Breaking News
  • Calciomercato Inter, Spalletti contro Icardi: cosa succede adesso
    © Getty Images

Calciomercato Inter, Spalletti contro Icardi: cosa succede adesso

Il tecnico perde punti pur di riaffermare coerenza e credibilità. L'ombra di Conte si fa sempre più ingombrante e anche Perisic rischia

CALCIOMERCATO INTER SPALLETTI ICARDI / Sempre lo stesso copione. Quando la polemica sembra sgonfiarsi e le questioni extra-campo cominciano a riallinearsi, qualcuno da dentro l'Inter riesce puntualmente a riportarle in prima pagina con titoloni e turbolenze che hanno portato ad una spaccatura netta proprio nel momento decisivo della stagione. Di Inter-Lazio infatti dopo la sconfitta dell'Inter resta più che altro lo sfogo di Luciano Spalletti sul caso Icardi che riaccende le due fazioni (chi sta con società/allenatore contro chi voleva Icardi in campo) e le voci di mercato. Il risultato è che la stagione del consolidamento del progetto si è trasformata in un'altra annata di transizione con vista sul prossimo calciomercato Inter che preannuncia novità e cambiamenti profondi. Soprattutto con la Champions League, obiettivo minimo che la squadra nerazzurra non può permettersi di farsi sfuggire, che porterà ad un calciomercato di rivoluzione, dall'allenatore a molti elementi in rosa.

Calciomercato Inter, Spalletti-Icardi: le prossime tappe

La settimana appena trascorsa era stata quella del riavvicinamento, con il ritorno di Mauro Icardi in campo con i compagni. Sembrava fosse tornato il sereno, tant'è che in molti si aspettavano una convocazione già per Inter-Lazio che poi non è arrivata, come annunciato da mister Spalletti nella conferenza alla vigilia alludendo a qualcosa "successo ieri (venerdì, ndr)". Più voci parlano di un Icardi che si sarebbe rifiutato di chiarirsi con la squadra dopo gli oltre 40 giorni di auto-esclusione. Un ulteriore gesto ritenuto inaccettabile da parte del mister che, dopo la mediazione società-giocatore, ha l'ultima parola sulle questioni di campo, con l'appoggio ribadito pubblicamente dall'Ad Marotta proprio ieri nel pre-partita. Dopo il ko con i biancocelesti, poi, Spalletti è un fiume in piena e definisce "umiliante" la mediazione per il ritorno di Icardi, chiarendo in seguito che se si allenerà correttamente sarà di nuovo arruolabile già da mercoledì contro il Genoa a 'Marassi'.

Un turno di stop imposto per ribadire coerenza e credibilità agli occhi di tutti quanti, visto che in precedenza altri calciatori sono stati fermati per episodi anche meno 'gravi'. Ed in questo senso anche le dichiarazioni distensive di Wanda Nara in serata a Tiki Taka fanno pensare ad un possibile ritorno alla prima occasione utile lontano da 'San Siro', che ieri lo ha ignorato chiamando invece a raccolta la squadra per superare il momento onorando la maglia.

Calciomercato Inter, l'ombra di Conte su Spalletti: Icardi, Perisic e le altre mosse

Nonostante il chiarimento in conferenza stampa, però, rimane la sensazione di un Luciano Spalletti nervoso e (non è la prima volta) indirittemante critico anche nei confronti della gestione societaria di un caso spinoso. Alla vigilia, rispondendo ad un giornalista, aveva detto che si sarebbero rivisti in conferenza anche la prossima stagione. A meno di exploit clamorosi da qui a fine stagione però la separazione sembra inevitabile ed il ko con la Lazio (soprattutto alla luce degli altri risultati maturati nel weekend di campionato) è un brutto matchpoint fallito ed un punto in meno a favore della sua permanenza. Il tutto mentre nel frattempo prende sempre più consistenza l'ombra di Antonio Conte e le voci sull'accordo di massima già raggiunto con Marotta, nonostante la concorrenza di altre big di A più o meno agguerrite, dalla Juventus alla Roma passando per il Milan.

Qualche indizio in questo senso potrebbe arrivare anche dalle mosse di mercato che l'Inter sta già portando avanti. Dopo Godin, bloccato a zero dall'Atletico Madrid, si scalda Matteo Darmian che per il 3-5-2 di Conte sarebbe perfetto. A centrocampo è caccia ad un big, con il mirino puntato sul Barcellona dove oltre all'obiettivo numero uno Ivan Rakitic è tornato di moda Arturo Vidal, un fedelissimo del tecnico leccese che in Catalogna segnalano già come possibile partente. In attacco, poi, è forte la candidatura di Edin Dzeko (che come raccontato da Calciomercato.it vuole un biennale con opzione per il terzo anno) che Conte avrebbe già voluto al Chelsea. Anche se, senza Spalletti, non sarebbero da escludere ribaltoni clamorosi sul conto di Mauro Icardi, al momento dato per partente quasi certo. Da tenere d'occhio. Mentre appare ormai inevitabile la cessione di Ivan Perisic, con la testa altrove già da mesi ed in rottura con lo stesso 'Maurito'.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)