• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Brasile 2014 > Italia-Uruguay, clamoroso Prandelli e Abete: "Dimissioni irrevocabili"

Italia-Uruguay, clamoroso Prandelli e Abete: "Dimissioni irrevocabili"

Il Commissario tecnico azzurro ha commentato l'incredibile eliminazione


Cesare Prandelli (Getty Images)

24/06/2014 20:55

ITALIA URUGUAY PRANDELLI ABETE DIMISSIONI / NATAL (Brasile) - L'Italia esce dal Mondiale tra mille polemiche dopo la sconfitta con l'Uruguay. Cesare Prandelli, Ct azzurro, ha parlato a caldo ai microfoni di 'Sky Sport': "Non mi è sembrata una partita da rosso; ci sono stati contrasti duri, ma mai da espulsione. Loro non hanno mai tirato in porta, era una bella partita ed equilibrata, ma l'arbitro l'ha rovinata. Abbiamo sbagliato la partita con la Costa Rica. Dispiace uscire così: l'arbitro non può tirar fuori il rosso con questa facilità in un Mondiale. Balotelli? Non si riesce mai a capire quando sia calmo e quando nervoso. Lo consideravo e lo considero un giocatore importante, sostituito perché avevo paura di rimanere in dieci".

FUTURO - "Su un lavoro di quattro anni che un rosso metta tutto in discussione ci può stare. Adesso faremo delle riflessioni, poi vi faremo sapere".

DIMISSIONI - Successivamente Prandelli è intervenuto in conferenza stampa: "In undici eravamo in gara, l'espulsione l'ha condizionata. Potevamo giocarci in maniera diversa la qualificazione. Prima delle domande voglio dire una cosa: ho parlato col Presidente federale, con Demetrio Albertini e con Antonelli Valentini. Visto che il progetto tecnico è di mia responsabilità, rispondo del fallimento. Ci siamo ritrovati ad essere trattati come se fossimo un partito politico, come se rubassimo soldi ai contribuenti. Io non ho mai contrattato il mio contratto, non ho mai rubato i soldi, anche per questo do le dimissioni. Ho sempre pagato le tasse, esco a testa alta. Non voglio sentirmi dire di rubare soldi ai contribuenti".

RISPONDE ABETE - "Prandelli ha rassegnato le dimissioni, convocherò un Consiglio federale. Ho detto al Ct che spero che ritiri le dimissioni perché penso che al di là del risultato, che ovviamente amareggia tutti noi, sia stato fatto il possibile all'interno dei livelli di competitività odierni del nostro calcio. Secondo posto all'Europeo, terzo posto in Confederations: non vanno sottovalutati rispetto all'insuccesso di oggi. Consegnerò le mie dimissioni irrevocabili. Voglio favorire riflessione sulle future strategie della Federazione. Ho servito la Federazione per tanti anni, è il mio settimo Mondiale, avevo già preso questa decisione prima del Mondiale. Spero ancora che Cesare receda dalla sua scelta, ma per quanto mi riguarda le mie dimissioni sono irrevocabili. Il nuovo Presidente, qualunque sarà, avrà il mio incondizionato appoggio".

DIMISSIONI IRREVOCABILI - Prandelli ha precisato: "Anche le mie dimissioni sono irrevocabili".

BALOTELLI - Prandelli ha parlato dell'attaccante del Milan: "Siamo considerati come un partito, ma le Federazioni non prendono soldi esclusivamente dallo Stato, però non c'è stata una presa di posizione forte. Balotelli? E' stata una mia scelta: io ho scelto e io mi dimetto, non è stato progetto tecnico vincente. Questo Mondiale l'abbiamo perso con la Costa Rica".




Commenta con Facebook