• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI SOUTHAMPTON-LIVERPOOL

PAGELLE E TABELLINO DI SOUTHAMPTON-LIVERPOOL

Coutinho pesca il jolly. Sterling la chiude e il Liverpool vola. Pellè non si è mai visto.


Liverpool (Getty Images)
Davide Ritacco

22/02/2015 19:07

ECCO LE PAGELLE DI SOUTHAMPTON-LIVERPOOL

 

SOUTHAMPTON

Forster 6 – Coutinho pesca il jolly dai venti metri e a lui non resta che guardare. Sul gol di Sterling poteva fare di più ma il tiro era molto ravvicinato.

Clyne 6,5 – Un treno. Sulla destra va che è un piacere. Nel primo tempo mette in difficoltà tutta la catena di destra del Liverpool tanto che Rodgers è costretto a correre ai ripari sostituendo Markovic con Moreno. Nella ripresa cala il suo ritmo.    

Fonte 5,5 – Con le brutte frena Sterling ma della coppia centrale è quello che soffre di più. Emblematico il ritardo nel chiudere in occasione del secondo gol del Liverpool.

Yoshida 6 – Giocatore di grande affidabilità. Buona fisicità e personalità nel condurre la difesa e gestire bene ogni situazione senza andare mai in affanno. Il punteggio finale però lo penalizza.

Targett 6 – Prova sempre ad essere presente in fase offensiva spingendo tanto. Concede qualche spazio di troppo evidenziando limiti tecnici e tattici.    

Wanyama 6 – Centrocampista in crescita esponenziale. E’ in ogni zona del campo a supportare tutti i compagni. Peccato gli manchi lo spunto per poter far male negli spazi.

Davis 5,5 – Si è visto poco. Non riesce quasi mai a ostacolare gli avanti di Rodgers mettendo in difficoltà i compagni. Giustamente resta negli spogliatoi nell’intervallo. Dal 45’ Schneiderlin 6 – Le sue qualità sono nettamente superiori rispetto a quelle di Davis. Dal suo ingresso in campo prende in mano la situazione. Quando sarà al 100% (arriva da un infortunio) diventerà un punto fermo di Koeman. Non per niente Benitez lo voleva a Napoli.  

Djuricic 5,5 – Schierato a sorpresa da titolare delude anche se dopo appena 20” poteva essere protagonista in un caso da rigore. Dal 75’ Tadic s.v.  

Ward-Prowse 5,5 – Ha provato a fare da raccordo tra centrocampo e attacco ma non c’è mai riuscito. Koeman lo richiama in panchina per provare il tutto per tutto schierando un giocatore più offensivo. Dal 56’ Manè  6 – Con lui in campo il Southampton gioca praticamente con 4 punte più un terzino come Clyne pronto ad aggiungersi. Dà la sensazione di essere un valore aggiunto negli ultimi venti metri ma non si conferma.   

Elia 5,5 – L’ex Juventus ha una grossa occasione per trovare il pareggio sul finire del primo tempo ma Mignolet gli chiude lo spazio con un’uscita dubbia. Bello il duello sulla fascia con Ibe. Poco incisivo.  

Pellè 5 – Poche occasioni per poter far male. Prova, con scarsa convinzione, ad andare al tiro. Non segna da due mesi e l’astinenza si fa sentire. Non si vede quasi mai e Skrtel lo annulla dal punto di vista fisico.    

All.: Koeman 5,5 – La sua squadra negli ultimi tempi fa fatica a segnare ed è sempre in difficoltà negli scontri diretti. Indubbiamente le sue squadre hanno un’identità e ottimi schemi ma deve fare il salto di qualità.  

 

LIVERPOOL

Mignolet 6 – Continua la sua stagione con alti e bassi. Nelle uscite non trasmette quasi mai sicurezza salvandosi spesso con interventi goffi.

Lovren 6 – Tra gli ex presenti in campo è quello più fischiato dai suoi vecchi tifosi. Grazie al suo fisico riesce a sopperire ad alcune lacune tecniche.

Skrtel 6,5 – Ha praticamente reso indolore Pellè. Non solo non gli fa toccare palla ma è pure bravo a comandare la difesa e far ripartire la sua squadra.

Emre Can 6  – E’ spesso in affanno un po’ perché non gioca sul centrodestra e un po’ perché dalla sua parte il Southampton spinge di più. Grazie alla sua intelligenza tattica ed esperienza se la cava bene.

Ibe 6 – L’ultimo talento scovato e lanciato da Rodgers non brilla ma sulla sua corsia di competenza mette comunque pressione agli avversari e copre tutta la fascia fungendo anche da difensore aggiunto. Dal 75’ Johnson s.v.

Henderson 6 –  E‘ soprattutto lui ad impostare il ritmo ma il piede e i tempi di gioco ovviamente non sono quelli di Gerrard. Il paragone (tra i più gettonati in Inghilterra) è ovviamente impietoso ma è sicuro che l’erede del capitano deve e può fare di più.

Allen 6,5 – E‘ la diga preziosissima davanti alla difesa. Diventa ancora più importante nella ripresa quando i padroni di casa schierano l’artiglieria pesante.

Markovic 5,5 – Tanta generosità ma il ruolo da esterno sinistro non gli si addice, specie se da quella parte agisce un pendolino come Clyne che lo mette spesso in difficoltà. Dal 45’ Moreno 6 – Con lui in campo Clyne è più sotto controllo. Non disdegna a farsi trovare pronto in fase offensiva.   

Lallana 6 – I suoi ex tifosi non gli risparmiamo fischi e lui ne risente offendendo poco ma risultando prezioso con raddoppi importanti. Però serve essere cattivi anche quando bisogna far male alla ‘propria’ squadra del cuore. Dal 65’ Sturridge 6,5 – Un giocatore che gioca sempre con la squadra e per la squadra. Il suo feeling con Sterling è innato.  

Coutinho 6,5 – Un gol memorabile da cineteca. Aveva segnato un solo gol nelle ultime 15 partite ma quello di oggi è una rete da leggenda che gli ridanno fiducia e che spezza il match immediatamente costringendo gli avversari a cambiare registro.

Sterling 7 – Un gol pesantissimo per il futuro del Liverpool. Chiude il match facendosi trovare pronto con una rete da attaccante vero. Regala tre punti fondamentali per la classifica dei ‘reds’.  Anche e soprattutto per questo, vince la palma del migliore in campo.

All. Rodgers 7 – Dà un’accelerata decisiva alla stagione del Liverpool battendo una diretta concorrente per la corsa all’Europa. La squadra ha di nuovo un’identità e come conseguenza meccanismi perfetti e belle giocate. 

Arbitro: Friend 6 – Partita difficile da tenere in pugno: campo pesante e scivoloso con tanti tackle al limite. Restano due dubbi in entrambe le aree di rigore. Sia su Djuricic, ad inizio gara, che su Sterling a metà primo tempo, ma non sembrano esserci falli. Dubbi anche su un fallo di mano fuori area di Mignolet.  

 

TABELLINO

SOUTHAMPTON-LIVERPOOL 0-2

Southampton (4-2-3-1): Forster; Clyne, Fonte, Yoshida, Targett; Wanyama, Davis (Dal 45’ Schneiderlin); Djuricic (dal 75’ Tadic), Ward-Prowse (dal 56’ Manè), Elia; Pellè. All.: Stevens.

Liverpool (3-4-2-1): Mignolet; Lovren, Skrtel, Emre Can; Jordan Ibe (dal 75’ Johnson), Henderson, Allen, Markovic (dal 45’ Moreno); Lallana (dal 65’ Sturridge), Coutinho; Sterling. All.: Rodgers.

Arbitro: Friend.

Marcatori: 3’ Coutinho (L), 73’ Sterling (L)

Ammoniti: 43’ Lovren (L), 64’ Wanyama (S), 78’ Moreno (L), 85’ Henderson (L).

Espulsi:  




Commenta con Facebook