• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO PARMA-TORINO

PAGELLE E TABELLINO PARMA-TORINO

Marchionni, Lucarelli alla Mancini e Amauri, regalano i tre punti al Parma. Problemi in attacco per Ventura?


Amauri (Getty Images)
Simone Davide

06/01/2014 17:56

PAGELLE TABELLINO PARMA TORINO / PARMA - La Befana sorride al Parma, e porta il carbone al Torino. Vittoria in rimonta per gli uomini di Donadoni, che per tutta la gara hanno avuto il pallino del gioco. Ottime le scorribande di Cassani sulla destra, e il gioco offensivo di Amauri, che ha fatto reparto da solo; da segnalare lo splendido gol di tacco di Lucarelli sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Dal lato granata è sicuramente da segnalare la scelta tecnica di Ventura, che al ritorno dagli spogliatoi dopo una sfuriata con il suo staff tecnico, ha lasciato in panchina i suoi attaccanti migliori, Cerci e Immobile, autori comunque di una prestazione non di certo negativa.

 

PARMA

Mirante 6 – Sul'unico affondo del Torino subisce gol, dove poteva farci davvero poco; per il resto trasmette la tranquillità giusta ai suoi.

Cassani 6,5 – Uno dei migliori tra le file del Parma, ottime coperture difensive, ancora meglio quando si tratta di affondare la corsa verso la difesa granata, come in occasione del pareggio, quando ha fornito l’assist per il gol di Marchionni.

Lucarelli 7 – Difensore, capitano, registra arretrato e bomber cosa chiedergli di più? Serra i ranghi contro l’offensiva granata, e striglia i suoi quando vede poco movimento in mezzo al campo, il gol di tacco “alla Mancini” sullo sviluppo di un calcio d’angolo è la ciliegina sulla torta.

Felipe 6 – Il terzino non è il suo ruolo primario ma oggi si adatta comunque bene sulla corsia di sinistra, salendo anche spesso, a sostegno della manovra offensiva.

Mendes 6 – Gioca una gara ordinata distribuendo bene i passaggi verso i compagni di squadra.

Acquah 6,5 – Bene la fase d’interdizione. Grazie al suo fisico e alla sua corsa intercetta diversi palloni contrastando bene gli inserimenti dei centrocampisti granata; proprio da un suo recupero nasce l’azione che porta il pareggio del Parma.

Marchionni 6,5 – Il classico giocatore d’esperienza che c’è sempre, quando serve. Buona la sua gestione del pallone, e ottima la conclusione dalla distanza che ha portato il pareggio del Parma.

Parolo 6 – Regista del Parma, con uno sguardo in più sulla difesa, per questo sono state poche le sue proiezioni in attacco.

Biabiany 6 – Con la sua velocità è sempre un pericolo per le difese avversarie, oggi però si è accentrato troppo spesso finendo nella gabbia dei tre difensori del Torino. 78’ Obi 6 – Amministra la vittoria, addormentando il gioco del Parma, proprio come richiesto da mister Donadoni.

Amauri 7,5 – Ottima la sua prestazione che da solo, mette a ferro e fuoco la difesa granata. Spalle alla porta, in appoggio ai compagni o palla al piede non fa differenza. Il suo primo gol in stagione è il coronamento perfetto alla sua prestazione. Dal 79’ Cassano s.v.

Sansone 5 – Dovrebbe essere il raccordo tra centrocampo e attacco, ma sono mancati gli inserimenti senza palla a sostegno di Amauri, e non è stato pericolo, come Donadoni si sarebbe aspettato, palla al piede. Dal 61’ Palladino 6 – Si muove bene sul versante offensivo provando, senza timore, la conclusione dalla distanza.

All. Donadoni 6,5 – La scelta di non schierare Cassano dall’inizio è stata una scelta che i più hanno contestato, ma alla fine la sua scelta è stata azzeccata. Sin dai primi minuti, ha voluto far suo il possesso palla, riuscendo a strappare in rimonta i primi tre punti del 2014.

 

TORINO

Padelli 6 – Sui gol subiti, non poteva farci davvero nulla; sul primo gol, ha visto la palla spuntare all’ultimo, mentre in occasione della rete di tacco di Lucarelli, ha provato ad allungarsi ma la sfera si è infilata sotto al sette; mentre Amauri, ha tirato da distanza troppo ravvicinata per poter intervenire.

Maksimovic 5,5 – Lucarelli ha sicuramente tirato fuori il coniglio dal cilindro, perché nessuno si sarebbe aspettato un colpo del genere, soprattutto da un difensore, in occasione del vantaggio del Parma, ma la sua marcatura non è stata sicuramente all’altezza.

Glik 5,5 – Non riesce a prendere le misure ad Amauri andando sempre in difficoltà quando, l’attaccante crociato, punta la profondità.

Moretti 5,5 – In difficoltà come tutti i suoi compagni di reparto nel marcare l’unico riferimento offensivo del Parma.

Darmian 6,5 – E’ l’uomo mercato del Torino, in questa sessione di gennaio, e la gara di oggi è l’ennesima dimostrazione del motivo, nonostante l’insufficienza complessiva della squadra. Oltre a disputare una gara di qualità, pennella l’assist sul piede di Immobile per il momentaneo vantaggio granata.

Basha 6 – Fa da schermo davanti la sua difesa, riuscendo a rilanciare bene l’azione granata.

Vives 5,5 – Troppo lento nel giro palla, riuscendo sempre a far rientrare gli avversari. Sul pareggio di Marchionni si fa letteralmente ubriacare dalle finte di Cassani, autore dell’assit. Dal 78’ Bellomo 5,5 – Entra quando il passivo è già troppo pesante per recuperare, soprattutto senza gli attaccanti migliori del Torino.

Farnerud 6 – Cambia bene il gioco diverse volte, e trovando diverse verticalizzazioni per gli attaccanti, ma senza Cerci e Immobile li davanti diventa tutto più difficile. 

Pasquale 5,5 – Nel modulo di Ventura gli esterni sono decisivi per assistere l’azione d’attacco, oggi però è mancato il suo supporto sulla corsia di sinistra andando troppo poco spesso sul fondo.

Cerci 6,5 – Dalle sue accelerazioni nascono le azioni del Toro, basate principalmente sul contropiede, riuscendo sempre ad impensierire le retroguardia crociata; ma questo non basta per Ventura che al rientro dagli spogliatoi lo sostituisce. Dal 45’ Barreto 5 – Entra al posto di Cerci, ma non è nemmeno la sua brutta copia, non entrando mai in partita.

Immobile 6 – Gioca solamente un tempo, toccando due palloni, uno capitalizzato in rete l’altro sciupato incredibilmente. Dal 45’ Meggiorini 5,5 – Più pericoloso di Barretto, soprattutto per la decisione che ha messo in campo, attaccando ogni pallone possibile; ma comunque non si è reso praticamente mai davvero pericoloso.

All. Ventura 6 – Ha preparato la gara con la volontà di lasciare il pallino del gioco in mano degli avversari, basando il gioco del Toro sulla logica del contropiede; questa tattica inizialmente ha portato i suoi frutti, visto il gol del vantaggio e il possibile due a zero per il Toro sciupato da Immobile. La scelta di lasciare in panchina, al rientro degli spogliatoi, Cerci e Immobile è sicuramente da approfondire, probabilmente non si tratta solamente di una scelta tattica, visto che ha messo in panchina gli autori di diciotto gol del Torino, al posto di Barretto e Meggiorini che insieme toccato quota zero…

 

Abitro: Russo 6,5 – Nessun caso limite, giocatori sempre molto corretti, per questo la gestione della gara è stata molto semplice; la sua distribuzione dei cartellini, ha permesso proprio di non andare mai oltre le righe.

 

TABELLINO

PARMA-TORINO 3-1

PARMA (4-3-3): Mirante; Cassani, Lucarelli, Felipe, Mendes; Acquah, Marchionni, Parolo; Biabiany (78’ Obi), Amauri (79’ Cassano), Sansone (61’ Palladino). All. Donadoni.

TORINO (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Moretti; Darmian, Basha, Vives (78’ Bellomo), Farnerud, Pasquale; Cerci (45’ Barreto), Immobile (45’ Meggiorini). All. Ventura.

ARBITRO: Carmine Russo

MARCATORI: 20’ Immobile (T); 34’ Marchionni (P); 44’ Lucarelli (P); 70’ Amauri (P)

AMMONITI: 9’ Vives (T); 13’ Cassani (P); 62’ Meggiorini (T).

ESPULSI: -

 




Commenta con Facebook