chiude lui. Calcio di rigore dell'1-0 dopo un contatto su Altidore e diagonale da centravanti navigato nella ripresa per chiudere il discorso. In mezzo le solite giocate illuminante e la sensazione che la squadra lo stia ad aspettare per seguirlo come se fosse un profeta. One man show. 

VINCENZO GRIFO (Friburgo): 7,5 - Classe 1993, nato a Pforzheim in Germania ma italiano di passaporto. Questo ragazzo che ama giocare sulla corsia mancina è la sorpresa 2015/2016. Sta trascinando il Friburgo al ritorno nella Bundesliga a suon di parte eccezionali. Formidabile sulle punizioni, contro il Duisburg segna quella dell'1-0 e propizia il raddoppio dei suoi. Bruciante nelle accelerazioni, talento puro. Merita ben altri palcoscenici e potrebbe essere la sua estate. 

VITO MANNONE (Sunderland): 7,5 - Portiere che ci ha abituato a periodi di alti e bassi, sta stupendo per continuità. E' uno dei valori aggiunti del Sunderland che corre verso la salvezza. Nello 0-0 con l'Arsenal, Mannone ha chiuso la porta a doppia mandata parando tutto il parabile, non bellissimo da vedere ma estremamente efficace. E fortunato anche. Ritorno in Serie A nel 2016 per lui?


I FLOP 3 DEL WEEKEND

CRISTIANO BIRAGHI (Granada): 4 - Giornata nerissima per Biraghi, laterale scuola Inter ora in forza al Granada. Il Celta Vigo ringrazia: prima passa su un rigore sciagurato causato dall'italiano, poi spinge e raddoppia approfittando del momento di debolezza sulla corsia mancina. Brutto stop per gli andalusi che cercano punti salvezza. C'è bisogno di maggiore concentrazione. 

FEDERICO BARBA (Stoccarda): 4 - Sfortunatissimo all'arrivo a Stoccarda a gennaio, quando fu bloccato da un infortunio piuttosto serio. L'esordio è toccato contro il Borussia Dortmund ed è stato da brividi. Lo 0-3 dei gialloneri ha visto un Barba negativo in marcatura, in posizionamento e nel coordinarsi con la linea difensiva. Esce dopo il tris, stordito dalla valanga Dortmund. 

ANDREA PIRLO (New York City):  Non convocato - nessun voto per Andrea Pirlo e questa volta e il rumore è addirittura superiore rispetto ad una insufficienza. Escluso per scelta tecnica dalla sfida con i Philadelphia Union dal coach di New York City, Patrick Vieira che non lo convoca e perde comunque la gara. Ne è seguita una polemica piuttosto aspra che ha gettato nubi sul futuro americano del regista lombardo. 




Commenta con Facebook