• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Notizie > L'ALTRO CALCIO - Sampietrese abbandona il campionato per accuse di razzismo. Lupa Castelli Romani: a

L'ALTRO CALCIO - Sampietrese abbandona il campionato per accuse di razzismo. Lupa Castelli Romani: annata indimenticabile

La rubrica di Calciomercato.it che approfondisce la passione del calcio dilettantistico


Sampietrese contro il razzismo (Facebook Sampietrese)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

10/03/2015 15:20

L'ALTRO CALCIO ECCELLENZA SERIE D SAMPIETRESE LUPA CASTELLI ROMANI / ROMA - Il calcio è passione, a qualsiasi livello. Il mondo del pallone non è costituito solamente dalla ricca cornice degli scenari professionistici. La sublimazione di questo sport, la si trova anche dalla Serie D in giù, dove di soldi ne girano pochi ma di storie interessanti ce ne sono a volontà.
Nuovo appuntamento per la rubrica di Calciomercato.it alla scoperta di quello che abbiamo rinominato 'L'Altro Calcio', per dar visibilità anche a chi, mediaticamente, ne ha molta meno.

 

SAMPIETRESE CONTRO IL RAZZISMO: ABBANDONA IL CAMPIONATO

Ci sono etichette che non si riesce a mandare giù e per lottare contro le quali si compiono anche gesti clamorosi. E' il caso della Sampietrese, compagine siciliana che milita nella terza categoria girone A della provincia di Messina. La squadra del presidente Giampaolo Piccolo si è ritirata dal campionato. Il motivo? Qualche settimana fa è arrivata una multa per un presunto insulto razzista a fine derby con l'Arci Grazia da parte di un calciatore non identificato dal direttore di gara. La sanzione non è andata giù al presidente Giampaolo Piccolo, noto per l'impegno sociale e che ha subito cercato confronto con squadra ed allenatore per capirne di più. Qualcosa, però, non quadrava e il presidente Piccolo ha così dichiarato alla 'Gazzetta dello Sport': "Io stesso sono arbitro Csi e il direttore di gara avrebbe dovuto chiedere lumi al nostro capitano per individuare il denigratore. Ci sentiamo discriminati perché non siamo razzisti anzi: tutti i miei calciatori a inizio anno hanno firmato un codice etico ed in caso di episodi così gravi avremmo multato ed allontanato il giocatore". La scelta della Sampietrese è stata dunque clamorosa: ritiro dal campionato e ultima partita (persa 4-1 in casa della Saponarese) disputata con il viso dipinto di nero. Questa la chiosa del presidente Piccolo: "Abbiamo scelto di ritirarci nonostante fossimo in corsa per la promozione perché non si gioca con la storia e la dignità delle persone. Stiamo pensando ad azioni legali nei confronti dell'arbitro se non si scuserà". A supportare la tesi della Sampietrese sono anche le parole del giovane Darboe Bakary, giocatore nativo del Gambia e presunto bersaglio delle offese di matrice razzista: "Non ho sentito nessuna offesa a fine gara, altre volte era capitato ma erano subito arrivate le scuse". Gesto forte, dunque, da parte della Sampietrese che ha deciso che la dignità vale più di qualsiasi risultato sportivo.

 

LUPA CASTELLI ROMANI: ANNATA INDIMENTICABILE

In Serie D c'è una squadra che più di tutte sta vivendo un'annata indimenticabile. E' la Lupa Castelli Romani, compagine laziale che milita nel girone G del primo livello del calcio dilettantistico italiano. La squadra del presidente Alessandro Virzi ha di fatto svoltato lo scorso 2 novembre con la vittoria per 2-1 sull'Anziolavinio che ha portato alla conferma definitiva in panchina di Giorgio Galluzzo, tecnico giovane e pieno di idee nuove. Da allora è stato un cammino trionfale tanto che la squadra giallorossa al momento è prima a +9 sulla Viterbese Castrense, potendo vantare la miglior media punti della categoria (2,48) con numeri superiori anche a squadre più blasonate come i Biancoscudati Padova o il Rimini. Nella vittoria per 7-1 di domenica contro il Terracina si è visto il vero segreto della Lupa. Il tabellino dei marcatori, infatti, porta le firme di Chiesa e La Clava a margine della doppietta di Nohman e della tripletta di Siclari. Proprio questi due sono il vero motore della compagine laziale. Daniele Nohman, classe '84, guida la classifica dei cannonieri del Girone G con 21 reti. Una in più rispetto a Giuseppe Siclari, centravanti siciliano classe '86. I due, grazie al tecnico Galluzzo, formano una coppia offensiva eccezionale per numeri e qualità delle giocate in campo. Il traguardo non è ancora stato tagliato, ma per la Lupa Castelli Romani il 2014/2015 può già essere considerata un'annata indimenticabile.

 

 

 




Commenta con Facebook