• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Parma > Genoa-Parma, Donadoni: "Piu' difficile rispetto al Milan"

Genoa-Parma, Donadoni: "Piu' difficile rispetto al Milan"

Il tecnico dei crociati ha parlato in conferenza stampa



29/10/2013 17:27

GENOA PARMA CONFERENZA DONADONI / PARMA - Alla vigilia del match di Marassi contro il Genoa l'allenatore del Parma Donadoni ha parlato in conferenza stampa: "Valuteremo in queste ore le condizioni di recupero di chi ha giocato, ma comunque le alternative non mancano. Cassano? Antonio con il Milan ha preso un bel cazzotto in testa, vedremo come sta, valuteremo insieme con lui. Se ha smaltito quello, io credo che l'entusiasmo e la voglia di esserci non gli manchino".

FELIPE - "Anche lui è uscito acciaccato ma sta meglio. In ogni modo valutiamo tutti gli aspetti oggi".

ARBITRO - "Credo che la designazione sia assolutamente all'altezza, non ho timori di questo tipo. Sappiamo che troveremo un ambiente difficile ma che deve  altrettanto diventarlo per chi è chiamato a fare la partita in casa propria. Noi dobbiamo essere carichi, compatti, lasciarci alle spalle subito la vittoria sul Milan ed essere bravi a fare in modo che quella che può essere una situazione complicata per i nostri avversari possa tornare a vantaggio nostro".

PRONTEZZA - "Quella di domani sera sarà una gara di grande impatto dal punto di vista mentale, quindi chi giocherà dovrà essere pronto anche in questo senso. Sappiamo che dovremo lottare e soffrire. Ci aspetta una partita più difficile e complicata rispetto a quella giocata con il Milan. Il Genoa anche contro la Juve ha mostrato convinzione e aggressività e noi dovremo saper reggere l'urto".

CONTINUITA' - "Dobbiamo affrontare tutte le squadre come fossero delle 'big'. Se pensiamo che qualche squadra non lo è commettiamo in partenza un errore grossolano. Se invece ragioniamo diversamente facciamo un  grande salto di qualità che deve essere nei fatti e non solo a parole".

A.C.




Commenta con Facebook