• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Sky, Grasso attacca Mauro e la Roma non concede giocatori

Sky, Grasso attacca Mauro e la Roma non concede giocatori

A fine match con il Chievo solo Garcia ha parlato ai microfoni dell'emittente televisiva


Massimo Mauro /(Getty Images)

01/11/2013 18:22

ROMA SKY GIOCATORI NEGATI / ROMA - Non è un bel momento per i rapporti tra 'Sky' ed alcuni club italiani. La polemica andata in scena mercoledì sera tra Massimo Mauro e Andrea Della Valle è ancora negli occhi degli sportivi italiani, e da più parti è arrivata una ferma censura nei confronti dell'atteggiamento dell'ex ala destra della Juventus e del Napoli. Dalle pagine del 'Corriere della Sera' Aldo Grasso ha espresso le sue perplessità sull'opinionista: "Le grandi domande sono cambiate, ma la vera domanda è: con tutti i soldi che Sky spende per i diritti sportivi, perché rovina tutto con i commenti di Massimo Mauro? Sto parlando del personaggio, di ciò che appare in tv, non della persona che non conosco. [...] A volte, non basta essere stato deputato dell’Ulivo, aver fatto il presidente del Genoa, aver giocato con Platini, Zico e Maradona per essere all’altezza del compito". Ma non è solo Mauro ad irritare, come dimostra la scelta della Roma di ieri sera, dopo il match con il Chievo, di concedere alle telecamere dell'emittente satellitare solo Rudi Garcia, creando non poca tensione tra lo staff giallorosso e i giornalisti 'Sky' presenti in mixed zone, che non si aspettavano di non poter parlare con i vari Florenzi, Castan e Borriello. Secondo quanto riferisce 'Rete Sport' tale scelta sarebbe da ricondurre a dei commenti in studio di De Grandis e Costacurta risultati sgraditi alla dirigenza romanista.

A.C.

 




Commenta con Facebook