• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Genoa > Genoa, Gasperini: "L'Inter ha bloccato la mia crescita. Ranking? Siamo fin troppo alti"

Genoa, Gasperini: "L'Inter ha bloccato la mia crescita. Ranking? Siamo fin troppo alti"

E' forte l'emozione del tecnico per il ritorno al 'Ferraris'


Gasperini (Getty Images)
Andrea Branco (twitter: @brancandre)

17/10/2013 08:25

GENOA INTERVISTA GASPERINI / GENOVA - "L'attesa mi sta dando grande carica. Per qualcuno i ritorni sono minestre riscaldate: non sempre è così. Mai vorrei deludere l'affetto della piazza". Giampiero Gasperini non vede l'ora di rimettere piede al 'Ferraris' e guidare magari il 'Grifone' alla prima vittoria della sua nuova gestione sotto gli occhi attenti di un emozionato pubblico di casa. Di seguito alcuni estratti dell'intervista rilasciata da mister Gasp a 'La Gazzetta dello Sport'.


IL RITORNO
- "Rientrare è stato facile. Ho ritrovato a Pegli le stesse persone con cui avevo instaurato un grande rapporto rimasto intatto negli anni. Mi manca solo Marassi. La firma del contratto triennale? E' un segnale forte per l'esterno, ma anche per me. I tifosi? Faccio fatica a spiegarmi tanta stima, ma è la cosa più bella che mi potesse capitare. Sono consapevole dei rovesci della medaglia e dei tranelli che nasconde questo ritorno. Ma, sinceramente, non me ne frega nulla".

INTER E PALERMO - "La prima volta ci affacciavamo alla serie B, ora ritorno con una credibilità diversa. Purtroppo le ultime due esperienze hanno fermato la mia crescita. Ripartire da qui mi aiuta a farlo nel modo migliore".

MODULI E FLOP ESTERO - "Se non vinciamo all'estero è un problema di uomini, non di moduli, ma comunque la Juve l'anno scorso in Europa fu competitiva. La verità? Abbiamo fatto un tale scempio dei nostri vivai e dei nostri giocatori che dovremmo essere ben più indietro nel ranking".

ROMA E GARCIA - "Non credevo che potesse candidarsi a lottare per lo scudetto. Però ricordo quel Lilla e la sua velocità. La Roma era già fortissima l’anno scorso".

 




Commenta con Facebook