• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI VERONA-ATALANTA

PAGELLE E TABELLINO DI VERONA-ATALANTA

Denis fa il 'Tanque', ma Juanito e Jorginho la ribaltano


Verona-Atalanta (Getty Images)
Antonio Russo

08/12/2013 18:54

PAGELLE TABELLINO VERONA ATALANTA / VERONA - Mandorlini ritrova il sorriso dopo tre domeniche avare di successi. Gli scaligeri agguantano un prezioso successo grazie alle reti di Juanito e Jorginho (su rigore), male invece ancora l’Atalanta che si aggrappa ancora una volta al talento di Denis ma non riesce a fare propria la partita. Da segnalare un discusso rigore concesso nel finale da De Marco ai gialloblù.

 

VERONA

Rafael 6,5 – In un paio di occasioni si mostra attento e difende bene i propri pali, non può nulla però sulla rete di Denis. Nel secondo tempo nega la doppietta al Tanque con un intervento straordinario.

Romulo 6,5 – L’esterno brasiliano da quando veste i colori rossoblù sembra rinato ed anche quest’oggi fa il suo sull’out di competenza, facendo letteralmente ammattire Koné. Tanti i cross interessanti messi al centro, è lui a creare le situazioni maggiormente pericolose per il Verona.

Maietta 6 – Chiude ogni varco all’attacco orobico e Mandorlini gli affida anche compiti di regia arretrata che riesce ad adempiere con qualche affanno, insomma bravo da difensore, meno bene da playmaker di difesa.

Gonzalez A. 5 – Ci capisce davvero poco nell’occasione del goal atalantino, Denis lo ubriaca e lui abbocca ad ogni finta. Regala al pubblico una bella compilation di errori e nella seconda frazione di gioco continua il suo show negativo in marcatura sul Tanque che fa quello che vuole di lui.

Agostini 6,5 – Buona la prova di entrambi i terzini gialloblù, l’ex Cagliari quando può attacca con diligenza e accorcia bene sugli attaccanti avversari.

Hallfredsson 6 – La sua partita è senza onori e senza macchie, recupera qualche pallone e si offre alla fase offensiva cercando spesso il dialogo con Agostini e Martinho.

Cirigliano 5,5 – Perde diversi palloni a centrocampo e su uno di questi nasce l’azione del goal della dea. Bagna, purtroppo per lui, l’esordio dal primo minuto in serie A con diversi errori marchiani. Dal 57’ Juanito 6,5 – Prova la conclusione dalla distanza e con il suo passo sgusciante è l’unico insieme a Toni a mettere in apprensione la difesa bergamasca, su azione da corner di testa trova la rete del pareggio. 

Jorginho 6 – Tanto, tantissimo talento, ma oggi non si è visto, il gioiello più splendente di casa Setti appare un po’ appannato e di ciò ne risente tutta la squadra che orfana del suo genio si ritrova senza fantasia. Nel finale però si guadagna la sufficienza con un rigore calciato magistralmente.

Iturbe 5,5 – Non riesce a saltare quasi mai l’uomo e cestina clamorosamente la palla del pareggio offertagli da Toni ad inizio ripresa. Dal 88’ Moras s.v.

Toni 6,5 – L’attaccante campione del mondo 2006 continua ad essere “il vecchio che avanza”, lotta e azzanna ogni pallone che gli capita tra i piedi, purtroppo è poco assistito dai compagni di reparto che lo lasciano da solo contro la difesa orobica.

Martinho 5,5 – Così come il collega di reparto Iturbe, sembra lento e prevedibile, non riesce mai ad offrire palloni giocabili ai compagni e Mandorlini stizzito lo sostituisce. Dal 72’ Cacia 6 – Entra in campo con grande generosità, non fa cose trascendentali e spesso si pesta i piedi un po’ con tutti ma nel finale riesce a procurarsi un rigore fondamentale.

All. Mandorlini 6,5 – Il suo Verona mostra sin dal primo minuto più fame degli avversari anche se manca in alcuni uomini chiave. Il tecnico di Ravenna azzecca tutte le sostituzione e riesce ad agguantare un successo che mancava ormai da tre domeniche. Il Verona con lui può sognare anche una qualificazione europea.

 

ATALANTA

Consigli 5,5 – Qualche uscita un po’ avventata e un errore gravissimo sull’alba della seconda frazione di gioco quando per evitare un calcio d’angolo regala la palla del possibile pareggio al Verona. Non ha colpe invece sui due gol.

Canini 5,5 – Soffre Agostini sulla sua fascia e spesso si trova fuori posizione concedendo praterie dalle sue parti dove sfondano con solerzia i centrocampisti veronesi.

Cazzola 5,5 – Comincia il match un po’ in affanno ma col passare dei minuti cresce e sbroglia diverse situazioni pericolose. Nel finale si perde Cacia e lo atterra concedendo il rigore agli scaligeri e si fa espellere. 

Lucchini 6 – Riesce spesso a limitare i danni su Toni che da solo si trascina dietro tutta la difesa nerazzurra, nel finale è costretto a mettere una pezza in diverse situazioni pericolose e si dimostra all’altezza ma non basta.

Brivio 6,5 – Tiene finché può lo straripante Romulo di quest’oggi ma viene spesso lasciato solo contro il brasiliano da Koné che non gli offre mai il raddoppio. Per sua fortuna l’esterno ex Fiorentina è a sua volta poco assistito da un opaco Iturbe.

Brienza 5 – Lento è impacciato si perde tra le maglie degli scaligeri non riuscendo a creare quasi mai problemi agli avversari. Colantuono in assenza di Maxi Moralez gli affida le chiavi del gioco nerazzurro ma lui lo ripaga con una prestazione opaca fatta più di ombre che di luci, fortunatamente per lui Denis è in un momento di onnipotenza e riesce a fare reparto da solo. Dal 67’ Giorgi 6 – Entra con buoni propositi ma la squadra ha perso ormai completamente ogni senso tattico e lui ne paga le conseguenze.

Carmona 5,5 – Fa poco filtro a centrocampo e spesso perde sanguinosi palloni, nel finale del primo tempo si fa male ed è costretto ad uscire ad inizio ripresa. Dal 46’ Migliaccio 5,5 – Dovrebbe tamponare a centrocampo, invece non riesce ad arginare lo strapotere avversario.

Baselli 6,5 – Buona la prova del giovane centrocampista atalantino che ha mostrato un buon piede orchestrando con diligenza la manovra orobica.

Koné M. 5,5 – Il centrocampista ivoriano arruffone e disordinato vede spesso sfrecciargli di fianco Romulo, in fase offensiva invece spinge poco e male e in un’occasione cestina un potenziale contropiede inceppandosi da solo sulla palla. Unico bagliore in un pomeriggio grigio è l’assist a Denis in occasione dell’1-0. 

De Luca 5,5 – L’ex stella del Varese sembra essersi un po’ persa nei meandri della serie A, prigioniero del suo stesso talento sembra avere mille soluzioni tra i piedi salvo poi scegliere quasi sempre quella sbagliata. Dal 79’ Livaja s.v.

Denis 7 – El Tanque lasciato dai compagni a lottare contro il pacchetto arretrato gialloblù si disimpegna benissimo con una prestazione di enorme spessore. La punta argentina lotta su ogni pallone e si inventa la rete del vantaggio orobico, nel secondo tempo solo un grandissimo Rafael gli nega la meritata doppietta.

All. Colantuono  5,5 – La sua squadra è in un periodo nero (una sola vittoria nelle ultime cinque partite), certo i tanti infortuni non aiutano ma oggi la dea è sembrata priva di idee. Probabilmente un centrocampo più affollato avrebbe aiutato, tanta, troppa la distanza tra i reparti, a questa squadra manca maledettamente un giocatore come Cigarini.

 

Arbitro Andrea De Marco 5,5 – Dirige la gara in maniera British, lasciando molto correre e questo favorisce lo spettacolo. Macchia purtroppo la sua ottima prestazione con un grave errore finale in occasione del rigore concesso al Verona, il fallo è fuori area, giusto invece il rosso a Cazzola per intervento da ultimo uomo.

 

TABELLINO

VERONA-ATALANTA 2-1

VERONA (4-3-3): Rafael; Romulo, Maietta, Gonzalez A., Agostini; Hallfredsson, Cirigliano(57’ Juanito), Jorginho; Iturbe(88’ Moras), Toni, Martinho(71’ Cacia). All. Mandorlini.

ATALANTA (4-4-1-1): Consigli; Canini, Cazzola, Lucchini, Brivio; Brienza(67’ Giorgi), Carmona(46’ Migliaccio), Baselli, Koné M.; De Luca(79’ Livaja); Denis. All. Colantuono.

Arbitro: Andrea De Marco

Marcatori: 42’ Denis (A), 82’ Juanito (V), 87’ rig. Jorginho (V)

Ammoniti: Carmona (A), Denis (A), Maietta (V), De Luca (A)

Espulsi: Cazzola (A)




Commenta con Facebook