• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > L'Editoriale di Sugoni - Andreazzoli, Rossi e l'ottovolante Palermo: quando cambiare fa bene

L'Editoriale di Sugoni - Andreazzoli, Rossi e l'ottovolante Palermo: quando cambiare fa bene e quando no

Consueto appuntamento con il nostro esperto di mercato, giornalista di 'Sky Sport 24'


Aurelio Andreazzoli (Getty Images)
Alessandro Sugoni

28/02/2013 10:48

EDITORIALE SUGONI ANDREAZZOLI ROSSI PALERMO ALLENATORI / MILANO - C'è un mercato che di solito comincia quando quello dei giocatori finisce: è il mercato degli allenatori. Cambi da stagione in corso. Figli di risultati che – di solito – non arrivano. Sconfitte, o a volte mancate vittorie. Così Alberto Malesani (proprio per le mancate vittorie) è durato appena tre partite sulla giostra della panchina del Palermo. Tre pareggi, troppo poco per Zamparini e per la sua paura di retrocedere. Da domenica via al Gasperini-bis. La sua prima fase rosanero era durata 4 mesi, 18 giorni e 21 partite e aveva portato una media di 0,76 punti per gara. Meno anche delle 4 (con 4 punti conquistati) della gestione Sannino. Il Palermo è solo l'emblema di una pratica - quella del cambio di allenatore - che nel nostro campionato a fine stagione di solito arriva sempre in doppia cifra. Non sempre però porta miglioramenti visibili, almeno stando ai numeri. A Pescara – ad esempio – Bergodi sta facendo meno bene di Stroppa. Un punto di media nelle 14 partite del primo, 0,76 nelle quattordici del secondo e una posizione in classifica sempre più difficile. Quelli di Palermo e Pescara però sono gli unici casi di cambio in negativo. Per il resto le novità hanno fatto bene.

Benissimo in qualche caso: al Chievo Di Carlo aveva messo insieme appena 3 punti in 6 partite. Corini ha alzato la media fino a 1,21. Ed ha raggiunto una relativa tranquillità in classifica. Ancor meglio il saldo della coppia Pulga-Lopez al Cagliari: 1,45 di media in 22 gare contro lo 0,33 nelle 6 di Ficcadenti. Bene anche Iachini a Siena (1,21 di media in 19 partite contro 1 punto a gara del predecessore Cosmi), Delio Rossi alla Sampdoria (media di 1,67 contro 1 di Ferrara) e Andreazzoli, che ha alzato la media della Roma nelle sue tre partite a 2 punti (contro l'1,60 di Zeman). Tra quelle che hanno cambiato manca il Genoa, che merita un discorso a parte. Ha cambiato due volte, la prima è andata malissimo (Del Neri – 0,62 punti a partita contro l’1,125 di De Canio). La seconda molto meglio, con Ballardini che in 5 gare ha messo insieme 9 punti e migliorato di molto la classifica. Il doppio cambio sembra aver funzionato. Chissà come andrà quello triplo del Palermo...




Commenta con Facebook