• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Spagna > Barcellona-Atletico Madrid, Mascherano: "E' finito un ciclo"

Barcellona-Atletico Madrid, Mascherano: "E' finito un ciclo"

Queste le parole del difensore argentino dopo la gara che e' costata il titolo ai 'Blaugrana'


Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

17/05/2014 22:13

CALCIO LIGA BARCELLONA ATLETICO MADRID MASCHERANO / BARCELLONA (Spagna)- In casa Barcellona regna la delusione per il titolo perso al fotofinish nella gara pareggiata 1-1 con l'Atletico Madrid. Queste le parole di Javier Mascherano, difensore argentino dei 'Blaugrana' che ha dichiarato ai microfoni di 'Barça TV': Un ciclo si è concluso, dispiace per l'allenatore, per i tifosi e per tutti. Dobbiamo lasciarci tutto alle spalle, ci saranno decisioni e cambiamenti. Questa non è stata la nostra stagione migliore. Non dimenticate però che perdere è normale e vincere l'eccezione".

FUTURO - "Al momento ciò di cui mi importa poco è Mascherano. Dovremo ricostruire qualcosa con di nuovo perchè possiamo ancora dare molto. Non so cosa farò, il giorno in cui andrò via sarà perchè sarò grato a tutto quello che mi ha dato il club. La realtà dice che bisogna affrontare cambiamenti per costruire qualcosa e non è il momento di parlare di me. Sicuramente il Barça lotterà ancora per tutto".

FINE DI UN CICLO - "E' finito un ciclo irripetibile. Né questo né qualsiasi altro club potrà fare quello che abbiamo fatto noi in questi 5 anni. E' stato spettacolare, non voglio che finisca ma questa è la vita".

LA PARTITA - "Abbiamo avuto di fronte una squadra che ci ha reso le cose difficili per tutta la stagione. Non siamo riusciti a tenere il vantaggio per 1-0".

FILOSOFIA - "Questo club ha mostrato al mondo un modo di giocare. E ora dobbiamo cercarlo ancora di più, la filosofia non deve cambiare".

 




Commenta con Facebook