• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Calciomercato Juventus, Llorente-Siviglia: si chiude oggi

Calciomercato Juventus, Llorente-Siviglia: si chiude oggi

L'attaccante spagnolo ad un passo dal ritorno in patria. Dieci milioni ai bianconeri


Evra e Llorente (Getty Images)
Jonathan Terreni

26/08/2015 12:10

MERCATO JUVENTUS LLORENTE SIVIGLIA / TORINO - Adios Llorente. Secondo quanto riportato dal quotidiano iberico 'Marca' potrebbe essere oggi il giorno giusto per l'ufficialità di Fernando Llorente al Siviglia. L'attaccante spagnolo lascerà così la Juventus dopo due stagioni e 23 reti all'attivo, alcune delle quali decisive per la vittoria degli scudetti. Per il mercato Juventus si tratterà inoltre di una bella plusvalenza perché lo spagnolo, bloccato nel gennaio 2013 e arrivato a parametro zero dall'Athletic Bilbao, frutterà adesso dieci milioni di euro, che saranno versati nella casse bianconere per rinforzare il centrocampo con uno tra i nomi caldi delle ultime ore per la Juventus, Witsel su tutti.

Per Llorente la Juventus chiedeva inizialmente 12 milioni mentre gli andalusi ne avevano offerti 7. La volontà di acquistarlo però era forte e si avvertiva da tempo che la trattativa di calciomercato sarebbe, prima o poi, andata in porto. Decisivi i contatti di ieri quando il club spagnolo ha alzato la propria offerta a 10 milioni, una cifra ritenuta soddisfacente dalla Juventus che, dal canto suo, ha leggermente abbassato le pretese. Un passo avanti e uno indietro, per un accordo che mette d'accordo tutti. Llorente, che firmerà adesso un contratto per i prossimi tre o quattro anni, lascia sicuramente un bel ricordo per i tifosi juventini. Due anni intensi fatti di emozioni e tanto cuore. Adesso però era tempo di tornare a casa e magari chiudere la carriera in una squadra che comunque punta sempre ad essere competitiva e che negli ultimi due anni ha vinto l'Europa League. La concorrenza in avanti, con l'arrivo ultimo di Cuadrado, si era fatta troppo serrata e lo spazio rischiava di essere limitato quest'anno. A trent'anni non c'era tempo per la panchina. Questo Llorente lo ha capito e senza rancore ha salutato Torino con tutta la professionalità che lo ha sempre contraddistinto.




Commenta con Facebook