• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, serve la svolta: è il peggior avvio degli ultimi 14 anni

Inter, serve la svolta: è il peggior avvio degli ultimi 14 anni

Era dalla stagione 2000/2001 con Tardelli che i nerazzurri non chiudevano il girone d'andata con così pochi punti


Rodrigo Palacio (Getty Images)
Jonathan Terreni

19/01/2015 12:05

NEWS INTER PEGGIOR AVVIO 14 ANNI / MILANO - Erano anni che non si vedeva un'Inter così e non è un elogio. E' vero che nelle ultime stagioni tribolate post 'triplete' i nerazzurri non hanno assaporato le vette della classifica ma le news Inter in questo girone di andata è impietoso, almeno dal punto di vista dei numeri. E' infatti dalla stagione 2000/2001 che i nerazzurri non collezionavano così pochi punti dopo 19 giornate (25 contro i 26 attuali). Allora erano i tempi di Tardelli che, subentrato a Lippi dopo quel clamoroso sfogo di Reggio Calabria, non lasciò certo il segno sulla panchina meneghina ad anzi subì quel clamoroso 6-0 in un derby storico. Tempi diversi e soprattutto potenzialità differenti perché quanto meno la speranza del cambio di rotta con Mancini c'è e le ambizioni sono più solide di allora nonostante le attenzioni al bilancio e il cambio di presidenza.

Il fatto però resta e non si puo' far finta di niente. Serve un reset completo e ripartire da zero affrontando un mini campionato con inizio dalla prossima sfida interna col Torino, accantonando il passato recente. Per fortuna l'Europa League si è messa bene fin dal girone, non certo irresistibile e quella, vista la situazione, non sarà certo snobbata. Che non fosse facile si sapeva perché il passaggio da Mazzarri a Mancini avrebbe necessitato di tempo per assorbire nuovi dettami tattici, inserire nuovi giocatori funzionali al progetto diverso e soprattutto una cura del lavoro sulla testa della squadra che non puo' essere sottovalutato visto che Mazzarri ha lasciato in eredita al tecnico di Jesi un gruppo scarico e stressato, afflitto da paure troppo condizionanti. Mancini desso deve accelerare. Serve la svolta immediata per raggiungere l'obiettivo terzo posto e per non mandare in fumo i progetti buttando al vento un'altra stagione.




Commenta con Facebook