• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO TORINO-GENOA

PAGELLE E TABELLINO TORINO-GENOA

I granata si aggrappano alle perle di Immobile e Cerci. Agli ospiti non basta il solito Gilardino


Cerci decisivo (Getty Images)
Alessio Barone

13/04/2014 17:23

PAGELLE E TABELLINO TORINO – GENOA/ TORINO – Partita scialba con poche emozioni. Succede tutto nel finale all’ Olimpico, Gilardino illude i rossoblù con un gol da rapace. Immobile e Cerci, in pieno recupero, si inventano due gioielli che salvano uno spento Toro. Fuori partita Calaiò.



TORINO

Padelli 6 – Primo tempo senza particolari affanni in cui controlla facilmente le poche sortite del grifone. Nella ripresa salva con un prodigioso intervento un quasi autogol di Glik. Incolpevole sul gol.

Bovo 6 – Partita diligente , controlla bene le offensive rossoblù.

Glik 6,5 – Guida la difesa senza alcun problema. Ha spesso la meglio su uno spento Calaiò.

Moretti 5,5 –  Fa valere la sua maggiore fisicità nei confronti di Fetfatzidis, cerca di contene la sua velocità giocando d’anticipo. Nel finale perde Gilardino sul vantaggio genoano.

Maksimovic 5,5 – Agisce sulla destra, ordinato il fase difensiva, non riesce ad incidere in fase di spinta.

Basha 6 –  Buon dinamismo a centrocampo, lotta fino alla fine su ogni palla. Esce per infortunio. Dal 57’ Gazzi 6 – Non fa rimpiangere il compagno.

Vives 5,5 – Cerca di mettere ordine e impostare la manovra, ma è troppo lento e viene pressato andando in difficoltà. Dal 88’ Meggiorini s.v.

El Kadduri 6 – Poco incisivo, non mette in mostra le sue qualità tecniche. E’ parso un po’ appannato. Migliora la sua partita nel secondo tempo con qualche buona accelerazione.

Vesovic 6 – Esterno sinistro fa il pendolo tra la difesa e il centrocampo, gioca in modo ordinato. Dal 90’ Barreto s.v.

Cerci 7,5 – Spesso è fuori dal gioco, ma quando si accende la sua luce riesce sempre a creare scompiglio nella retroguardia ospite. Al 21’ spreca una buona occasione davanti a Perin. Nella ripresa prende la squadra per mano e inventa una autentica perla al 94’ che vale la vittoria per i suoi.

Immobile 6,5 – Si vede poco, al 29’ sbaglia un facile passaggio a Cerci in azione di contropiede. Nella ripresa entra con più piglio pareggiando con un gol da cineteca.

All. Ventura 6 – La squadra mostra una buona condizione fisica ma poche idee di gioco. Si appoggia spesso sul talento dei suoi uomini migliori che alla fine risolvono il match. Con questa vittoria può ancora sperare per un posto in Europa.

 

GENOA

Perin 6 – I granata tirano poco in porta, al 21’ chiude la porta su un tocco ravvicinato di Cerci. Si ripete sullo stesso nella ripresa. Nulla può nel finale sui gol granata.

Burdisso 6 – Diligente partita per l’argentino, quasi mai in difficoltà. Controlla  con esperienza il fourcing finale del toro. Concede troppo spazio a Immobile in occasione del pareggio.

De Maio 6 – Ingaggia un buon duello fisico con Immobile, riuscendo a contenerlo. Cala alla distanza.

Marchese 6 – Mantiene la posizione non commettendo sbavature.

Motta 6 – Buona partita per l’esterno destro, limita Vesovic e arriva spesso in fase offensiva supportando la squadra in attacco. Si spegne nella ripresa.  Dal 69’ Antonini 5,5 – Entra per aiutare in fase difensiva, spinge poco in quella offensiva.

Sturaro 6 – Qualche buono spunto, si limita a giocate semplici. Bada soprattutto al contenimento. Al 85’ mette una buona palla in mezzo per il Gila che non spreca l’occasione.

Bertolacci 6,5 – Il più pericolso dei suoi nelle prima fazione, ci prova  con  qualche tiro dalla distanza con scarsa fortuna. Buona anche la sua fase di costruzione di gioco. Arretra troppo nel finale concedendo campo ai granata.

Antonelli 6,5 – Diligente e ordinato, non soffre Maksimovic. Alla lunga arretra la sua posizione aiutando in fase di contenimento.

De Ceglie 6 – Buona fase di spinta da interno di centrocampo, ripiega bene in difesa. Dal 73’ Gilardino 7 – Entra e dopo 10’ segna un gol da vero opportunista. Purtroppo per lui non basta per il risultato finale. Incomprensibile la sua esclusione dall’inizio.

Calaiò 5 Schierato al posto di Gilardino non si vede quasi mai, cerca qualche appoggio per i compagni ma è spesso lasciato da solo. Nella ripresa entra più nel vivo del gioco facendo salire la squadra, poi scompare dal match.

Fetfatzidis 5,5 – Il Messi greco dovrebbe dare velocità alla manovra offensiva genoana, ma è sovrastato dalla fisicità della difesa granata. Dal 61’ Konatè 5,5  - Non fa meglio del compagno che sostituisce.

All. Gasperini 6 – Buon Genoa per più di un’ora, ordinato, tiene il pallino del gioco. Nel finale la sua squadra abbassa troppo il baricentro cercando di mantenere il vantaggio ma paga dazio.

 

Arbitro: Maurizio Mariani 6,5 – Dirige la partita senza affanni, buona distribuzione dei cartellini, non si fa scivolare il match dalle mani. Giudica bene sul dubbio tocco con un braccio di Konatè nel secondo tempo. Sempre attento in ogni circostanza.

 

TABELLINO

TORINO–GENOA  2-1

TORINO (3-5-2): Padelli; Bovo, Glik, Moretti; Maksimovic, Basha (dal 57’ Gazzi), Vives (dal 88’ Meggiorini), El Kaddouri, Vesovic (dal 90’ Barreto); Cerci; Immobile. Panchina: Gomis, Berni, Gazzi, G.Rodriguez, Tachtisidis, Aramu, Gyasi, Meggiorini. Allenatore: Ventura.

GENOA (3-5-2): Perin; Burdisso, De Maio, Marchese; Motta (dal 69’ Antonini), Bertolacci, Antonelli, De Ceglie (dal 73’ Gilardino); Fetfatzidis (61’ Konatè), Calaiò. A disp.: Bizzarri, Donnarumma, Portanova, Antonini, Gamberini, Cofie, Cabral, Konatè, Gilardino. All. Gasperini.

Arbitro: Maurizio Mariani

Marcatori: 85’ Gilardino (G), 90’+3’ Immobile (T), 90’+4’ Cerci (T)

Ammoniti: 12’ De Maio (G), 42’ Bovo (T), 48’ Calaiò (G), 63’ Motta (G), 73’ Bertolacci (G), 90’+3’ Immobile (T), 90’+4’ Cerci (T)

Espulsi:




Commenta con Facebook